Utente 340XXX
Da esito RM encefalo (effettuata per indagare disturbi neurosensitivi, età 35 anni): tutto nella norma salvo "... un asintomatico minimo aumento degli spazi liquorali in regione temporo polare dx, senza evidenti alterazione del segnale nelle aree circostanti".
Il neurologo ha detto di non preoccuparsi che non è nulla di rilevante, ma a titolo informativo a cosa può essere dovuto? Potrebbe essere la conseguenza di un eccesso di consumo di sostanze alcoliche?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

un consumo eccessivo di alcol in modo continuativo può causare danni cerebrali di vario tipo (molecolare, neuronale, trasmettitoriale, ecc..) che alla fine può tradursi in deficit di alcune capacità cognitive come memoria, apprendimento, ecc. causando una riduzione del volume dei neuroni e quindi quella condizione definita "atrofia".
Nel caso della RM in questione l'aumento degli spazi liquorali, oltre che minimo, è circoscritto in una delimitata regione nell'emisfero dx, cosa questa che difficilmente si verifica in situazioni di eccessivo consumo di alcol dove l'eventuale atrofia è generalmente diffusa ma, anche se circoscritta, quantomeno bilaterale, pertanto non è molto probabile l'origine "alcolica" dell'alterazione riscontrata che potrebbe essere anche congenita, cioè fin dalla nascita, senza escludere però in maniera assoluta una eventuale compromissione anche da alcol.
Consideri però che è estremamente difficile risalire alla causa vera che ha determinato l'alterazione riscontrata.
Faccia vedere le immagini al neurologo. Tra qualche tempo, se lo specialista lo consiglierà, potrebbe effettuare un controllo RM per valutare eventuali modificazioni del reperto.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 340XXX

Gentile Dott. Ferraloro,
grazie innanzitutto per la cortese ed accurata risposta.
Il neurologo mi ha detto che si tratta di una cosa normale ed estremamente diffusa, sono davvero così diffuse queste lievi atrofie congenite? La localizzazione temporo-polare dx che funzioni celebrali coinvolge?
Grazie

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Se il neurologo l'ha rassicurata può stare tranquillo, quindi anche il collega che ha visionato le immagini ha valutato congenito il minimo ampliamento peraltro circoscritto ad una regione di un solo emisfero.
Come può vedere nel post precedente, anche a distanza avevo ipotizzato la stessa origine.
Stia tranquillo.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro