Utente 133XXX
buongiorno, ho 50 anni, donna, ho fatto una ris. mag. perchè ho un dolore fisso tra coccige e ano, non posso stare seduta, la sintomatologia fissa è come una sensazione di ferita interna con dolore e bruciore, oppure di corpo estraneo che preme
dalla ris. risulta cisti radicolare s2 di 9mm e presenza di coccige recurvatum con elemento sovranumerario coccigeo.
inoltre ho una ernia l5s1 già operata con nuova protusione.
gradirei sapere se il dolore fisso che sento ( non diminuisce neanche con gli oppioni) può essere dato dalla ciste e possibilità di eliminarla chirurgicamente o con agoaspirato ( letto su un forum).
oppure può essere la punta curva del coccige a dare questo sintomo veramente invalidante, ed eventuale suggerimento di soluzione per questa zona
grazie

[#1] dopo  
Dr. Andrea Seghedoni

24% attività
4% attualità
12% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
MANTOVA (MN)
MODENA (MO)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Buonasera

provo a risponderle io, che sono neurochirurgo.
La cisti radicolare è di solito asintomatica. E' una malformazione presente dalla nascita che ci accompagna durante la vita, senza dare problemi. Le cisti sintomatiche sono quelle molto grosse, non come la sua.

Il suo dolore alla posizione seduta sarebbe da correlare per lo piu ad una infiammazione del coccige.
Si può provare ad infiltrare l'articolazione sacro coccigea, e a vedere se il dolore si riduce.
Un saluto
Dr. Andrea Seghedoni,
neurochirurgo
www.andreaseghedoni.com

[#2] dopo  
Utente 133XXX

La ringrazio molto per la risposta.
Mi informerò per queste infiltrazioni, che credo comunque di aver fatto una volta in sede dell'ernia/protusione con anestetico,ozono e cortisone.

Vorrei chiederle se potrebbe essere possibile che il coccige recurvatum con elemento sovranumerario coccigeo possa, in posizione seduta, provocare dolore o escoriazioni interne, comprimendo le zone circostanti, in particolare la sede perianale, questo anche perchè dopo l'evacuazione il dolore aumenta moltissimo e non capisco se sia il coccige o un problema rettale.
Inoltre soffrendo di contrazioni muscolari ho l'impressione che la zona anale sia contratta.
Concludendo, premesso il difetto del coccige, non mi riesce di capire la causa precisa del dolore ( tra l'altro presente anche dopo aver camminato per una mezz'ora con una sensazione di pesantezza anale), mi consiglia presso quali specializzazioni mediche posso muovermi per capirci qualcosa?
Grazie

[#3] dopo  
Dr. Andrea Seghedoni

24% attività
4% attualità
12% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
MANTOVA (MN)
MODENA (MO)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Buongiorno

dovrebbe rivolgersi a un proctologo (che è un chirurgo generale), intanto per escludere una ragade o una patologia dell'ano. Lo stesso medico dovrebbe riuscire ad identificare anche uno spasmo muscolare (di solito causato da stress) della muscolatura anale.
Per l'infiltrazione, se necessaria, deve chiedere al suo medico di famiglia. La possono fare sia neurochirurghi, che ortopedici, che reumatologi, che fisiatri.

La saluto
Dr. Andrea Seghedoni,
neurochirurgo
www.andreaseghedoni.com

[#4] dopo  
Utente 133XXX

La ringrazio molto, infatti domani ho una visita proctologica e oggi un controllo per la terapia del dolore, vediamo se esce fuori qualcosa.
Soffrendo di dolore neuropatico per una contrattura diffusa, controllata da alcuni farmaci oppioidi, antinfiammatori, e miorilassanti, devo purtroppo constatare che questo dolore perianale/ coccigeo non reagisce ad alcun farmaco, impedendo inoltre di stare seduti.
Può avere un significato questa non risposta agli antidolorifici?
Grazie

[#5] dopo  
Dr. Andrea Seghedoni

24% attività
4% attualità
12% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
MANTOVA (MN)
MODENA (MO)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Certo che ha significato,

vuol dire che quel dolore non risponde ad una classe di farmaci. Sarà il medico antalgista a valutare la posologia ed il tipo di farmaci non responsivi, cosi da inquadrare meglio la problematica.
Quando va a visita si ricordi cosa ha preso e la posologia.

Un saluto
Dr. Andrea Seghedoni,
neurochirurgo
www.andreaseghedoni.com

[#6] dopo  
Utente 133XXX

Grazie, la disturbo per una ultima cosa.
Ho visto la foto di un coccige normale più o meno diritto con tre elementi.
Il mio invece, guardando la risonanza è curvo ad elle, è composto da 4 elementi.
Forse questo potrebbe giustificare il dolore perianale?
Posso ipotizzare, ma non voglio fare il medico, che per eliminare un problema simile ci sia da ipotizzare una asportazione parziale del coccige, ma il mio disco l5s1 è malmesso, disidratato e non molto stabile.
Cosa mi può dire, visto la sua specializzazione circa una eventuale l'operazione, è dolorosa, il post intervento è doloroso, e ultimo ( mi scuso) sarebbe possibile una anestesia parziale?
Abbia pazienza per tutte le mie domande, ma l'ansia è una brutta amica!!
Grazie

[#7] dopo  
Dr. Andrea Seghedoni

24% attività
4% attualità
12% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
MANTOVA (MN)
MODENA (MO)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
tutto quello che chiede si può fare, ma la domanda è se ne valga la pena. Cioè, non è detto che a rimuovere il coggice lei stia meglio. Al coggige si inseriscono due tendini importanti per il pavimenti pelvico, sopratutto nel sesso femminile.

Io sentirei prima il proctologo, poi l'antalgista. Saranno loro a indirizzarla al chirurgo, ma come ultima possibiità.
Dr. Andrea Seghedoni,
neurochirurgo
www.andreaseghedoni.com

[#8] dopo  
Utente 133XXX

La ringrazio molto, l'operazione è l'ultimo dei miei pensieri, speriamo in una alternativa
Grazie