Utente 483XXX
Buongiorno,
da ca un paio di mesi avverto sensazione di pesantezza al braccio sx e lieve insensibilità accompagnato da giramenti di testa. Ho eseguito rx cervicale nella quale si è rilevata una protusione. Recatomi da un neurologo ho eseguito una EMG arti superiori e inferiori . Questo il risultato:
i reperti neurofisiologici sono in accordo con la presenza di lieve cronica sofferenza radicolare c5 e c7 a sinistra e c6 a destra.
Le mie domande sono essenzialmente 2: è possibile un recupero parziale e se sono da operare;
svolgo un lavoro dove posso passare tempo alla scrivania dietro un pc e a movimentare e sollevare valige e pesi, come ne può essere influenzata la mia attività lavorativa? se nn posso movimentare più valige , rischio il licenziamento...
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Egregio Utente,
dal suo resoconto anamnestico risulta che lei ha effettuato una RX del rachide cervicale da cui è strano che sia stata evidenziata un'ernia cervicale. Nel caso abbia invece praticato una Risonanza Magnetica, descriva il reperto. Se invece non l'ha mai effettuata, per una corretta diagnosi e quindi per fornire un adeguato indirizzo terapeutico, è necessario praticarla.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 483XXX

Grazie dottore per la celere risposta, il neurologo ha parlato di protusione e non ancora ernia. Ad ogni modo, proprio domani mattina farò la risonanza magnetica della rachide cervicale. Secondo la sua esperienza, che margini di recuperò ho e quanto influirà sul mio lavoro?
Grazie ancora

[#3] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Comunichi il risultato della RM e le esprimerò un mio parere
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#4] dopo  
Utente 483XXX

buongiorno dottore, dalla rm è emerso quanto segue:si evidenziano alivello del cono midollare due aree focali di alterato segnale a prevalente iperintensztà in T2 e nella sequenza stir localizzate rispettivamente a livello dello spazio discale C4-C5 a livello dello spazio discale D1 e D2 , di non univoca interpretazione ( aree di demineralizzazione?).
Il neurologo mi ha detto che ho una mielire demineralizzante , in pratica una sclerosi multipla....ho paura

[#5] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Scusi, se vuole un parere, scriva tutto il referto della risonanza, perché non è molto chiaro quello che ha riportato
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#6] dopo  
Utente 483XXX

Conservata la fisiologia lordosi.
non segnalazioni del disco intersomatico in c2-c3.
in c3-c4 modesta protusione discale mediana paramediana sx con impronta sul sacco durale.
in c4-c5 non alterazioni di segnale del disco intersomatico.
in c5-c6 protusione discale globale con impronta sul sacco durale e parziale impegno di canali radicolari.
in c6-c7 protusione discale prevalentemente mediana.
nei limiti i diametri del canale vertebrali.
si evidenziano alivello del cono midollare due aree focali di alterato segnale a prevalente iperintensztà in T2 e nella sequenza stir localizzate rispettivamente a livello dello spazio discale C4-C5 a livello dello spazio discale D1 e D2 , di non univoca interpretazione ( aree di demineralizzazione?).

sono poi andato a visita dal neurologo che ha diagnosticato mielite demineralizzante.

[#7] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
E' una diagnosi che non capisco, comunque si affidi al Suo Neurologo
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it