Utente 354XXX
Buonasera vorrei un consiglio, mia figlia di 21 anni ha la sindrome di Chiari ed il neurochirurgo le ha prescritto la terapia metodo meizer per problemi alla schiena tra i quali un ernia, parlando col fisiatra mi ha detto che la motilita della schiena è buona e mi ha chiesto se il neurochirurgo che ha prescritto la terapia sapesse come va fatta, poiché si tratta di trazioni e velatamente mi ha fatto capire che non sarebbe il caso. Vorrei sapere se effettivamente è il caso di fare questa terapia o no

[#1]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Egregio Utente,
la sua richiesta è molto pertinente alla necessità di effettuare trazioni della colonna in relazione alla diagnosi che è stata fatta di sindrome di Chiari. Tuttavia, va specificato che di sindrome di Chiari esistono tre distinte varietà ed è verosimile che la ragazza ne sia affetta dal tipo 1, ma anche in questo caso occorre poter definire clinicamente se sia sintomatica o meno. In caso sia sintomatica è inoltre opportuno eseguire il test specifico della RM funzionale relativa al flusso liquorale.
Comunque, nel caso sia sintomatica, le manovre di trazione finirebbero per causare una sintomatologia molto fastidiosa.
Spero di averle chiarito il problema.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 354XXX

Grazie mille per la spiegazione chiara e dettagliata, evito la terapia ed al prossimo controllo porterò mia figlia da lei

[#3]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
innanzitutto la ringrazio per la cortese recensione.
Nei tanti anni di esperienza neurochirurgica ho acquisito che la sindrome di Chiari è un problema molto dibattuto tanto per il suo carattere clinico, spesso misconosciuto, quanto per le controverse tendenze sulle reali indicazioni suo trattamento. Sarò ben felice di poterla aiutare, se vorrà ancora consultarmi.
Cordiali saluti
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#4] dopo  
Utente 354XXX

Ancora grazie senza altro sarà il nostro punto di riferimento per ulteriori dubbi, poi ci vedremo quando dovrà ripetere la RM. Buona serata