Utente 175XXX
Gentile
5 anni fa durante il mio dottorato in psicologia mi sottoposi a scopo sperimentale ad una RMN encefalo T1 preliminarmente ad una fMRI. Nessuno ha mai visionato ne refertato quelle immagini in quanto non eseguite a scopo clinico. Io non ho mai fatto particolarmente caso a tutti i dettagli finchè pochi giorni fa riguardando casualmente quelle immagini ho notato una cosa che mi sta preoccupando molto. Si vede una piccola formazione bianca sottile e allungata (per quanto sembri molto piccola) in posizione interemisferica che non tocca gli emisferi ma sembra essere sulla falce, in zona frontale. In sezione coronale appare come un piccolo cerchietto bianco, in sezione assiale come un piccolo ovale, in saggittale è di forma allungata meno definita. Inizialmente pensai alla sezione di un vaso sanguigno (se ne vedeno diversi altri nelle sezioni più ventrali che sono palesemente vasi) e non diedi peso alla cosa.. ma guardando meglio la saggittale direi che non può essere. Non è la sezione del seno saggitale perchè il seno saggitale è più in alto.
Tale formazione è visibile su 3 max 4 slices contigue al massimo, quindi penso sia piuttosto piccola.
Mi rendo conto che senza vedere le immagini è difficile giudicare (so che non si possono postare, privatamente sono disponibile ad inviarle) ma orientativamente cosa potrebbe essere? una calcificazione? cos'altro?
Sono passati ormai 5 anni e io non ho mai avuto problemi di sorta...se non disturbi di ansia e dell'umore anche abbastanza seri da circa 4 anni.

Eventualmente pensate che chiedendo una visita neurochirurgica privatamente portando con me le immagini possa risolvere il quesito?

Ringrazio anticipatamente chi può aiutarmi in qualche modo.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

deve fare visionare le immagini ad un neuroradiologo, è l'unico modo per avere una risposta attendibile.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro