Utente 312XXX
Salve.
Ho una paralisi ostetrica al braccio sx, fin da piccolo ho seguito svariate terapie, tra le quali elettrostimolazione nei primi anni di età, fisioterapia e nuoto fino agli 8-10 anni di età.
Il recupero è stato decisamente buono, adesso riesco a svolgere molti movimenti, a parte la supinazione della mano, e portare indietro l'omero.
Vorrei sapere se posso in qualche modo migliorare ulteriormente il grado di forza nell'arto interessato, oppure rassegnarmi.
Ora ho 35 anni, e da poco mi sto esercitando con allenamenti a corpo libero, curando molto la postura, e lavorando sullo sviluppo della forza.
Potrebbe essere un'attività controproducente ?
Oppure sarebbe meglio ricorrere all'utilizzo dei pesi ?

Vi ringrazio anticipatamente per la vostra cortesia.
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

per dare una risposta corretta occorre esaminare direttamente i muscoli interessati e la funzionalità dell'arto. Pertanto la migliore cosa da fare è rivolgersi ad un fisiatra per farsi anche seguire nel tempo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 312XXX

Buongiorno Dottore, e grazie per la sua risposta e cortesia.
Purtroppo per il momento non ho possibilità economiche per potermi permettere una terapia tramite fisiatra.
Terrò comunque in considerazione il suo consiglio in futuro, sperando di poter migliorare (non dico risolvere) i gradi di forza ed efficienza dell'arto compromesso.
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il fisiatra è una figura presente anche nel Servizio Sanitario pubblico, non deve necessariamente rivolgersi ad un privato.
Provi a chiedere informazioni alla Sua ASL di competenza, troverà senz'altro le risposte che desidera.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro