Utente 504XXX
Gentilissimi Dottori,
Ringraziandovi per la professionalità che mettete a disposizione vi scrivo per togliermi dalla testa alcuni pensieri che ultimamente mi stanno assillando relativamente alla relazione tra traumi fisici e sla. Ho 23 anni e premetto che sono un tipo molto ansioso e ipocondriaco, soprattutto ultimamente...
In questo periodo sto trascorrendo le vacanze al mare ma invece di avere la mente libera sono sempre ossessionato da cattivi pensieri riguardanti malattie ecc.
Capita spesso che, giocando con il pallone sulla spiaggia, per caso o per scherzo, riceva qualche pallonata alla testa...purtroppo da questo punto di vista sono veramente sfortunato. Tutti i "colpi" che mi sono arrivati (nell'ordine di una decina circa) in nessun caso hanno creato particolari sintomi solo una volta mi è capitato che dopo una pallonata particolarmente pesante ho sentito un forte fischio all'orecchio e per qualche ora ho avuto un leggerissimo mal di testa ma niente di altro. Non mi sono mai preoccupato particolarmente fino al momento in cui ho letto di una possibile associazione dei traumi cranici con la sla e mi chiedo se questi traumi subiti ultimamente, anche senza aver creato danni apparenti, possano in qualche modo aumentare il mio rischio di contrarre la malattia in un futuro più o meno prossimo. Inoltre ho letto anche che non solo i traumi cranici ma anche in generale tutti i traumi fisici possono essere correlati con questa terribile malattia e ultimamente giocando a calcio ho subito una lieve botta alla caviglia guarita nel giro di qualche giorno. 
Mi scuso se sto solo facendo delle paranoie ma non riesco a stare tranquillo continuando a cercare informazioni su internet che non fanno altro che aumentare le mie preoccupazioni. Vi ringrazio in anticipo per la Vostra attenzione e mi scuso ancora se vi ho annoiato con quesiti che magari possono essere inutili.


Francesco. 

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

innanzitutto escluderei i traumi fisici al di fuori di quelli cranio-spinali, per es. quelli agli arti non c’entrano nulla.
Diciamo subito che la sla è una malattia a causa sconosciuta.
Si è parlato di possibile associazione tra traumi cranici e spinali e sla considerato che tra i calciatori l'incidenza è maggiore rispetto ad altri sportivi, tuttavia questa alta incidenza nei pugili (che di traumi cranici ne subiscono maggiormente e di entità maggiore rispetto al colpo di testa del calciatore) non viene registrata.
Molti casi di sla si manifestano in soggetti che mai hanno subito un trauma cranico e mai hanno praticato attività sportiva.
Mi pare pertanto che possa stare tranquillo riguardo le sue sporadiche e "innocue" pallonate.
Più di questo in un consulto di questo tipo non è possibile aggiungere.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 504XXX

Gentile Dottore,

La ringrazio moltissimo per la Sua disponibilità e per avermi tranquillizzato.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Mi fa piacere averLa tranquillizzata.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro