Utente 234XXX
la sera di capodanno ho avuto la grande sfortuna di beccarmi un tappo di bottiglia (tipo quelli da birra, non quelli di sughero grossi da spumante) in un occhio. Ho avuto un po' male, è diventato rosso dentro e si è gonfiata un po' la palpebra ma la vista era apposto. Andato in pronto soccorso e dopo una visita oculistica mi hanno diagnosticato una piccola ferita congiuntivale, emorragia sottocongiuntivale e l'oculista mi ha detto che cerano anche delle piccole emorragie sulla retina che però si sarebbero riassorbite. Sono stato fortunato perchè poteva andare peggio. Prognosi 7 gg di riposo e 5 gocce al giorno di collirio antibiotico x 10gg. So che forse è assurdo ma sono abbastanza pauroso per tutto ciò che riguarda la vista e avrei bisogno di altri pareri specialistici. Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Enrico Rotondo

40% attività
0% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
LECCE (LE)
NARDO' (LE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Buonasera, se le cose stanno come ha scritto, si tranquillizzi, opportuno però fare un controllo oculistico tra una/due settimane.

cordialmente
Dr. Enrico Rotondo
Policlinico Universitario "Magna Graecia" di Catanzaro
www.medicitalia.it/enricorotondo

[#2] dopo  
Utente 234XXX

Ci potrebbero essere anche delle complicanze? Io vado tranquillamente in macchina, ci vedo benissimo, se pur con qualche lampo di luce tipo abbaglio sull'occhio ferito ma solo alla mattina appena sveglio e pochi altri momenti della giornata, qualche luce che se vista solo con l'occhio ferito sembra avere una tonalità più rossastra e alcune volte un po' di fastidio a mettere a fuoco cose molto vicine. Complessivamente niente che mi dia particolarmente fastidio ne dolore

[#3] dopo  
Dr. Enrico Rotondo

40% attività
0% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
LECCE (LE)
NARDO' (LE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Buongiorno, tutto normale, ma come le dicevo è opportuno fare un controllo a distanza di qualche settimana.
cordialmente
Dr. Enrico Rotondo
Policlinico Universitario "Magna Graecia" di Catanzaro
www.medicitalia.it/enricorotondo