Utente 194XXX
Gentili dottori,
mio figlio a causa di alcune crisi pomeridiane e notturne dove sembrava quasi perdesse conoscenza e si dimenava fortemente, l''abbiamo portato da un neuropsichiatra infantile, che nell''arco di mezz''ora mi aveva detto quando aveva appena 2 anni che vedeva in lui lo spettro autistico. Successivamente l''ho portato al policlinico e mi dissero che escludevano questa patologia, e gli hanno fatto fare vari controlli tra cui EEG che è risultato neg. e 2 giorni di domande. Nel frattempo son passati 6 mesi e 2 visite genetiche che a parer dei medici era tutto neg. Da premettere che mio figlio prese 2 polmoniti, reflusso gastroesofageo, e problemi di statura che ora sta riprendendo. La diagnosi finale è stata lieve ritado. Lui capisce tutto e parla a modo suo, solo che le parole le scandisce solo con le finali, e se si cerca di farle ripetere bene non ti ascolta.Non verbalizza nel senso che non dice ad es.Vorrei l''acqua, o vorrei questo o quello.L''acqua la chiama manna, un''altra volta dice anta, insomma capisce tutto, ma di parlare non ne vuol sapere. Noi siamo di Bari e al policlinico mi hanno detto che vogliono rivederlo per fare un punto della situazione e ci hanno consigliato la logoterapia anche se a detta del pediatra non serve visto che è poco collaborativo. Voi medici cosa ne pensate, non so più che pesci prendere e dove rivolgermi.Cosa mi consigliate in merito.vi sarei molto grato.

[#1] dopo  
Dr. Adriano Raffaele Principe

24% attività
0% attualità
12% socialità
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2014
Gentile utente,
lo sviluppo di un bambino è articolato nell'acquisizione di molte competenze. A volte i bambini sviluppano di più un campo e di meno un altro; in genre questi bambini sono caratterizzati da uno sviluppo "Disarmonico", intendendo il fatto che una o due aree nelle quali il bambino è carente tira con se le altre e ne fa rallentare lo sviluppo.
Per il genitore è molto difficile accettare queste cose e spesso si attende molto tempo prima di trovare una soluzione.
I pediatri spesso aspettano, come lei ci ha fatto fare caso, per notare cosa succede e aspettare la partenza di una competenza, ma suo figlio ha quasi tre anni, per il bambino più si va avanti e più sarà difficile acquisire una competenza.
Il pediatra le ha detto che il bambino non è collaborativo, spesso quando i bambini non riesce ad esprimere ciò che pensano iniziano ad essere molto frustrati e nervosi.
Le faccio presente che un bambino che parla così in modo ancora iperregolarizzante è paragonabbile ad un bambino molto più piccolo quindi bisogna trovare il modo per:
1) Avere una diagnosi corretta perchè gli elementi che lei ci fa presente non sono sufficienti per poter valutare la situazione.
2) Avere una valutazione oggettiva con strumenti parametrici.
3) Seguire l'iter pronosticato dai medici e dagli Psicologi per il trattamento.
Questo lo potra trovare rivolgendosi alla neuropsichiatria o consultorio familiare più vicino a lei.
Ci aggiorni su come procederanno le cose dopo almeno 2 mesi che avrà iniziato i trattamenti che le consiglieranno.
Cordialmente,
Dr. Adriano Raffaele Principe
Psicologo Infanzia e Adolescenza - CTU -
Psicoterapeuta Psicoanalitico
Collaboratore Università di Chieti

[#2] dopo  
Utente 194XXX

Dottore la ringrazio per la risposta, ma al Policlinico di Bari hanno espresso come diagnosi ritardo lieve.grazie

[#3] dopo  
Dr. Rosamaria Bruni

24% attività
12% attualità
16% socialità
ANDORRA (AD)
SPAGNA (ES)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2013
Gentile mamma


Quale e' stato il risultato dell Eeg? Eeg normale o in deprivazione del sonno?
dorme bene? socializza? pannolino ?? guarda negli occhi?

Gravidanza ? parto?

tappe delllo sviluppo neuromomotorio?
controllo testa', posizioen quadrupedica ' prima parola?
ritmo sonno -veglia


Ho bisogno di piu informazioni per darle una indicazione diagnostica, nello specifico se


1- Ritardo del linguaggio
2- Ritardo generalizzato dello sviluppo neutromotorio.
3-Espectrum autistico
Dr.ssa RosaMaria Bruni
Neuropsichiatra Infantile

[#4] dopo  
Dr. Adriano Raffaele Principe

24% attività
0% attualità
12% socialità
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2014
Mi scusi, pensavo che volesse approfondire la cosa.

Le dirò in modo molto pratico cosa deve fare.

-Il linguaggio è la competenza cognitiva più complessa da sviluppare e rispetto alla mia esperienza nel Day Hospital di Neuropsichiatria Infantile con i gravi ritardi dello sviluppo posso dirle che:
un bambino di 2 anni e 9 mesi che presenta un ritardo mentale nel quale il linguaggio è così compromesso (rispetto a ciò che dice, quindi senza poter effettuare un esame oggettivo); deve iniziare la logopedia perchè siete in ritardo per l'inizio del trattamento.

Arrivare a 33 mesi di età significa che le competenze cognitive si stanno gia ampiamente stabilizzando.

Per quanto riguarda il ritardo lieve Le chiedo:
Quale tipo di strumentazione sia stata usata ed in che modo è stato valutato;
Griffiths Mental Development Scales - Extended Revised?
Leiter International Performance Scale - Revised?
e quale punteggio ha ottenuto?
le è stata rilasciata la relazione valutativa?

Perchè per legge se non si utilizza uno strumento non può essere confermato questo ritardo mentale

-Per quanto riguarda l'oppositività (l'atteggiamento poco collaborativo) le dico che non è un indicatore prognostico totalemnte sfavorevole per quanto riguarda la riabilitazione, ansi ci sono molte cose da fare per ridurlo come la logopedia, la psicoterapia, la psicomotricità.

Per diagnosticarle l'atteggiamento poco collaborativo quale strumento hanno usato:
CBCL (1,5-5) - questionari Child Behavior CheckList (T. Achenbach)?

Perchè nel bambino piccolo questo tipo di atteggiamento puo essere diagnosticato solo con strumenti di questo tipo.

-gli strumenti di cui le parlo sono di obbligo nella diagnosi delle problematiche dello sviluppo sia per i Neuropsichiatri Infantili che per gli Psicologi.

-Le consiglio di richiedere un approfondimento con ADOS e CARS per escludere un possibile "ritardo generalizzato dello sviluppo" socialmente chiamato Spettro Autistico.


Cordialmente,
Dr. Adriano Raffaele Principe
Psicologo Infanzia e Adolescenza - CTU -
Psicoterapeuta Psicoanalitico
Collaboratore Università di Chieti

[#5] dopo  
Utente 194XXX

Gentilissimi dottori il 15/4/2014 è stata fatta la diagnosi e diceva.
Alla scala di sviluppo di griffith si evivenzia uno sviluppo lievemente ipoevoluto in relazione all'età in particolare nel versante comunicativo o relazionale.
locomotore 22 mesi
personale sociale 18 mesi
udito linguaggio 15 16 mesi
coordinazione occhio mano 19 20 mesi.
AREA SENSORIALE
non evidenti ne riferiti deficit sensoriale

area affettivo relazionalecomportamentale
Si relaziona con le figure di riferimento per il soddisfacimento dei bisogni e per la condivisione di attività ludiche.E' possibile coinvolgerlo in sedute di gioco.Aggancio visivo presente.Emergono irrequietezza motoria e difficoltà di adettamento in taluni contesti, con crisi di pianto e agitazione psicomotoria in seguito a piccole frustrazioni e dinieghi.
Area comunicativo linguistica
Linguaggio espressivo caratterizzato dall'utilizzo di parole semplici a fine comunicativo.Vocabolario ridotto per età.Ponting dichiarativo e richiestivo acquisito.talora uso strumentale dell'adulto.Esegue ordini molto semplici e contestuali-
Diagnosi
Lieve ritardo psicomotorio con prevalente compromissione degli aspetti comunicativo verbali. Deficit staturo ponderale.Lieve problematiche psico pedagociche familiari. episodi parossistici di pianto al risveglio di natura da determinare (comportamentale?).
EEG sonno negativo.Caso in osservazione.
il bambino da allora ad ora non ha più problemi o fenomeni parossistici nel sonno veglia, da qualche mese minziona e defeca nel bagno dei grandi e avvisa la mamma. E' superaffettuoso con me, e aprla del tipo mamma veni, metti questo, non voglio dice (No olio), la macchina la chiama(da), la macchina dei ompieri( da pepi), mangia da solo, si lava le mani da solo, esegue tutti gli ordini in maniera entusiastica e non vede l'ora che arrivo a casa per giocare.Sta gran parte della giornata con la nonna quando non va all'asilo, il pomeriggio dorme fino alle 6. la domenica quando usciamo gioca anche se è un pò attaccabrighe se vogliono toglierli qualcosa, all'asilo dice la suora che si comporta bene....

[#6] dopo  
Dr. Adriano Raffaele Principe

24% attività
0% attualità
12% socialità
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2014
Adesso che siamo presenti dinnanzi ad un documento ipotizzo che:

Rispetto ai dati (18,75 mesi medi/globali) e all'età del bambino (33 mesi reali), che ci ha riportato; per il test il bambino ha un QS (Quoziente di Sviluppo) di 56, le specifico che i bambini nella norma hanno in media 100 (DS 20).
Per i punteggi è presente un grave ritardo dello sviluppo globale.

Rispetto alla domanda che lei ci ha posto inizialmente il bambino ha bisogno almeno di 2 incontri di logoterapia a settimana e di almeno 2 incontri di psicomotricità a settimana.

La rabbia verso gli altri bambini deriva dalla frustrazione nell'interazione pertanto, rispetto a ciò che c'è scritto nella relazione:
"Lieve problematiche psico pedagociche familiari"; le consiglio degli incontri di coppia con uno psicologo per poter evidenziare quali siano.

Concordo con il collega della relazione.
Cordialmente,

Dr. Adriano Raffaele Principe
Psicologo Infanzia e Adolescenza - CTU -
Psicoterapeuta Psicoanalitico
Collaboratore Università di Chieti

[#7] dopo  
Utente 194XXX

Dottore il suo passaggio non l'ho capito, potrebbe spiegarmelo in maniera più semplice per favore:Rispetto ai dati (18,75 mesi medi/globali) e all'età del bambino (33 mesi reali), che ci ha riportato; per il test il bambino ha un QS (Quoziente di Sviluppo) di 56, le specifico che i bambini nella norma hanno in media 100 (DS 20).
Per i punteggi è presente un grave ritardo dello sviluppo globale.
Per i problemi di coppia ne siamo usciti, in realtà non sapevamo gestire nostro figlio.
Domani andremo a sentire un altro consulto e sulla logoterapia sono daccordissimo con lei. Grazie

[#8] dopo  
Dr. Adriano Raffaele Principe

24% attività
0% attualità
12% socialità
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2014
Se vede la relazione che le ha dato il medico che ha consultato:

locomotore 22 mesi
personale sociale 18 mesi
udito linguaggio 15 16 mesi
coordinazione occhio mano 19 20 mesi.

La media è 18,75 mesi (quindi il suo bambino è al livello cognitivo di un bambino che ha questa età)

Il suo bambino ha 2 anni e 9 mesi che sono uguali a 33 mesi reali.

Il QS (il quoziente di sviluppo) ovvero un punteggio generale dello sviluppo cognitivo del bambino e della velocità a cui sta procedendo lo sviluppo delle facoltà cognitive del bambino (si calcola con un "calcolo statistico" fatto con i mesi reali ed i mesi calcolati dal test) è di 56.
Ovvero il suo bambino sta andando alla velocità di maturazione di 56, quando un bambino nella norma va alla velocità di 100.

Paragoni lei stessa i risultati che le ho detto e che le ha dato la neuropsichiatra infantile.

Le consiglio di portare la valutazione e di darla al prossimo neuropsichiatra per compararli, se vuole glielo dia dopo che ha finito la valutazione.
Se non si fida continui anche a chiedere consulti successivamente.

Cordialmente,
Dr. Adriano Raffaele Principe
Psicologo Infanzia e Adolescenza - CTU -
Psicoterapeuta Psicoanalitico
Collaboratore Università di Chieti

[#9] dopo  
Utente 194XXX

dottore ho capito ora e le chiedo se mio figlio ha la possibilità di recuperare o se è oggettivamente un ritardato. Questo vorrei sapere. ci sono casi di ritardi di linguaggio che poi con il tempo si sbloccano o no?

[#10] dopo  
Dr. Adriano Raffaele Principe

24% attività
0% attualità
12% socialità
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2014
C'è una possibilità di recupero, anche buona. Ma le competenze generali del bambino sono abbastanza basse e questa possibilità prevede un forte sforzo per il bambino.
Ricordiamoci che non è una macchina, anche lui ha diritto ai suoi tempi.

Quello che mi preoccupa è che lei non sembra accettare questa cosa.
O mi sbaglio?

Se dovesse avere probemi personali, con il bambino o volesse altri approfondimenti non si faccia problemi a contattarmi.

Cordialmente,
Dr. Adriano Raffaele Principe
Psicologo Infanzia e Adolescenza - CTU -
Psicoterapeuta Psicoanalitico
Collaboratore Università di Chieti

[#11] dopo  
Utente 194XXX

ok grazie

[#12] dopo  
Utente 194XXX

Grazie Dottore....al momento il bimbo riesce a formulare concetti anche di 4 parole, si riesce a capire parlando a modo suo.Ora ha 3 anni e tra un pò incomincia la logopedia.vediamo un pò.

[#13] dopo  
Dr. Rosamaria Bruni

24% attività
12% attualità
16% socialità
ANDORRA (AD)
SPAGNA (ES)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2013
Gentile mamma.

Nella valutazione globale della scal Griffith, e' evidente un ritardo del lingauaggio di comprensione dovuto a un problem periferico, ovvero di percezione uditiva

In effetti e' il parametro piu basso, che incide irrimediabilemnte con l' aquisizione di linguaggio e interazione sociale.

Pertanto e' importante valutare bene la form adi processamento uditivo che suo figlio ha.


La logopeda e' una ecccellente terapia , pero' se non possiamo processare il linguaggio di comprensione e difficile , ricnoscere il significato semantico e migliorare il linguaggio di espressione.

E' come avere un pc che non stampa, dobbiamo controllare la configurazione interna e non accanirci con la stampante.
Importante esame audiometrico e comprendere come il bambino process con i 2 emisferi.
Ha sentito parlare di rieducazione auditiva? metodo Beart? Johanson , Tomatis?


saluti cordiali
Dr.ssa RosaMaria Bruni
Neuropsichiatra Infantile