Utente 192XXX
Salve,
porto occhiali per astigmatismo miopico da circa 20 anni (adesso ne ho 40). Il tipo di lenti, -0,50 a 165 gradi per entrambi gli occhi, è stato sempre confermato nelle differenti visite oculistiche (con differenti oculisti) che ho fatto regolarmente negli anni. Da tre anni, però, soffro di gravi problemi di cervicalgia ed emicranie ricorrenti. La risonanza magnetica che ho fatto un paio di anni fa evidenziava un’ernia cervicale tra le vertebre C4 e C5 e una rettilinizzazione del tratto cervicale. Nonostante le cure farmacologiche e fisioterapiche (compresa la ginnastica posturale con metodo Mezieres), la sintomatologia non migliorava granché (o per lo meno il miglioramento durava poco). Due mesi fa ho fatto una visita con un medico posturologo che mi ha consigliato di consultare un oculista perché probabilmente gli occhiali che portavano non erano adatti. Ho subito fatto una visita ortottica con un oculista che mi ha prescritto di non usare gli occhiali perché non ne avevo bisogno e che, cerco si usare le stesse parole, “interporre un filtro non necessario tra i miei recettori oculari e il mondo esterno poteva aver causato i miei problemi di cervicalgia a causa di un attegiamento di compesazione del capo”. Incredibile ma vero, da quando non uso più gli occhiali in poche settimana l’emicrania è scomparsa e la mia cervicalgia è notevolmente migliorata (e continua a migliorare), ma, al tempo stesso, ho qualche problema di messa a fuoco quando leggo. L’oculista ritiene che devo solo riabituare gli occhi a vedere senza occhiali e vorrei sapere se questo parere è condiviso anche da altri suoi colleghi.
Grazie mille.

[#1] dopo  
Dr. Enrico Rotondo

40% attività
0% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
LECCE (LE)
NARDO' (LE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Buonasera, in linea di massima è possibile quello che scrive e comunque se sta meglio, tanto di guadagnato, riguardo ai disturbi per vicino questi possono dipendere da una incipiente presbiopia che comincia proprio alla sua età. Le consiglio di temporeggiare qualche mese ed una volta acclarati i benefici che riferisce, di ripetere una valutazione oculistica con una eventuale correzione per vicino.

cordialmente
Dr. Enrico Rotondo
Policlinico Universitario "Magna Graecia" di Catanzaro
www.medicitalia.it/enricorotondo

[#2] dopo  
Utente 192XXX

Grazie mille della sua risposta Dottore.
Seguirò il suo consiglio.