Utente
Salve,
sono un uomo di 39 anni, vi scrivo in merito ad un problema che mi porto avanti da un pò di tempo.

E' da circa un mese che soffro di leggere vertigini e senso di sbandamento, all' inizio duravano tutto il giorno, adesso in alcuni momenti della giornata scompaiono. Le vertigini sono accompagnate da una pesantezza alla nuca che a volte si sposta anche alle tempie, rigidità del collo che scricchiola quando piego o giro la testa oltre ad un dolore al trapezio superiore del lato destro quando piego la testa in quella direzione.
A volte avverto anche come un formicolio sempre nella parte posteriore della testa che dura pochissimo.
Un altra cosa che non aiuta la mia condizione fisica è che in questo periodo sono molto ansioso e dormo pochissimo, circa 4/5 ore a notte e molto spesso mi addormento sul divano, a volte avverto dei formicoli del braccio sinistro in alcune posizioni da sdraiato e intorpidimento dell' anulare e mignolo, proprio per questo mi sono fatto visitare da un cardiologo ed ho eseguito un ECG, un Holter ECG 24h, Holter pretorio ed analisi del sangue per controllare la tiroide ed è risultato tutto normale.

E' possibile avere un vostro parere su questa mia condizione?

Vi ringrazio in anticipo per la risposta Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

è possibile che la sintomatologia sia causata da contrattura muscolare della regione cervicale che si estende ai muscoli del cranio, detti pericranici.
"a volte avverto dei formicoli del braccio sinistro in alcune posizioni da sdraiato e intorpidimento dell' anulare e mignolo", se si presenta solo in alcune posizioni si possono escludere cause cardiologiche, è dovuto solo a compressione di rami nervosi, nel Suo caso il nervo ulnare, secondo la posizione che assume.
Indagherei il tratto cervicale della colonna vertebrale.
Ne parli col medico curante.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la sua risposta.

Si, il formicolo ed intorpidimento si presenta solo quando assumo alcune posizioni, invece le vertigini e la sensazione di pesantezza e pressione nella parte posteriore della testa in qualsiasi posizione.

Secondo lei lo scricchiolio che sento quando muovo la testa, le vertigini e la pesantezza e pressione possono essere causate da un problema cervicale?
E' possibile che durino da così tanto tempo?

Inoltre mi sono dimenticato di dirle che ho un problema, mai riuscito a risolvere, che mi porto dietro da circa 20 anni ed è uno scatto della mandibola nella parte destra quando apro la bocca, ma che non mi ha mai dato problemi e non so se tutti questi sintomi siano correlati tra loro.

Per quanto riguarda il mio medico curante, mi dispiace doverlo dire ma ho perso la sua fiducia da molto tempo, infatti sto per cambiare.

La ringrazio ancora per la sua pazienza e disponibilità Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

sì, problematiche cervicali possono causare questa sintomatologia.
Riguardo il problema mandibolare, una parte dei sintomi è possibile che abbia questa origine, deve rivolgersi ad uno gnatologo.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Grazie ancora.

Solo un ultima domanda, a quale tipo di specialista devo affidarmi per controllare eventuali problemi legati alla cervicale.

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

le problematiche cervicali possono essere di vario tipo (contratture muscolari, dicopatie, ecc.) la cui competenza specialistica varia secondo il tipo specifico. Prima sarebbe utile effettuare un esame diagnostico per verificare il problema e poi, in base ai reperti riscontrati, si sceglie lo specialista di riferimento che può essere il neurologo, il fisiatra, il neurochirurgo.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro