Attivo dal 2020 al 2020
Salve dottori, ieri sera un mio amico mi ha dato uno schiaffo fortissimo alla testa nella zona sopra l'orecchio destro dove si trova il lobo temporale.
Dopo lo schiaffo, anche se era molto ma molto forte ed era a mano aperta quindi ha colpito una vasta area, non ho avuto perdita di coscienza e mi sono arrabbiato molto con il mio amico perché con la testa non si scherza poi non ho avuto particolari dolori.
Dopo 2/3 ore una volta tornato a casa ho iniziato a sentire alcune fitte nella zona interessata e anche qualche fischio ad entrambe le orecchie.
Ho preso una Tachipirina 500 e ho applicato del ghiaccio per circa un'ora.
Stamani dopo qualche ora dal risveglio ho continuato a sentire queste fitte nella zona interessata e all'orecchio destro con un leggero senso di pressione/fastidio che è svanito una volta presa la seconda Tachipirina 500.
Non ho avuto vomito, nausea o amnesia varie.
Qualche ora fa ho anche applicato Reparil sulla zona interessata per sicurezza anche se al tatto non mi fa male e non sento nessun dolore.
La zona non è gonfia o rossa.
Sento solo questo senso di pressione tra lo sfenoide ed il lobo temporale destro.
Voglio solo avere rassicurazioni perché ho paura che ci siano state lesioni oppure si è formato o si formerà un ematoma o un'emorragia perché ho letto che si possono formare anche dopo settimane.
Grazie mille per l'eventuale risposta

[#1]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
FRATTAMAGGIORE (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Caro giovane,
Un trauma in quella regione può causare effettivamente ematomi extradurali che richiedono di essere immediatamente trattati chirurgicamente ma la sintomatologia neurologica imponente insorge nel giro di qualche ora dall’evento traumatico. Le raccolte ematiche che si formano a distanza di tempo sono costituite dagli ematomi sub-durali che sono però caratteristici delle persone anziane. Il dolore che stai accusando è solo legato alla contusione dei tessuti molli. Se il disturbo dovesse persistere a distanza di 48 ore potrebbe essere opportuno eseguire una TAC del cranio. Se vuoi ulteriori dettagli sull’argomento puoi leggere questo mio articolo di cui ti allego il link

https://www.medicitalia.it/salute/neurologia/203-trauma-cranico.html

Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Attivo dal 2020 al 2020
Grazie dottore per la celere risposta. Ora come sintomo ho solo delle fitte nella zona colpita che vanno e vengono ogni ora. Un ora le ho un'altra ora no. Potrebbe essere anche una sintomatologia ansiosa visto che sono molto preoccupato. Quindi l'unico rischio è l'ematoma subdurale? La Tachipirina mi dà sollievo mi consiglia di continuare a prenderla?

[#3] dopo  
Attivo dal 2020 al 2020
Avverto anche una leggera cefalea e un senso di stanchezza però lo avvertivo anche prima del trauma.

[#4] dopo  
Attivo dal 2020 al 2020
Stamani avverto solo delle leggeri fitte nella zona dello sfenoide/ sopra l'orecchio destro e sull'osso parietale.

[#5]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
FRATTAMAGGIORE (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Con il trascorrere del tempo il dolore si attenuerà progressivamente, vedrà. Lasci stare il timore dell’ematoma subdurale che alla sua età è impensabile. Se, tuttavia, fra 4-5 giorni dovesse persistere il dolore può essere opportuna una visita neurologica.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#6] dopo  
Attivo dal 2020 al 2020
Grazie mille esimio dottore ora sono molto più tranquillo. Volevo chiederle se i sintomi rimanessero e se per tranquillizzarmi volessi fare un esame, mi consiglia la TAC o la RM? Io sarei più orientato per la RM visto che non fa uso di radiazioni ionizzanti che vorrei evitare. Poi con o senza mezzo di contrasto?

[#7]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
FRATTAMAGGIORE (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Onestamente, non ne vedrei la necessità, comunque la Risonanza non emette radiazioni e quindi è più sicura, ma senza mdc
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#8] dopo  
Attivo dal 2020 al 2020
Va bene dottore. Se dovessi accusare ancora dolore anche se oggi non ne ho avuto solo qualche fitta prendo Tachipirina 500
ed eventualmente applicare ghiaccio e crema Reparil?

[#9]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
FRATTAMAGGIORE (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Niente ghiaccio o creme (inutili!), solo Tachipirina in caso di cefalea, ma senza abusarne!
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#10] dopo  
Attivo dal 2020 al 2020
Va bene. Grazie mille dottore

[#11] dopo  
Attivo dal 2020 al 2020
Salve dottore. Volevo porle un quesito. Dopo lo schiaffo mica si è potuto formare un'aneurisma?
Grazie per l'eventuale risposta

[#12]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Assolutamente no, stia tranquillo.
Dr. Antonio Ferraloro

[#13] dopo  
Attivo dal 2020 al 2020
Grazie dottore per la risposta. Volevo chiederle la tosse forte e persistente può causare o rompere un aneurisma celebrale?

[#14] dopo  
Attivo dal 2020 al 2020
Inoltre sono nato con un cefaloematoma potrebbe quando sono nato essersi formato un aneurisma oppure potrei essere predisposto?

[#15]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
FRATTAMAGGIORE (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Giovane,
smettila di sbizzarrire la tua fantasia in modo assurdo! Che c'entra il cefaloematoma che è un'emerita banalità extra-cranica con l'aneurisma cerebrale?
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it