Utente 105XXX
Salve,
da qualche mese avverto (non sempre, a momenti) una sensazione di calore soprattutto alla testa che mi portava anche ad una sudorazione fredda con relativi brividi (il medico di base la indicò come causata da stress).
Da circa un mese – sempre a tratti, ora da una settimana – la cosa si è evoluta più in una sorta di sensazione di scottatura: come dopo esposizione al sole (mai fatta, io al sole mi sento male).
La parte più dolente (ma non è una cosa insopportabile) è la nuca, mentre al cuoio capelluto avverto un riscaldamento a tratti, ma sempre senza febbre.
La cosa è presente anche giù per la schiena e tronco, e al contatto con i tessuti la sensazione di caldo aumenta.
La sensazione di scottatura è presente anche il gola (non tanto ma presente).
Questo mi comporta un senso ovviamente di malessere e spossatezza: ho la sensazione di non percepire nemmeno la reale temperatura esterna (ho sempre caldo, proprio come dopo la scottatura), e allevio solo con docce fredde, ma temporaneamente.
Nessun segno visibile di irritazione.
Nessun mal di testa, raramente formicolio.
Si tratta di cause neurologiche o dermatologiche?
Può essere stress?
Che esami posso fare?

Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Egregio Utente,
Leggendo con attenzione il suo resoconto anamnestico che riferisce due sintomi neurologici (causalgia= dolore urente, e disestesia) si può formulare più di una ipotesi diagnostica.
La prima e più benigna è rivolta alla causa verosimilmente più implicata, che le è già stata prospettata, di manifestazioni psicosomatiche da stress emotivo.
Pur tuttavia non è corretto ignorare altre possibili cause che ne potrebbero essere all’origine e che comportano una scrupolosa valutazione clinica e strumentale delle vie encefalo-midollari della sensibilità.
Pertanto, più che suggerirle astrattamente un insieme di indagini (che potrebbero anche essere ridondanti se non inutili) il consiglio migliore è che si rivolga ad un Neurologo che saprà appropriatamente indirizzarla.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 105XXX

La sua risposta è molto chiara, sia pur con molti termini tecnici :-)
Approfitto della sua gentilezza per approfondire alcuni aspetti: durante la giornata i sintomi evolvono, nel senso che la mattina non avverto quella sensazione di bruciatura, ora per esempio ho solo la sensazione di avere la testa più calda del solito, lo avverto dall'ipersensibilità anche ad un soffio di vento.
Passo molto tempo al computer, seduto.
La sensazione di scottatura aumenta e diventa percepibile con il passare delle ore, e la sera è più presente.
Non ho dolore, se non premendo forte sulla cute del cuoio capelluto, ma le confermo un leggero fastidio alla gola, quasi impercettibile.
Confermo una strana ipersensibilità quando premo con la mano una parte del corpo coperta dagli abiti che subito avverto calda (come se la stoffa fosse stata riscaldata).

[#3] dopo  
Utente 105XXX

Aggiungo un bruciore localizzato (al tatto, e spingendo indietro la testa) di una vertebra cervicale (intorno alla settima diciamo la nuca).
Aggiungo un bruciore con riscaldamento dell'ano.
Lo so che sono sintomi molto "lontani" ma li metto tutti per fornirle un quadro preciso.
Ps ma può esserci collegamento tra sensazioni e fastidi in zone cosi lontane?