Fascicolazioni e cervicalgia/lombalgia

Buongiorno,
i miei problemi sono iniziati a fine luglio 2008. Sono un ragazzo di 29 anni.
Premetto che ho sempre notato un po' di fastidio alla schiena e soprattutto al collo, con scricchiolii vari nella rotazione della testa..non vi ho mai dato molto peso però.
Un giorno di luglio mi è comparsa una sensazione di debolezza, paura di svenire e soprattutto di cedimento delle gambe (solo paura, in quanto le gambe non han mai presentato problemi di forza).
Pochi giorni dopo è comparsa una fortissima sensazione di vertigine e di sbandamento, seguita 2 giorni dopo da un dolore fortissimo alla schiena, soprattutto al collo, con contrattura fortissima al collo e alle spalle, difficoltà di movimento della testa, pesantezza della stessa e cafalea dietro la nuca e alla fronte.
Miorilassanti ed antiinfiammatori hanno solo lenito in parte il problema.
Un giorno di agosto mi alzo dal letto con una sensazione di sbandamento verso destra fortissima e sensazione di gamba sinistra intorpidita (premetto che anche mesi prima avevo notato un piccolo fastidio (dolore lateralmente al polpaccio destro ma senza darvi molto peso perchè andava e veniva e non pregiudicava sport, corsa ecc.).
A fine agosto il mio medico curante riscontra effettivamente una forte contrattura al collo, eseguo rx cervicale dove si riscontra rettilineizzazione della normale curvatura del collo, più una "megalia dell'apofisi C7".
Dato che miorilassanti e valium prescritti non sortivano alcun effetto, ho cominciato a temere malattie gravi e ad accusare ansia e veri e propri attacchi di panico.
Fortunatamente, anche mio padre soffre di problemi cervicali e lui li ha risolti rivolgendosi ad un famoso chiropratico a milano.
Ho fatto lo stesso e in 3 sedute, tra ottobre e novembre, è riuscito a sbloccare il collo, ora non più contratto. Vertigini e senso di sbandamento sono spariti, così come i frequenti mal di testa.
Vengo al dunque:
dopo le sessioni di chiropratica (diciamo verso novembre) sono cominciati una serie di problemi che mi hanno riportato in uno stato ansioso forse peggio del precedente.
In particolare dopo le manovre di sblocco ho cominciato ad avvertire sensazioni di tremore (sparite poi nel giro di una settimana) e da novembre fascicolazioni (all'inizio occhio piedi e polpacci).
Guardando su internet ho letto di sla e...patatrac le fascicolazioni si sono diffuse a macchia d'olio...ho avuto una settimana con fascicolazioni a braccia e gambe, spalle dorsali e tricipiti fortissime e continue.
Il medico curante mi ha detto assolutamente di nn preoccuparmi e mi ha dato delorazepan per calmare l'ansia. Il chiropratico mi ha rassicurato sul fatto che tali fascicolazioni non rappresentano nessun sintomo e non hanno ritenuto opportuno indagare oltre (mi hanno consigliato potassio e magnesio).
Ora a quasi tre mesi, le fascicolazioni sono diminuite moltissimo ma sono cmq presenti tutto il giorno, con brevissime contrazioni di meno di un secondo a gambe, tricipiti, dorsali e scapole.
Sono sempre e cmq in muscoli a riposo...non ho nessun deficit di forza, anche perchè scio, corro e vado in palestra...ho solo sempre quel famoso dolore al polpaccio che il chiropratico ha collegato ad una vertebra lombare che schiaccia il nervo sciatico di dx (effettivamente ho dolore lombare).
Mi scuso per la mia lungaggine ma volevo essere il più preciso possibile.
Le chiedo: ritiene opportuno approfondire con esami neurologici ed emg per escludere patologie come la sla oppure devo seguire i consigli del medico curante, dell'ortopedico e del chiropratico e mettermi tranquillo? questa paura della sla mi sta creando una ansia terribile...continuo a vagare in internet nella ricerca di sintomi e segnali della sla per poterla escludere...ormai la paura e l'ansia sono insostenibili.
Che può consigliarmi?
Grazie mille per la pazienza.
Cordiali saluti
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67,8k 2k 23
Gentile utente,
escluderei la SLA e le consiglio di stare tranquillo.
Per una maggiore sua tranquillità potrebbe fare una visita neurologica ed il neurologo valuterà se e quali accertamenti eseguire.
Cordialmente

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille dottore,
mi sento già un po' più sollevato. Cercherò di seguire il suo consiglio e tranquillizzarmi...(Anche se ho il sospetto che questa ansia, attacchi di panico possano essere collegati ai miei problemi cervicali)...di certo il mio carattere ansioso non giova!
Grazie ancora e buona giornata
[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67,8k 2k 23
Gentile utente,
stia tranquillo e mi tenga informato dei prossimi sviluppi, se vuole.
Cordialmente
[#4]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno,
torno a chiederle a distanza di qualche mese un nuovo parere, visto la sua gentilezza nel rispondermi così prontamente.
Ad oggi 12 maggio, le famose fascicolazioni continuano. Hanno periodi di alti e bassi ma sono sempre presenti e mi creano molta ansia.
Di nuovo medico e chiropratico sostengono che questa ansia è immotivata ma la mia paura è sempre di avere qualche malattia neurologica importante.
Non ho altri sintomi importanti...i dolori alla schiena fortunatamente si sono risolti grazie al chiropratico...rimane solo un po' di dolore saltuario lombare (ho fatto una risonanza lombare che non ha evidenziato nulla) e un fastidio/tensione dal ginocchio in giù sempre alla stessa gamba (il dolore però è praticamente scomparso e il fastidio/gamba che tira è ora incostante e leggero). Pratico nuoto senza problemi e riesco cmq a fare tutti i movimenti senza problemi.
In questi giorni le fascicolazioni, sempre presenti anche se non fastidiose, hanno ricominciato a preoccuparmi e a mettermi ansia!
Secondo lei è necessario approfondire con esami neurologici o il tempo trascorso secondo lei è sufficiente per confermare la n atura benignia delle fascicolazioni?
Grazie mille
saluti
[#5]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67,8k 2k 23
Gentile utente,
vede che i suoi sintomi sono molto migliorati o scomparsi? La SLA invece è ingravescente. Non ritengo opportuno effettuare ulteriori indagini, al massimo una visita neurologica per tranquillizzarsi perchè il neurologo ha il sospetto clinico di SLA in più del 95% dei casi. Stia sereno quindi.
Cordiali saluti
[#6]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille per la sua tempestiva risposta.
Cercherò di tranquillizzarmi il più possibile e a non pensare a terribili malattie.
Per il fastidio alla gamba ho provato a rivolgermi a un centro di fisioterapia/posturologia/chinesiterapia.
Anche il fisioterapista concorda nell'attribuire i formicolii e i fastidi alla gamba ai miei problemi posturali (secondo lui evidenti iperlordosi e forti contratture muscolari lungo la colonna, soprattutto all'altezza del collo, che hanno provocato la rettilineaizzazione del rachide).
Secondo lui deriva tutto dalla schiena.
Secondo lei, è veramente possibile che problemi alla schiena, come semplici contratture, possano creare quel fastidio alla gamba (prevalentemente dal ginocchio in giù e raramente un po' di tensione alla coscia)? spesso il fastidio è associato ad un senso di formicolio/addormentamento dal ginocchio in giù che però è intermittente durante la giornata e cambia spesso di sede (polpaccio, laterale o davanti in zona tibiale).
Grazie ancora per le risposte sempre velocissime e tranquillizanti.
Cordiali saluti
[#7]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67,8k 2k 23
Gentile utente,
i problemi alla schiena possono causare i sintomi da lei riferiti ma per avere una visione più chiara del disturbo all'arto inferiore le consiglio, senza fretta, di eseguire un'elettroneuromiografia (EMG-ENG) agli arti inferiori. E' un esame che studia la velocità di conduzione motoria e sensitiva del nervo e l'attività muscolare a riposo e durante la contrazione volontaria.
Cordialmente

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test