Utente 508XXX
Gentilissimi Medici,
Vorrei porvi una domanda in quanto sono particolarmente in ansia. Una settimana fa circa mi sono svegliata di notte e sono caduta per terra in quanto la parte leggermente superiore al ginocchio sinistro si era addormentata. Dopo due sere mi è capitata la stessa cosa al ginocchio destro. (Sottolineo che in questo periodo sto camminando molto e sto facendo sport, cosa alla quale non ero abituata). Sono andata dal medico di famiglia che ha effettuato un test neurologico (poiché i tempi di attesa che avevo riscontrato per una visita privata da un neurologo di mia conoscenza erano troppo elevati). Tutti i risultati sono stati negativi, nel senso che ho forza negli arti, coordinazione e tutto risponde come dovrebbe. L’unica cosa che ha riscontrato è un leggerissimo segno di babinski nel piede destro (...ma non ne era nemmeno sicuro). Aggiungo che dalle analisi del sangue degli ultimi anni si è andata evidenziando una carenza sempre più accentuata di carenza di vitamina D e inoltre nell’ultimo periodo quando devo salire scale o camminare per molto tempo avverto dolore nelle ginocchia. Ora vorrei sapere potrebbe il medico aver interpretato male la risposta del mio piede al test? Devo preoccuparmi? Anche perché da quando sono andata dal medico avverto spesso formicolio proprio nel piede destro ma credo di essermi suggestionata molto e che potrebbe essere dovuto a questo.
Grazie mille in anticipo per la risposta.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

se lo stesso medico curante non è sicuro della presenza del Babinski non darei al momento molta importanza.
Però una visita neurologica è necessario effettuarla per avere una valutazione diretta del caso.
Può non essere nulla ma ormai nella Sua mente si è insinuato il tarlo per cui sentire il parere di uno specialista Le sarà senz’altro utile.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro