Utente cancellato
Gentili neurologi del portale.

Mi trovo qui a scrivervi per fugare alcuni dubbi su un caso personale e avere delle indicazioni.
All'età (fascia) dai 5-8anni circa non ricordo, caddi giocando e picchiai con violenza il capo su terreno duro (granito per strada), il neurologo escluse problemi neurologici però ad oggi davvero molti anni dopo mi trovo con bozze frontali asimmetriche: una delle due prominenze che tutti abbiamo sulla fronte, che da quanto ho letto dovrebbero chiamarsi bozze frontali, risulta più sporgente mentre l'altra, quella che ha preso il colpo, risulta meno sviluppata e più appiattita e al tatto presenta come due gobbettine di qualce millimetro.
Ho cercato tramite motore di ricerca del sito consulti simili e ho letto potrebbe trattarsi di callo osseo, o di iperostosi, o ancora esostosi oppure frattura dovuta al trauma ecc.

Leggevo dai vari consulti in diverse branche di maxillofacciale, neurochirurgia e neurologia (credo sia una patologia che può interessare più branche mediche) che alcuni specialisti consigliano RX e ecografia ( https://www.medicitalia.it/consulti/neurologia/490113-osso-sporgente-cranio-centro.html come riferisce il Dr.Poli nella replica #6), altri TC in quanto l'RX non evidenzia tali patologie della teca cranica. Sono quindi un po' confuso.
Quel che volevo chiedervi orientativamente parlando per avere un'idea quando andrò a parlare col mio medico di base è quale sia l'esame diagnostico di prassi: una RX potrebbe essere sufficiente a identificare il problema (ipotizzando esostosi o frattura ossea) o si deve per forza usare TC non essendo RX sufficiente?

Grazie .

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

per la ricerca delle condizioni che Lei riferisce è sufficiente una semplice radiografia che può mettere in evidenza pregresse fratture (comunque non sempre visibili, nemmeno alla TC) ed eventuali iperostosi.
L'ecografia invece è riservata a casi dubbi in cui oltre problematiche ossee potrebbero essere presenti altre condizioni come cisti, lipomi, ecc.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
448679

dal 2017
Chiarissimo Dottore, Grazie mille.
Quindi dallo studio RX è possibile capire se l'eziologia della patologia che porta asimmetria es: se si tratta di iperostosi si può capire se l'iperostosi (non è una iagnosi ma ne sono quasi certo date le caratteristiche) ha causa traumatica o diciamo genetica e sarebbe nata ugualemente anche senza trauma.
Oppure mi chiedo se la RX dica solo: "sì c'è iperostosi ma non si sà l'eziologia".

Grazie :)

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la radiografia ci dice "c'è questa situazione" ma non la causa, a volte da piccoli segni si può supporre.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
448679

dal 2017
Gentilissimo Dottore, non so come ringraziarla per queste informazioni. E' davvero chiaro ^^

Capisco che online sia difficile, però volevo chiederle, essendo questa asimmetria come le dicevo sulle bozze frontali (osso della fronte) secondo lei sarà meglio una RX con proiezione laterale o frontale? Per lo studio.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Si fanno entrambe le proiezioni, il radiologo agisce in base al quesito posto.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
448679

dal 2017
Gentile Dottore, grazie ancora per la sua risposta.
Glielo chiedo perché ho un esame svolto nel 2000 (un anno dopo il trauma credo) per studio dentistico ed ha una sola proiezione laterale e prende anche la zona della fronte interessata.
Purtroppo non so leggere le RX, ma mi piacerebbe poterLe fare vedere queste immagini e sapere cosa ne pensa, se era riscontrabile tale problema appunto già all'epoca stando alla radiografia:

- http://s1244.photobucket.com/user/Lu_ig/media/a_zpswdlukino.jpg.html?sort=3&o=2

- http://s1244.photobucket.com/user/Lu_ig/media/c_zpslge4ltkz.jpg.html?sort=3&o=0

- http://s1244.photobucket.com/user/Lu_ig/media/b_zpsyknknwdj.jpg.html?sort=3&o=1

Secondo lei si potrebbe dire qualcosa?

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

è vietato dalle linee guida del sito l'invio di immagini diagnostiche per cui non è possibile per noi dare un parere a diatanza. Legga le linee guida.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
448679

dal 2017
Scusi Dottore, ammetto di non averle lette, ho visto solo ora che in effetti vi è scrito che non si può postare immagine. Immagino non ci sia nemmeno modo di inviarle via messaggio privato (che mi pare di non trovare come funzione) o via mail, giusto?


Volevo anche chiederle delucidazione su due ultime cose:
- non so come funzioni la RM, ma volevo sapere, dato che so usa campi mangetici anziche ragi ionizzanti si può utilizzare come imaging diagnostico nel mio caso? non ho capito però se si può usare per ossa.

- come le dicevo dato che ho visto domande simili su: neurochirurgia, neurologia e chirurgia maxillofacciale, quale è lo specialista più indicato per il mio caso a cui potrei rivolgermi tra questi?

Grazio Dottore.

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

per lo studio di strutture ossee la TC è più indicata della RM e, secondo i casi, anche una semplice radiografia può risultare utile, a mio avviso anche nel Suo caso.
Lo specialista di riferimento inizialmente è il neurochirurgo, poi in base all'esito degli esami si vedrà come e se procedere.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
448679

dal 2017
Grazie ancora.
Guardi dottore, io ho aperto questo consulto perché di recente per la prima volta nella mia vita ho fatto visita a un neurologo per un problema di cefalea che mi "perseguita" da qualche tempo. Non ci pensai a chiedere al suo collega quanto ho chiesto qui, che è una domanda ch emi pongo da tempo, ho pensato così di scrivere a voi e son stato contento dato che mi ha chiarito tutte le domande che le ponevo :)

Il neurologo mi ha prescritto RM per il problema della cefalea che non c'entra nulla con quanto parlavamo qui, per questo le chiedevo se l'RM possa andar bene anche per ossa. Mi diceva che ovviamente la TC è più indicata, però mi chiedo se proprio per immagini di ossa non vada bene o meno, perché pensavo: dato che io devo fare già l'RM per questa cefalea, è possibile prender "due piccioni con una fava" e magari con le sequenze acquisite dire al neuroradiologo se è possibile in post-acquisizione elaborare i dati per un imaging anche osseo.
Non ho capito cioè se quando scrive "per lo studio di strutture ossee la TC è più indicata della RM" vuol dire che ovviamente TC e RX sono migliori dell'RM ma anche l'RM può dare immagini ossee (e già che devo farla tanto vale usare l'acquisizione per studiare la teca in post elaborazione),o se piuttosto intenda dire che l'RM non dà proprio immagini ossee.
Secondo Lei è un'idea che ha un razionale a livello medico?

Scusi se mi son spiegato male, ma è tarda ora, nel caso mi rispiegherò meglio domani.
Grazie Dottor Ferraloro.

[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

è chiaro che anche la RM "vede" le strutture osse per cui se deve farla a prescindere dal contenuto del consulto avrà indicazioni anche in tal senso.
Poi, esponendo il problema specifico al neuroradiologo, in base alle immagini acquisite, sarà quest'ultimo a dirLe se l'esame è sufficiente per fugare i Suoi dubbi o se consiglia ulteriore approfondimento diagnostico.

Buon fine settimana
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
448679

dal 2017
Grazie Dottore, allora ne parlerò col neuroradiologo preposto all'esame.

Grazie per la sua gentilezza e competenza.
Auguri di buon lavoro!

[#13] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Buona giornata
Dr. Antonio Ferraloro