Utente 465XXX
Buonasera,
Sono un ragazzo di 19 anni relativamente in buona salute e ieri sera (verso le 23) ho avuto un esperienza alquanto spiacevole.
Sono stato fuori tutta la mattina a passeggiare e verso le 12 sono andato con la mia ex ragazza (con cui sono appena tornato assieme) a mangiare sushi. In seguito siamo andati a casa sua a "recuperare il tempo perso". Tornato s casa mi sentivo stanco e verso le 22:30 sono andato a letto... dopo una mezzoretta però ho perso conoscenza e mio fratello mi ha visto cadere dal letto e cominciare fare schiuma con la bocca, con gli occhi aperti, una mancanza di coerenza nel parlare e uno strano tic alla mano! Ciò è durato per circa 20 minuti e quando ho cominciato a riprendere conoscenza mi sono trovato attorno un medico e un infermiere che erano venuti con l'ambulanza. Allora gli abbiamo raccontato l'avvenuto e mi ha misurato la temperatura, ma non avevo febbre, quindi ha scartato l'ipotesi del'attacco epilettico. Poi mi ha misurato la pressione massima ed era sui 145. Mi ha fatto un iniezione di acqua e sale (credo) e abbiamo cominciato a parlare delle mie abitudini. Così gli ho detto che bevo in media 7 caffè e fumo 15 sigarette al giorno. C'è anche da dire che forse lo stress (tra scuola, politica studentesca, lavoro e musica) di certo non manca, però boh... ho omesso il particolare.
Oggi sento un mal di testa assurdo, il collo molto teso e dolorante nella parte destra anteriore, il braccio ancor più dolorante e generale mi sento molto stanco.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

non vedo come possa essere esclusa una crisi epilettica soltanto perché non c'è febbre.
La stragrande maggioranza delle crisi epilettiche dell'adulto si manifesta in assenza di febbre, questo è un fattore ininfluente.
Lo stress psicofisico invece può essere un fattore scatenante.
Il mio consiglio è di effettuare una visita neurologica ed esami diagnostici, in particolare un EEG ed una RM encefalica.
Anche la sintomatologia odierna teoricamente ci sta con i postumi di una crisi epilettica.
Con ciò non voglio dire che la Sua sia stata tale ma non è certamente da escludere, il caso merita un approfondimento diagnostico.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro