Utente 336XXX
salve mi rivolgo a voi medici per una questione che mi stà a cuore.
mio nipote di 8 anni da qualche mese ha deciso di mangiare poco e a questo ha aggiunto una dose di movimenti di attività fisica cercati per non ingrassare.
ora è ricoverato in ospedale da 20 giorni ,avevano trovato poco acqua in circolo nei reni e quindi hanno deciso di ricoverarlo,ora è nel reparto di psichiatria infantile.
oltre al fatto che non mangia molto(mangia poco e bisogna incitarlo)nell ospedale continua a volte a correre per un tratto di corridoio e sale anche le scale per fare movimento fisico.oltre questo il bambino non è più quello di 6 mesi fà,è scontroso è depresso ti guarda in modo strano quasi cattivo .i medici di giorno danno una piccola parte della pillola olanzapina con pochi risultati.
i medici non lo possono dimettere se non recupera 3kg ,secondo me ci vorrà qualke anno.
volevo sapere se esistono in puglia centri specializzati per questi disturbi e se esistono cure efficaci
ps (ma l'anoressia non colpisce i 17 enni? e ragazze?)

[#1] dopo  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Purtroppo i disturbi dell'alimentazione, tra cui l'anoressia nervosa, se di questo dovesse trattarsi, mostrano una preoccupante tendenza all'esordio sempre più precoce, non più caratteristico dell'età adolescenziale, ma anche nell'età prepuberale e a volte addirittura tra i 6 e gli 8 anni. Il mito che vuole le ragazze colpite prevalentemente sta anch'esso gradualmente perdendo di solidità, poichè è sempre maggiore il numero di maschi che mostrano i sintomi della malattia, pur restando comunque ancora più numerose le femmine.
I disturbi dell'alimentazione all'età di suo nipote possono mostrare delle caratteristiche cliniche e associarsi a caratteristiche personologiche che li rendono diversi da quelli dell'adulto e che necessitano della competenza del neuropsichiatra infantile. Gli stessi medici del reparto dove è attualmente ricoverato sapranno indicare dei centri specializzati per il prosieguo delle cure una volta che sia possibile dimettere il bambino.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#2] dopo  
Utente 336XXX

grazie della risposta dottore ,dopo 30 giorni il bambino è stato dimesso ma comunque viene monitorato ogni 5 giorni ritorna all'ospedale per il controllo,secondo me è stato meglio dimetterlo perchè già non ha voglia di mangiare poi nell'ospedale peggio,quindi ora vedremo come si evolve la situazione.lei che ne pensa hanno fatto bene a dimetterlo?

[#3] dopo  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2007
Non sono in grado di giudicare senza conoscere il caso clinico. Comunque il monitoraggio frequente può essere importante. Ci aggiorni se vorrà.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it