Sbandamenti

sbandamenti e stanchezza

buongiorno,
ho 70 anni e godo in generale di ottima salute, da circa 3 anni soffro di problemi di equilibrio specialmente alla sera. ho riscontrato notevoli sbandamenti nel camminare e oltretutto non riesco più a correre ne ad andare in bicicletta, riesco comunque a guidare la macchina. dai vari esami che ho effettuato in questi anni in varie cliniche e dopo il consulto di vari neurologi e’ emersa la seguente situazione:
- il disturbo si manifesta maggiormente la sera perche’ dall’esame agli occhi si riscontra che la pupilla non si dilata;
- dopo l’ esame di videonistagmografia computerizzata è emersa una areflessia vestibolare bilaterale, con le prove termiche che hanno riscontrato la mancanza di risposta.
- esito dell’ esame elettromiografico:
reperti compatibili con screzio radicolopatico cronico a prevalente distribuzione l5 sin; concomitanti segni di possibile, aspecifica e minima sofferenza neurogena nella mm.distale degli arti inferiori.
per cercare di curare questo disturbo mi sono sottoposto alle seguenti cure:
- esercizi fisici (camminare in punta di piedi, sui maressi, sui tacchi etc.)
solo per 2 settimane con esito nullo.
- farmaci:
benerva im 6f 1ml 100mg 1 al di’.;
rigentex 30cps molli 400ui 1 al di’;
dai farmaci non ho avuto alcun migliorameto.
ho fatto i seguenti esami che non hanno riscontrato alcun malfunzionameto o patologia:
- il 4.06.04 esame cocleovestibolare;
- il 18.06.04 visita oculistica;
- il 25.06.04 eco color doppler vascolare;
- il 3.12.04 electronystagmography test;
- il 23.09.04 visita completa otorinolaringoiatrica;
- il 18.11.04 audiometria tonale e timpanometria;
- il 10.05.07 esame elettromiografico.
- esami del sangue e della pressione nella norma.
l’ unico farmaco che assumo abitualmente e’ enapren 20mg mezza pastiglia al di’.


secondo il parere dei medici da me interpellati la scienza non è ancora pronta per affrontare queste situazioni, in pratica non si puo’ intervenire.
avento sempre vissuto in maniera dinamica e sportiva mi ritrovo ora a fare una vita molto diversa e difficile da accettare, non posso piu’ andare in bicicletta, non riesco piu’ a camminare la sera senza sbandare in maniera evidentissima.
sarei disposto ad effettuare nuove visite, a provare nuovi farmaci e anche ad operarmi pur di cercare di risolvere almeno in parte questo pesante disturbo, anche perche’ ho notato un peggioramento generale in questi anni.
grazie tante per il tempo che mi avete dedicato.
utente 41988



[#1]
Dr. Vincenzo Sidoti Neurologo 566 16 27
In effetti le patologie vestibolari croniche non beneficiano di terapia farmacologica.
Vorrei qualche precisazione su chi le ha diagnosticato l'anomalia della dilatazione pupillare; vorrei poi sapere se è stato fatto un dosaggio di B12, folati sierici o un test VDRL e TPHA. Se non sono stati eseguiti, li esegua. Mi faccia sapere

Dott Vincenzo Sidoti

[#2]
Dr.ssa Anna Mauro Neurologo 29
Concordo con il Dr Sidoti sugli esami ematochimici che (se positivi) potrebbero dare al Paziente una possibilità terapeutica per migliorare l'atassia sensitiva che descrive.
Se invece tali esami fossero negativi consiglierei al Paziente una rivalutazione neurologica ambulatoriale.
Cordiali saluti


[#3]
dopo
Utente
Utente
Innanzitutto buongiorno e grazie molte per aver letto la mia scheda,
per quanto riguarda gli esami che hanno riscontrato il problema alle pupille, sono stati eseguiti privatamente in data 6.03.2007, dove il medico ha riscontrato la mancanza della dilatazione della pupilla, e ha sostenuto appunto che tale patologia sarebbe causa dell’ aumento del disturbo nelle ore serali.
L’esito dell’esame si articola in 2 fogli a me quasi incomprensibili, tramite un giovane amico ho realizzato un file PDF con gli esami stessi e se fosse possibile li invierei via e_mail.
inoltre il 23.12.2004 ho effettuato i seguenti esami di controllo per la vista: grandezze calcolate;
Occhi aperti:
Xmed 18.33 (mm -11.9_12.5)
Xmax 30,4 (mm -5.4_20.2)
Lunghezza totale traccia 565.46 (mm 148.8_531.2)
Superficie dell’ellisse 90% 435.19 (mmq 0.0_280)
Occhi chiusi:
Xmed 19.91 (mm -11.3_12.7)
Xmax 57,2 (mm -8.1_24.6)
Lunghezza totale traccia 1510.82 (mm 120.3_832.7)
D.S. VELOCITA’ 19.32 ( 1.0_11,5)
Superficie dell’ellisse 90% 2262.76 (mmq 0.0_426)
Per quanto riguarda gli esami VDRL E TPHA provvedero’ a farli a breve termine e a comunicarVi gli esiti.
Le Vitamine che ho assunto sono contenute nei farmaci indicati nella prima scheda, e non so se siano quelli contenenti solo b 12 o anche altre vitamine. Stesso discorso vale anche per i folati sierici, nella prima scheda ho indicato con attenzione tutti i farmaci che ho assunto.
Ancora grazie.
Utente 41988
[#4]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno,
ho appena ritirato gli esiti degli esami VDRL E TPHA e sono risultati tutti e due negativi.

Volevo chiedere quale strada potrei seguire per cercare di alleviare almeno in parte questo disturbo, che oltretutto noto essere in lieve peggioramento. Sono disponibile per ogni visita e/o consulto.

Vi ringrazio molto

Utente 41988
[#5]
dopo
Utente
Utente
oltre agli esami indicati ho fatto queste visite:
- il 26.03.07 Visita oculistica (senza novità rispetto alla precedente del 18.06.04)
-11.04.08 visita neurologo:
Hanno provato con atropina per dilatare la pupilla per alcuni giorni, ma purtroppo senza alcun miglioramento.

-30.04.08 alla luce di questi esami e di questo percorso il neurologo mi ha detto che non ci sono più strade da provare, e se nel caso in futuro ci dovessero essere delle novità mi avrebbero contattato.

Come mia considerazione personale vi faccio presente che in questi anni ho effettuato diverse anestesie totali (interventi per ernia) e ho notato un certo peggioramento dei miei sbandamenti dopo le operazioni;
ci può essere qualche collegamento con i miei problemi?

Grazie ancora

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test