Forti mioclonie al risveglio

Egregi Dottori,
sono una ragazza di quasi 21 anni, in ottima salute, ma ansiosa, paranoica e nervosa.
Da circa 3-4 anni soffro di mioclonie al risveglio: mi sveglio, mi alzo, e mentre svolgo le normali faccende inizio a scuotere il collo, gli arti superiori e talvolta anche quelli inferiori. Tali manifestazioni durano per un secondo o anche meno, ma possono anche verificarsene dalle 2 alle 4 di seguito. Si protraggono anche dopo un'ora dal mio risveglio, allontanandosi sempre più. Ci tengo a precisare che sono perfettamente sveglia quando avvengono, infatti più volte son caduta o mi son caduti oggetti dalle mani. In genere si manifestano quando ho dormito poco e male o quando sono veramente sotto stress. Oppure, molto raramente, mi viene uno di questi "miocloni" quando una luce improvvisa mi colpisce in pieno viso. Prima si manifestavano di tanto in tanto durante tutto il mese, adesso si sono concentrati solo durante il periodo premestruale e mestruale. Poi scompaiono. Sono già stata da un neurologo al quale ho chiesto se poteva trattarsi di epilessia, in quando una forma della suddetta malattia (sindrome di Janz) combacia perfettamente con i miei sintomi. Mi ha detto però che l'epilessia non si manifesta in tal modo, e dopo un'accurata visita dalla quale non è emerso nulla, mi ha prescritto un integratore di magnesio e alcuni esami del sangue (elettroliti, ormoni tiroidei ecc.) . Le mie manifestazioni però non accennano a diminuire (colpa anche del ciclo mestruale anche se mi sembra strano che le due cose siano correlate). Scusate se mi sono dilungata, ma ci tenevo a precisare correttamente i miei sintomi. Vorrei un parere di altri medici, cosa dovrei fare per capire il motivo di questi miocloni? Mi piacerebbe che smettessero di venirmi perchè sono davvero fastidiosi! Grazie in anticipo.

Cordiali Saluti.
[#1]
Dr. Otello Poli Neurologo, Algologo, Esperto in medicina del sonno 6,8k 189 51
Non so bene cosa sarebbe dovuto emergere da una accurata visita neurologica giacchè il paziente epilettico, di fuori delle crisi, ha una obiettività neurologica usualmente normale.
Utile sarebbe uno studio neurofisiopatologico del tipo "EEG dinamico delle 24 ore con ipnogramma e ripresa Video nel sonno e fase di passaggio sonno/veglia".

Cordialmente.

Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio