Utente 522XXX
Buongiorno, il consulto che chiedo non è per me ma per mio padre, ha 61 anni ed è in buona salute ma da qualche mese lamentava mal di schiena in zona lombare e un dolore alle cosce lato posteriore. Il dolore si presentava solo in posizione eretta e diminuiva o scemava totalmente da seduto o sdraiato, da effettuato una RM di cui vi riporto il referto e vorrei sapere cosa dovrebbe fare ora e come eventualmente può risolvere il suo problema. Inoltre, il fisioterapista gli ha suggerito di fare alcuni esercizi ma lui non sta trovando beneficio.
Testo del referto:
L'esame RM del rachide lombare è stato eseguito con tecnica SE,FSE e 3D HYCE mediante scansioni sagittali ed assiali dipendenti dal T1 e T2.
Le fibrocartilagini discali comprese ra L4-L5 appare diffusamente ipointensa, nelle immagini T2 dipendenti, per fenomeni di disidratazione del nucleo polposo. Coesistono, a tale livello, protrusione fiscale ad ampio raggio che prende contatto con il sacco durale interessando bilateralmente i forami di coniugazione e diffuso reperto di spondili margino somatica anteriore e di degenerazione artrosica dei massicci articolari posteriori con ipertrofia dei legamenti gialli e conseguente stenosi del canale spinale.
Non si evidenziano alterazioni di segnale a carico dei corpi vertebrali.
Non macroscopiche alterazioni a livello della corda midollare.
Rimango in attesa di una vostra risposta.
Grazie mille.
Giorgia

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Giorgia,

la sintomatologia descritta è compatibile con i reperti riscontrati alla RM lombosacrale.
Se ancora non l'ha fatta è certamente indicata una visita neurologica per avere una valutazione diretta del caso e per valutare eventuali deficit neurologici.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro