Utente
Salve dottori, vorrei chiedervi dei chiarimenti riguardo ad un evento accaduto ieri.
Alle 7 del mattino mia nonna ha fatto un profondo respiro e improvvisamente ha iniziato a sbattere forte i piedi e le mani e ha iniziato a sanguinare dalla bocca e naso, tantissimo sangue.
Dopodiché mentre perdeva sangue ansimava e sembrava delirare, non reagiva quando la chiamavamo, come se fosse in un’altra dimensione, aveva la bocca serrata, stretta che non apriva.
Chiamati i soccorsi, aveva saturazione a 97, battiti a 95 e pressione 155/75.
Piano piano ha iniziato a reagire alle domande dei medici ma non ricordava il suo nome e chi fossi io.
Solo sopra l’ambulanza si è ripresa chiedendo perché fosse lì’.
Il medico ha detto che ha avuto una sorta di crisi epilettica dovuta a due meningioma di 3 cm complessivi al cervello, che si era morsa le labbra e la lingua, causando la fuoriuscita di sangue.
Ma perché anche dal naso?
Ma non mi ha saputo rispondere.
Da ieri mia nonna si sente molto stanca e ha difficoltà a camminare.
Mi chiedo se è una cosa normale dopo aver avuto una crisi?
Mi aveva detto che le avrebbe dato un cortisone perché aveva trovato un po’ di edema nel meningioma, ma alla fine mi ha prescritto solo um’antiepilettico.
Purtroppo mia nonna ha la visita neurochirurgica tra 8 giorni

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

sapevate della presenza dei due meningiomi? E' stata effettuata una TC al P.S.?
Non è normale che la Nonna (età?) il giorno dopo una crisi epilettica si senta molto stanca e soprattutto che abbia difficoltà a camminare, questa potrebbe essere causata teoricamente dai meningiomi ma dipende dalla sede e dalle strutture adiacenti interessate dall'eventuale compressione.
Un'ipotesi riguardo la fuoruscita del sangue dal naso potrebbe essere un transitorio rialzo pressorio che poi è regredito alla misurazione della pressione da parte del personale, presumo, del 118.
Oltre la visita specialistica sono indicati un EEG e una RM encefalica.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Dottore la nonna ha 79 anni.
La tac è stata fatta al pronto soccorso.
Si la nonna è consapevole di avere questi meningioma da 2 anni che si trovano frontalmente a sinistra ma non si è voluta operare e sono cresciuti con il passar del tempo.
La nonna ha un pacemaker,potrebbe fare ugualmente la risonanza?
Cosa sarebbe l’EEG?
C’è un’altra soluzione all’intervento?

Grazie mille dottore

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

l'EEG è l'elettroencefalogramma.
Se la Nonna ha il pacemaker non può effettuare la RM, va bene quindi la TC.
Una valida alternativa all'intervento chirurgico classico è rappresentato dal trattamento Cyberknife e Gammaknife che si basa sull'irradiazione della neoplasia (radiochirurgia) e permette di evitare il lungo periodo post-operatorio, non è un trattamento invasivo, tuttavia bisogna vedere se la Signora può essere candidata a questo tipo di tecnica.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio dottore,è stato gentilissimo. Le vorrei chiedere un’ultima informazione,la nonna si sente sempre stanca e molto debole,. Da cosa può dipendere? Può essere causato dalla pillola anti epilettica ?

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Quale farmaco assume e a quale dosaggio?
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Il farmaco si chiama Levetiracetam 500 mg
Per le prime due settimane mezza compressa alle 8 e mezza alle 20
Dalla terza settimana 1 compressa alle 8 e una compressa alle 20
Dottore sono davvero preoccupata,non solo il suo fisico ma anche il suo umore è cambiato,è molto giù moralmente e lei invece è una donna sempre energica,positiva

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la sintomatologia descritta teoricamente potrebbe essere causata dal farmaco, essendo questi gli effetti collaterali più frequenti, ovviamente non posso sapere se sia il caso della Signora.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente
Dottore la ringrazio,scusi se le faccio tante domande ma i dubbi sono tanti e devo aspettare la prossima settimana per la visita neurochirurgica.
Quando la nonna ha avuto la crisi,sanguinava tantissimo dal naso,lei soffre di ipertensione. Mi chiedo se questa crisi ha potuto scatenare l’innalzamento della pressione causando l’epistassi. Ricordo che il pulsossimetro segnava 97 di ossigeno e 94 di battiti ( lei ha i battiti sempre a 55/58 da quando ha il pacemaker)

[#9]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

come Le dicevo nella prima risposta, è possibile che un rialzo pressorio o una crisi ipertensiva abbia causato l'epistassi (sangue dal naso).

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro