Utente 124XXX
Buongiorno,
da qualche tempo accuso forti mal di testa non localizzati sempre in punto preciso della testa e pur assumendo farmaci non passa facilmente. Avendomi detto che probabilmente poteva dipendere dall'allattamento l'ho interrotto in gennaio. Da allora il mal di testa non solo non è passato quanto mi sembra sia diventato più forte di intensità oltre che più frequente (se prima ce l'avevo una volta a settimana adesso mi capita anche per tre quattro giorni di seguito).
Il mio medico curante mi ha prescritto una angio - rm distretto vascolare intracranico - rm encefalo.
Il referto, ritirato oggi, riporta quanto segue:
NOn si rilevano aree di alterato segnale a carico delle strutture nervose dell'encefalo. Presenza di cisti del setto pellucido. Nella norma gli spazi liquorali periencefalici il sistema ventricolare. Strutture mediane in asse. Lo studio angio rm del circolo arterioso intracranico non ha documentato malformazioni vascolari nè patologia steno-occlusiva. Origine fetale della cerebrale posteriore di destra.
Dato che il mio medico è in vacanza e io sono molto nervosa, posso gentilmente chiedere spiegazioni circa le cisti del setto pellucido e sull'origine fetale della cerebrale posteriore?
Cosa significa? mi devo preoccupare?
Grazie infinite

[#1] dopo  
2114

Cancellato nel 2014
Cara Signora,
la "cisti" del setto pellucido è un'anomalia congenita considerabile pari a una variante anatomica e non determina alcun problema patologico nella stragrande maggioranza dei casi.
Solo in rarissimi casi in cui si tratta di una grossa cisti con caratteri espansivi questa può essere causa di idrocefalo e quindi dare problemi neurologici.
Ma, ripeto, questa evenienza è rara e non è assolutamente il suo caso.
L'origine fetale della cerebrale posteriore è anch'essa una variante anatomica e non una patologia.
Cari saluti
Dott. Alessandro Pedicelli
Specialista in Radiologia
Neuroradiologia, Radiologia e Neuroradiologia Interventistica
www.vertebroplastica.it