Utente
Buonasera,
sono sempre più frustrato perchè non riesco ad uscire dai sintomi che mi stanno limitando la qualità di vita. Anticipo che sono fumatore, 15 sigarette medie al giorno e consumo alcolici (1/4 litro di vino al giorno).

I sintomi che provo (senza ottenere soddisfacente risposta) sono:
- nausea mattutina con conati
- secchezza della gola
- mancato riposo notturno
- confusione mentale per 3/4 ore dal risveglio
- tremori spesso forti e agitazione mattutina
- reflusso (il medico mi ha prescritto pantoprazolo)
- a volte risvegli con tachicardia e mancanza di respiro
- ipersonnia (dormo a volte anche 11/12 ore senza riposare)
- vertigini

Ho notato che assumendo alcolici (esempio 2 bicchieri di vino), il tremore forte corporeo, in particolare localizzato su nuca, mani a riposo e gambe si riduce. Questo però temo che mi possa causare un circolo vizioso. Sempre di mattina ho difficoltà di memoria, difficoltà ad esempio a scrivere correttamente email (inversione di lettere nelle parole), problemi di memoria anche su pensieri banali (nome vicini di casa), difficoltà estrema a rispondere a domande di altre persone, reagire agli stimoli.

Russando in maniera molto rumorosa ho fatto una visita ORL privata e si notano solamente 2 o 3 episodi di desaturazione notturna. Normalmente la mattina sento un senso di nausea e depersonalizzazione appena mi sveglio. Inoltre durante la giornata arrivo a un punto in cui ho necessità estrema di dormire, il che mi causa poi più confusione che prima.

Storicamente, fino all'età di 12 anni sono stato trattato per crisi convulsive mattutine, in caso di crisi mi veniva somministrato Noan.

A causa di una gastroenterite avuta da poco mi è stato eseguito emocromo completo con valori normali, ECG con valori normali, leggera steatosi al fegato, vescica biliare nella norma, respirazione polmonare normale, leggero abbassamento di sodio e potassio.

Ho assunto EN prescritto dal mio medico curante italiano per valutare se si trattasse di ansia notturna/mattutina (8 gocce prima di dormire). Non ha cambiato minimamente la situazione.

In più purtroppo nonostante la visita ORL da un medico privato specialistico, anche se è stata diagnosticata ipertrofia dei turbinati, palato a tenda, ipertrofia marcata della base retrolinguale, avrei dovuto attendere 2 anni in lista di attesa per l'intervento ma nel frattempo per motivi lavorativi mi sono trasferito all'estero. Quindi ora mi tocca ricominciare tutto da capo.

A questo punto mi sto chiedendo se sia più probabile un problema relativo al sonno o neurologico oppure si possa trattare di un problema psichiatrico, poichè temo che le 2 cose inizino ad essere collegate: la mattina il mio stato fisico è quello di una persona che ha privazione del sonno per giorni e giorni.

Cosa potete consigliarmi? Vorrei avere un indirizzo per poter proporre e discutere con il mio nuovo medico estero esami specifici, senza dover rifare tutto da 0.

[#1]  
Dr. Michele Volpi

24% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2016
Salve
valuti dapprima una visita neurologica con una eventuale RMN encefalo- cervicale poi se nella norma passi a una visita psichiatrica dove può trovare sollievo alle sue problematiche quasi sicuramente di natura psicosomatica.
Cordiali Saluti
Dr. michele volpi
dottvolpimichele@gmail.com

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille per la risposta Dr. Volpi, è plausibile comunque che l'ansia causi sintomi così forti?

Fisserò grazie al suo consiglio un appuntamento con un neurologo e segnalerò l'esame consigliato.

Sono improbabili quindi fenomeni legati all'epilessia?

[#3]  
Dr. Michele Volpi

24% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2016
Salve
li escluderei a priori fenomeni legati alla epilessia.
L'ansia può causare anche sintomi peggiori.
Non si preoccupi.
Mi tenga aggiornato se vuole.
Cordialmente
Dr. michele volpi
dottvolpimichele@gmail.com