Utente 232XXX
Salve! Mi rivolgo a Voi dopo aver consultato vari oculisti senza riuscire a trovare una soluzione. A dicembre 2010 ho effettuato un intervento laser PRK ad entrambi gli occhi contemporaneamente per la correzione di un forte astigmatismo e della miopia. Dopo i primi tre mesi post-operatori, periodo in cui ho preso il Fluaton, il decorso sembrava procedere discretamente. In seguito pero' ho cominciato a soffrire di una grave forma di secchezza ad entrambi gli occhi, tanto da avere quasi quotidianamente al mattino, al risveglio, abrasioni alla cornea e persino ulcere. Ho provato una 30ina di prodotti tra lacrime, pomate, gel per la notte, pastiglie per favorire la lacrimazione, vitamina A negli occhi, etc. etc. Ad oggi mi sono ridotta a dover scegliere tra dormire o finire il giorno dopo in pronto soccorso. I danni psico-fisici cominciano a farsi sentire. Sembrerebbe che la causa sia una scarsa lacrimazione iniziale (non testata ne' rilevata prima dell'intervento), peggiorata dall'intervento. L'ospedale in cui mi sono operata ha sempre sottovalutato la mia situazione tanto da essere costretta a rivolgermi ad altri ospedali e privati. Temo che il protrarsi di questa situazione e la cattiva cicatrizzazione ad un annoi dall'intervento mi possa provocare danni ben piu' gravi, se non riusciro' a trovare un rimedio. Vi pregherei di darmi qualche suggerimento, indicazione, magari su un centro specializzato in questo tipo di problematica. Vorrei anche sapere se, secondo Voi, era il caso di sottopormi all'intervento senza prima verificare la lacrimazione che a posteriori, con il test di Schirmer, ho saputo di avere a livello 3 in OD e livello 6 in OS.
Ho 45 anni e non ho mai avuto alcun genere di malattia. Risiedo a Roma.
Un cordiale saluto.

[#1] dopo  
Dr. Carlo Orione

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
NIZZA MONFERRATO (AT)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Purtroppo la tecnica, ormai obsoleta, di PRK può dare questi problemi.
Che terapia sta eseguendo attualmente per il DRY EYE?
Carlo Orione, MD
carlo.orione@orioneye.com
www.orioneye.com

[#2] dopo  
Utente 232XXX

Sto utilizzando CELLUVISC piu' volte al giorno e almeno ogni due ore di notte, 2 gocce di TIROCULAR per 2 volte al giorno, LACRILUBE prima di andare a letto e LACRISEK spray 1 volta al giorno. Il problema piu' grande e' di notte perche' sono costretta a svegliarmi ogni due ore e a volte non basta. Ho utilizzato per un mese lenti a contatto al silicone Hydrogel, mettendole solo di notte. All'inizio funzionava, ma poi hanno cominciato ad attaccarsi troppo alla cornea e nonostante accurate precauzioni per staccarle mi facevo male. Ho provato inutilmente anche HYLOGEL, HYLOCOMOD, RECUGEL, OPTIVE, BLUGEL, XANTERGEL, DACROGEL. Al massimo durano dalle 2 alle 4 ore. Nel mio caso, secondo alcuni oculisti, non sarebbero utili neppure le Punctum Plugs. L'unico farmaco che sembra non esaurire il suo effetto durante la notte e' il PENSULVIT, antibiotico che metto solo dopo un'abrasione per 2 o 3 sere di seguito. Non so se posso utilizzarlo per sempre o quanto tempo al massimo. Saprebbe indicarmi un vero specialista in questo tipo di problematiche a Roma? La ringrazio per il Suo interessamento. Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Carlo Orione

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
NIZZA MONFERRATO (AT)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Ha frequenti abrasioni?

Provi ad utilizzare in camera da letto un umidificatore di notte per tenere l'ambiente più umido.

A Roma non conosco uno specialista nel Dry Eye.

Cordialmente
Carlo Orione, MD
carlo.orione@orioneye.com
www.orioneye.com