Utente
Salve sono un ragazzo di 32 anni passo molte ore (anche 10) al pc assumendo una posizione che porta a far adirare qualsiasi medico: sedere tirato in avanti e schiena inarcata, gomito sinistro sempre appoggiato sul tavolo con la mano che tiene il mento. Tutto e' iniziato guardando un film sulla sclerosi multipla di cui mi si e' subito scatenato il terrore e sono sprofondato ancora di piu' quando sono venuto a conoscenza della sla tramite "la malattia dei calciatori" passata in tv per molte volte.E' un periodo che google "prende fuoco" macinando parole chiave come: sintomi SM,sintomi sla, eta' SM, eta' sla,fascicolazioni,mioclonie,diplopia,neurite ottica,ipotonia ecc. ecc. So che e' una pratica sbagliata ma e' piu' forte di me.I miei sintomi sono che a volte "sembra" che la gamba dx sia un po' rigida anche se quando corro oppure salto non ho alcun problema. Sento, inoltre, fascicolazioni, di alcuni millisecondi ad entrambe i polpacci, piedi,ginocchia, cosce, schiena, addome, sopracciglia non contemporaneamente ne in numero giornaliero elevato; forse le avevo anche prima ma non ci facevo caso. Ho anche la sensazione che il mignolo della mano sx sia piu' debole rispetto a quella dx.Leggendo della manifestazione "bulbare" sento come se la parte posteriore della lingua rimanesse attaccata al palato per pochi secondi dopo aver ingoiato e che le mandibole siano piu' deboli del solito. Non ho alcun tipo di stanchezza, posso camminare per ore senza stancarmi ma ho letto che agli inizi i sintomi di sla possono essere subdoli e male interpretati.Il mio medico di famiglia, che mi conosce molto bene, sminuisce il tutto e dice che e' solo ansia.Una settimana fa ho ritirato le analisi del sangue dove tutti i valori risultavano nella norma tranne i leucociti che avevano un valore di 12,2 contro il range max di 10(gia' fatte controllare da medici che mi hanno rassicurato). Secondo voi la leucocitosi potrebbe dipendere anche da qualche malattia neurovegetativa?Dovrei fare una visita neurologica?

grazie a tutti voi
Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Rosario Vecchio

52% attività
0% attualità
20% socialità
AUGUSTA (SR)
SIRACUSA (SR)
FLORIDIA (SR)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Caro utente,

credo che la Sua sintomatologia sia da attribuire ad una somatizzazione ansiosa. Una visita neurologica potrebbe essere utile per tranquillizzarLa, ma credo che se i disturbi di somatizzazione perdurassero sarebbe utile sentire il parere di uno psichiatra per approfondire il quadro e iniziare eventuale terapia per l'ansia.

Cordiali Saluti
cordiali saluti

Dr. Rosario Vecchio

[#2] dopo  
Utente
Gentl.le dottore,

Dopo la sua risposta i sintomi che sentivo si sono allentati fino a sparire completamente; ma da circa una settimana sono ricominciati, forse dopo l' ennesimo attacco di panico. La sensazione di debolezza l' avevo avvertita ,alternativamente, per tre giorni alla mano sinistra e poi a quella di destra sparendo completamente dalla gamba. Ripeto che e' una sensazione, in quanto faccio tutte le prove del caso per misurare la forza (buste pesanti, scrittura, svitare tappi delle bottiglie ecc.) che rimane sempre normale (o almeno credo). Al mattino non noto alcun sintomo ma questi si ripresentano puntualmente non appena mi rimetto davanti al pc. E' possibile che lavorando in maniera scomoda per tante ore davanti ad un notebook, usando prevalentemente il touchpad, possa aver provocato un lieve risentimento al tendine del polso (che in certi movimenti mi da un lieve fastidio,...non dolore)? Per quanto riguarda le fascicolazioni e' accaduto questo fatto: girando con l' auto mi sono meravigliato che non ne avessi sentita neanche una dalla mattina, nel momento in cui l' ho pensato ne sono comparse un paio sui polpacci;E' possibile che la mente possa creare dei sintomi reali?

Vorrei anche sapere a che eta', nella maggioranza dei casi, puo' insorgere questa malattia (sla) e se solo da una visita neurologica il medico puo' escludere definitivamente tale patologia.

Mi scusi se le sottraggo tempo per queste cose da poco (forse) ma e' come se prendessi una medicina.

Grazie

Cordiali saluti.

[#3]  
Dr. Rosario Vecchio

52% attività
0% attualità
20% socialità
AUGUSTA (SR)
SIRACUSA (SR)
FLORIDIA (SR)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

il fatto che il disturbo si sia ridotto notevolmente con un pò di informazione e tranquillità in più è un ottimo segno. La sensazione di "guizzo muscolare" che avverte potrebbe essere generata da una ipereccitabilità neuromuscolare indotta da uno stato ansioso. L'esecuzione di una visita neurologica credo sia indicata e il collega certamente potrà, in assenza di specifici segni neurologici, tranquillizarla (le malattie che teme hanno dei ben precisi segni clinici evidenziabili con l'esame neurologico)


Cordiali Saluti
cordiali saluti

Dr. Rosario Vecchio

[#4] dopo  
Utente
In attesa della mia visita neurologica le descrivo un paio di cose:

ho notato che la sensazione di camminare male, che cmq noto solo io, soggettivamente, in quanto a detta delle altre persone tutto appare normale, mi viene ogni volta che mi trovo in mezzo alla gente, quando scendo dalla macchina per entrare in un bar, quando entro in un ristorante e devo percorrere una sorta di "passerella" in mezzo ad i tavoli ecc.
Come le dissi nei miei ultimi commenti faccio ogni giorno prove "stupide" per misurare la forza dei miei muscoli (saltello con due piedi, poi con uno solo, corro, salto, ecc ecc.).Da sedentario che ero mi sto trasformando in uno sportivo doc. Oggi pomeriggio vado a passeggiare con i cani lungo un sentiero brecciato ed irregolare...beh quale migliore occasione per vedere se inciampo correndo? Mi metto a correre piano all' inizio e dopo 200 metri ho dato il meglio di me stesso ed ho aumentato al massimo la corsa(senza alcun riscaldamento iniziale); in questo momento ho sentito un dolore nella parte anteriore della coscia sx, 20 cm sopra il ginocchio di tipo localizzato.Ho fatto un po' di stretching ma tuttora sento in background il fastidio e se lo tocco in un punto preciso mi fa male. Inoltre se cammino ho un certo dolore sopportabilissimo. Quello che voglio chiederle e': si e' trattato di un crampo o di uno stiramento oppure strappo? Il crampo, credo, mi avrebbe fatto fermare di colpo e non proseguire con il dolore, giusto? Glielo chiedo perche' (continuo con le mie fobie) ho letto dall' esperienza di una persona affetta da sla il cui segno iniziale fu un crampo mentre correva che non passava piu'.

Mi scusi se la disturbo ancora.
Grazie in anticipo per l'eventuale risposta