Utente
Buongiorno
Da circa 3 giorni presento miochimia palpebrale sinistra, che si presenta a intermittenza.
Non sono nemmeno certa se sia miochimia o fascicolazione, io soffro da ormai 3 anni di scosse, fascicolazioni per tutto il corpo, anche sul viso.
Da nni faccio visite neurologiche e rmn annuali negative.
Volevo chiedere se questa condizione di miochimia, e in generale la mia condizione di muscoli fascicolanti possa essere spia di qualcosa di più serio, come il parkinson (non immediatamente, ma che magari sia una.
Specie di segno molto precoce di un qualcosa che potrebbe presentarsi fra 20/30 anni).
Ringrazio anticipatamente per la disponibilità

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

Le dico subito che le miochimie palpebrali riconoscono ansia e stress come fattore scatenante.
Riguardo le presunte fascicolazioni generalizzate, non rappresentano un segno precoce di malattie che si svilupperanno in futuro.
Dopo tre anni e varie visite neurologiche con esito negativo deve stare tranquilla in quanto la sintomatologia può riconoscere una causa ansiosa o configurare quella condizione definita "sindrome delle fascicolazioni benigne".

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Gentilissimo dottore
La. Ringrazio anzitutto per la risposta rapidissima. In questo mese ho avuto 5 stomatiti erpetiche e per due mesi consecutivi spotting intermestruale da fallimento ovulatorio. Questo può deporre a favore del quadro di stress? In tal caso devo aspettare che la. Miochimia passi da sola?

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

certamente, lo stress generalmente in questi casi è un fattore favorente.
La stragrande maggioranza delle miochimie regrediscono spontaneamente ma possono pure persistere a lungo.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro