Utente 347XXX
Buongiorno....
la mia fidanzata di anni 35, soffre ormai da una decina d'anni di una forma diagnosticata di cefalea cronica muscolo tensiva, che le provoca forti stati di dolore e confusione, talmente elevati che in alcuni episodi è soggetta a vomito e deve coricarsi per diverse ore (...si ripetono ciclicamente 2- 3 volte a sett. ). Non è stato ancora stabilito se il problema è di natura congenita o, dopo un incidente automobilistico di parecchio tempo fa col classico "colpo di frusta, se di origine traumatica....Numerose tac e risonanze magnetiche, nonché visite specialistiche anche in centri all'avanguardia , non le hanno consentito di risolvere questo problema che le sta condizionando...e non poco...l'esistenza. Ha provato inutilmente anche la tecnica dell'agopuntura, con inserimento sottocutaneo di microcip
I farmaci che prende tutt'ora all'insorgere dei primo sintomi sono RIZALIV 10 mg RPD e LIORETAGEN fiale.
Quale strada puo' ora intraprendere ?
Esistono terapie alternative?
Dove rivolgersi ?
Grazie. Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Egregio Utente,
la paziente soffre di una cefalea cronica che, da come Lei la descrive e dal farmaco adoperato, sembra più verosimilmente di tipo emicranico anziché di tipo tensivo. E se è una forma emicranica e con una tale intensità di frequenza, mi chiedo perché non assuma una terapia profilattica ma solo la terapia dell'attacco. Può avere una panoramica più vasta sull'argomento delle terapie, leggendo il mio articolo "Tutto sulle cefalee" nella Sezione Speciali Salute di Medicitalia oppure nel mio blog taluni articoli riguardanti la terapia profilattica dell'emicrania.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it