Utente 476XXX
Buongiorno,
Da ormai due settimane ho le gambe molto stancabili, molto più del solito. Mi sveglio con sensazioni di brividi e intorpidimento. Qualche mattina fa mi sono svegliato con una gamba addormentata (non mi era mai successo). Non credo di avere deficit di forza ma mi sembra di avere acido lattico in tutte le gambe anche dopo il riposo.
Ho eseguito una visita neurologica/fisiatrica che é risultata negativa. 8 anni fa feci una EMG è una più completa visita neurologica per sintomi simili a quelli di questo episodio.
Tutto nella norma. Premetto che faccio molto sport.
Mi hanno anche fatto degli esami del sangue che generalmente sono andati tutto bene a parte il CKP elevato 430 (normale 170) ma mi é stato detto che é strettamente collegato alle attività sportive. In oltre un altro valore alterato é la amilasi totale a 123.
Sono anche un soggetto ansioso e anche stavolta mi sono lasciato prendere dalle preoccupazioni e questi sintomi mi portano a pensare a malattie neurologiche/muscolari/demielinizzanti.
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Antonio Costantini

24% attività
4% attualità
12% socialità
VITERBO (VT)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2010
Spesso fare una diagnosi non è facile. Faccia periodicamente un controllo dal suo neurologo in modo tale che, l'assenza o la presenza di segni neurologici obiettivabili possa dare un orientamento diagnostico preciso.Un saluto. AC
Dr. Antonio  Costantini
carapetata@libero.it

[#2] dopo  
Utente 476XXX

Buonasera, grazie per la risposta.
Aggiorno la situazione:
Ho continuato ad avere fastidi alle gambe altalenanti, non costanti ma pare che dopo uno sforzo intenso e prolungato siano sofferenti.
Nel frattempo ho effettuato una visita neurologica accurata da uno specialista qui vicino a me che ha escluso ogni tipo di patologie neurologiche/muscolari.
Per ora sta leggermente migliorando ed ho iniziato a fare stratching tutti i giorni.
Scrivo per chiedere un parere: ho notato da qualche giorno che nell'estendere la gamba sinistra per fare stratching, in alcuni momenti compare un "solletichino" nella punta del piede, tra l'alluce e il primo dito del piede.
Il tutto non é fastidioso ma si sente e non é persistente ma si associa ad un'infiammazione dei tendini sotto al ginocchio.
Volevo sapere siccome non ho capito bene, nel caso di malattie demielinizzanti, i disturbi sensoriali sono per forza costanti o possono essere legati alla posizione?
Grazie mille, buona domenica

[#3] dopo  
Dr. Antonio Costantini

24% attività
4% attualità
12% socialità
VITERBO (VT)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2010
Nelle malattie demielinizzanti i sintomi sensitivi possono variare anche indipendentemente dalla posizione. Comunque è possibile. Si faccia controllare periodicamente. Un saluto
Dr. Antonio  Costantini
carapetata@libero.it