Utente 219XXX
Buongiorno Dottore,
da circa un mese sto accusando dei bruciori e dolori alle gambe che iniziano dalla coscia fino ai piedi, come una sensazione di calore continuo e come se mi bruciassero. Ho effettuato un esame ecocolor doppler arterioso e venoso agli arti inferiori ma è tutto nella norma. Il dottore che mi ha effettuato questa visita mi ha prescritto di fare le seguenti analisi:
- Emocromo (tutto nella norma ad eccezione dei linfociti che ha un valore di 40.60% mentre i valori di riferimento sono 20/40 uomini
- VES prima ora 2
Seconda ora 6
Indice di Katz 2.50
- Proteina C reattiva 1.60
- Fattore reumatoide 5.70
- C3 158
- C4 32
- Calcio totale 9.80
- Magnesio Totale 1.80
- Sodio 142.8
- Potassio 4.60
- Vitamina D3 39
Penso che sia tutto nella norma.
non riesco a trovare la situazione a questo problema. Nemmeno tenendole alzate il bruciore diminuisce. Sul web leggo che potrebbe essere qualcosa di collegato alla SM., ma non so cosa fare, stamattina nuovamente il dottore mi ha detto che io non ho nulla. Sarà mia sensazione ma e come se il calore lo avvertissi avvolte anche nelle mani. Cosa potrebbe consigliarmi?
Circa un anno fa ho effettuato una RMN alla cervicale ma era tutto negativo (non per questo problema).
Cosa potrebbe consigliare di fare?
La ringrazio anticipatamente.
Saluti

[#1] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Buon giorno,

non vedo la indicazione all'esame EcoDoppler arti inferiori. Ma oramai è fatto.

La tipologia del dolore che riferisce è quella di un "dolore neuropatico" (bruciore, urente, ecc).

Mi sembra come sia indicat una valutazione clinica neurologica presso esperto in diagnosi e terapia del dolore.

Verosimilmente il collega riterrà di prescriverle alcuni esami strumentali quali una Emg/Eng e forse una nuona RM.

Cordialmente.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2] dopo  
Utente 219XXX

Ma da cosa è dovuto questo bruciore? Quando Lei mi parla di dolore neuropatico a cosa fa riferimento?
La ringrazio anticipatamente.
Saluti

[#3] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Ad una sofferenza del midollo spinale o più facilmente delle radici spinali o dei nervi periferici.

Naturalmente il problema è individuare il 1) sito e la 2) causa della sofferenza medesima.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#4] dopo  
Utente 219XXX

Buongiorno
Per cui potrebbe avere a che fare con la sm?
Potrei non camminare più?
La ringrazio anticipatamente
Saluti

[#5] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Il dolore è un sintomo assai tardivo di SM ed è correlato alla spasticità muscolare a livello dei segmenti corporei colpiti da paresi.
Il dolore "per sè medesimo" non rappresenta pressochè mai la sintomatologia di esordio.

Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#6] dopo  
Utente 219XXX

Oltre alla visita neurologica cosa potrei fare?
Oltre al bruciore ho anche dei dolori ai glutei ma sono lievi.
Esami del sangue per scongiurare qualcosa di grave?

[#7] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Come Le ho già detto preliminarmente una valutazione neurologica poi verosimilmente una RM del Rachide ed una EMG. Solo nel caso tutto ciò no fosse dirimente sarebbero indicati i Potenziali Evocati midollari quali SEP e MEP.

Quindi individuata la causa del dolore un trattamento "mirato" secondo linee guida: http://www.otellopoli.it/dolore-cronico/

Cordialmente.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#8] dopo  
Utente 219XXX

Buongiorno Dottore,
ieri ho effettuato la visita neurologica e il neurologo mi ha dato il seguente referto:
Il Pz. riferisce sensazione di brividi al capo, cervicalgia e bruciori agli arti inferiori. EON: sveglio, vigile, cosciente, ROT normovivaci e simmetrici, forza e sensibilità in ordine, manovra di Lasegue positiva ai gradi estremi bilat.
Ha effettuato Rx rachide cervicale che ha mostrato la presenza di una rettifica della lordosi fisiologica.
Si consiglia esecuzione RM lombale.

Terapia:
Algix 1 cpr x 7 gg
Flexiban 1 cpe x 10 gg
Lanzopranzolo 1 cpr x 10 gg
Mag 2 bust os 1 x 2 x 10 gg

Cosa ne pensa?
Perché ho questi bruciori alle gambe?
Al Mag 2 bust per os 1x2 per gg 10 cosa si intende os?

Attendo Sue

[#9] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
A parte la padronanza della lingua e della grammatica?

Cosa ne penso?
Già detto:
...indicati una RM del Rachide ed una EMG...
...quindi solo nel caso tutto ciò no fosse dirimente sarebbero indicati i Potenziali Evocati midollari quali SEP e MEP.

Una volta individuata la causa del dolore un trattamento "mirato" secondo linee guida: http://www.otellopoli.it/dolore-cronico/
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#10] dopo  
Utente 219XXX

Buongiorno Dottore,
a distanza di un anno dall'anno scorso si sono ripresentati gli stessi sintomi di bruciore agli arti inferiori soprattutto all'interno coscia e sotto la pianta del piede e agli arti superiori fino alle mani e anche nella parte superiore dei glutei.
L'anno scorso, quando la S.V. mi ha consigliato di fare la RM è emerso quanto segue:
<Non alterazioni dell'intensità di segnale dei metameri rachidei esaminati che appaiono normoallineati.
Accentuazione della fisiologica lordosi lombale.
Regolare l'ampiezza del canale rachideo e dei forami di coniugazione.
L1-L2 spazio e disco intersomatico nella norma.
L2-L3 spazio e disco intersomatico nella norma.
L3-L4 regolare lo spazio intersomatico. Accenno a potrusione circonferenziale del disco con lieve appoggio sul sacco durale e minimo impegno bilaterale dei forami di coniugazione.
L4-L5 lievemente ridotto lo spazio intersomatico con potrusione mediana-paramediana destra che determina appoggio mediano-paramediano destro sul sacco durale.
L5-S1 ridotto lo spazio intersomatico con iniziale accenno a protrusione mediana del disco che non determina significativo appoggio sul sacco durale.
Non segni di processi espansivi endorachidei, nè aree di alterato segnale della corda midollare compresa nei piani di scandione, valutabili con l'apparecchiatura utilizzata.
Estremità del cono midollare a livello di L2.

Inoltre ho effettuato anche un ecocolor doppler arterioso e venoso tutto nella norma.

potrebbe darmi qualche consiglio dato che si sono ripresentati questi sintomi a distanza di un anno?

Cosa potrebbe essere?

Attendo Suo gentile riscontro.
Saluti

[#11] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Buon giorno a Lei,

ritendo di poter constatare come la RM Rachide non mostri nulla di particolare rilievo.
Solo "...potrusione mediana-paramediana destra L4-L5 che determina appoggio mediano-paramediano destro sul sacco durale...".

E la EMG arti inferiori consigliata un anno fa? Esame che fornisce molti dati importanti sullo stato funzionale delle radici spinali e dei nervi periferici? Cosa ne è stato?

E gli arti superiori? Indicati RM Rachide ed EMG/ENG arti superiori.

Non penso che sia il blando, apodittico e breve trattamento con: Algix 1 cpr x 7 gg
Flexiban 1 cpe x 10 gg
Lanzopranzolo 1 cpr x 10 gg
Mag 2 bust os 1 x 2 x 10 gg

ad aver risolto il disturbo la volta precedente: un anti-infiammatorio non steroideo, un mio rilassante, il magnesio (integratore) ed un gastroprotettore.

Il problema di fondo risiede nel fatto che un anno fa non venne formulata una "diagnosi di causa" (ovvero perchè il dolore?) e sulla base di questo fraintendimento o non informazione ora si trova al punto iniziale.

Ma dove viene seguita?
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it