Utente 366XXX
Salve, mi capitava spesso di avvertire giramenti di testa poi in seguito ad un episodio di vertigini notturne ho fatto una serie di visite specialitiche: Neurologica ma il medico non ha rilevato nulla e mi ha consigliato visita orl e rmn; ORL. lo specialista non ha riscontrato nulla di patologico ma mi ha riscontrato diplopia e consigliato di fare rmn; Oculistica insieme ad ortottista hanno confermato diplopia che ho tutt'ora. Ho fatto RMN encefslo e tronco encefalico con e senza contrasto, di seguito l'esito:focali alterazioni iperintense in FLAIR insensibili al mezzo di contrasto in sede sottocorticale fronto parietale e paratrigonale bilaterale ed ai centri semiovali. regolare il segnae dei nervi ottici. sistema venrticolare mostra dimensioni e morfologia regolari e gli spazi liquorali periencefalici sono di ampiezza nei limiti. nulla da segnalare in fossa cranica posteriore. a completamento è stato eseguito sequenzq STIR del midollo che esclude alterazioni con carattere di focalità. si consigliano alutazioni in ambito neuro fisio patologico per escludere patologia infammatoria a genesi autoimmune.
il medio radiologo mi ha consegnato il referto e mi ha detto"lei ha una malattia demielinizzante, deve fare una terapia".
or sono nel panico tatale e non so cosa pensare. cosa significa che ci sono alterazioni focali iperintense?
grazie

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

le alterazioni riscontrate potrebbero essere di tipo demielinizzanti ma questa è solo un'ipotesi. Il problema va certamente approfondito rivolgendosi ad un centro per le malattie demielinizzanti dove i colleghi possono visionare direttamente le immagini della RM, visitarLa e richiedere eventuali ulteriori accertamenti diagnostici.
In atto l'esito negativo della precedente visita neurologica e la non impregnazione patologica del mezzo di contrasto sono elementi da considerare positivamente.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro