Dopo quante ore di osservazione successive a un trauma cranico posso escludere edemi cerebrali?

A seguito di caduta (con casco) sulle piste da sci sbattendo la nuca, senza perdita di coscienza, sono stato in stato confusionale per qualche decina di minuti, ho avvertito nausea e non ricordo bene gli avvenimenti della mezz’ora - ora successiva al trauma.

Alle 14.30 ho sbattuto la testa.

Alle 16.30 circa ho visto un medico che mi ha consigliato di farmi monitorare da un parente ogni tre ore perché non si verifichi una delle sintomatologie classiche (mal di testa, vomito, confusione, apatia, ecc).

Essendo in ferie, distante da un ospedale circa 1 ora di auto e con bambini piccoli (dovrei chiamare il 112 per andare in ospedale) sono un po’ preoccupato e volevo capire dopo quante ore dal trauma calano drasticamente le possibilità di avere conseguenze gravi che forse potevano essere diagnosticate e prevenute con tac o rmn...
[#1]
Dr. Mauro Colangelo Neurologo, Neurochirurgo 5,9k 329 223
Egregio Paziente,
se non ha sinora avuto alcuno dei sintomi che lei stesso ha citato, penso che possa ritenersi fuori dal pericolo immediato di un versamento ematico acuto, che in genere dà segni nel giro di qualche ora. Una cefalea molesta può residuare comunque all'episodio traumatico. Se vuole avere ulteriori ragguagli sul problema, legga questo mio articolo, di cui le accludo il link.
Cordialmente
https://www.medicitalia.it/salute/neurologia/203-trauma-cranico.html

Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentilissimo. La guardia medica mi ha detto di valutare fra venti gg se ho qualche sintomo che potrebbe indicare edema ma di tipo differente e meno grave.
Secondo lei senza attendere i sintomi (che spero non arrivino) potrei fare una risonanza magnetica al rientro? Ha senso? Grazie mille

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test