Utente 348XXX
Salve,

sono Pasquale e da qualche tempo (circa 1 mese) ho incominciato a vedere degli aloni intorno alle fonti luminose dei monitor. È come se vedessi una sorta di effetto Kirilan intorno ai contorni di immagini molto chiare. A quanto pare ciò accade solo su immagini di monitor, non so dire se accade anche con fonti di luce ambientali ma se accade è sicuramente meno marcato.
Suppongo (anche se spero che non sia così) che questo sia dovuto al fatto che negli ultimi 3 anni circa ho passato molto tempo davanti ai monitor, specialmente computer, arrivando anche a 7 ore al giorno.
È questa la causa o è qualcos'altro? Ma soprattutto, è curabile o è un cambiamento irreversibile? Grazie per l'aiuto.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
SVIZZERA (CH)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
potrebbe essere un semplice IPERTONO OCULARE...
fai controllare per piacere la pressione dell’occhio...

oppure un abuso di computer , tablets o smartphone???

ti allego un mio APPUNTO presente sul nostro sito di MEDICITALIA

l nostro nuovo cellulare, l'ultimo modello di smartphone,
i tablets e tutti gli altri gadgets sono davvero dannosi?



Che danni creano agli occhi?

I bambini trascorrono più di quattro ore davanti agli schermi televisivi e ai piccolissimi schermi dei giochi o tablets di ultima generazione.

Gli schermi televisivi, del computer o delle tavolette , sebbene non emanino radiazioni o campi elettromagnetici dannosi per gli occhi, possono creare alcuni problemi (luce blu).

La Miopia che trent’anni fa colpiva il 20% della popolazione europea ora ha raggiunto il 35%.

A cosa è dovuto questo aumento?

L’attività ravvicinata a uno schermo (Personal Computer, tablets, videogiochi) comporta un costante sforzo di messa a fuoco, che sebbene nel piccolo sia meno impegnativo rispetto all’adulto, determina un forte stimolo accomodativo.



La conseguenza più comune è la stanchezza visiva; inoltre, questo affaticamento accomodativo nel bambino, a lungo andare, può facilitare la formazione di miopia, ovvero una difficoltà a leggere da lontano.

L’attenzione che i monitor sollecitano comporta una minore frequenza dell’ammiccamento e questo induce un’alterazione cronica del film lacrimale; ciò perchè la cornea, il tessuto trasparente che si trova nella parte anteriore dell’occhio, si nutre attraverso l’ossigeno sciolto nelle lacrime; non è infrequente che gli stessi videoterminalisti adulti soffrano di problemi lacrimali e lamentino bruciore, sensazione di corpo estraneo e arrossamento.

Non possiamo e non dobbiamo dimenticare che l’utilizzo di queste apparecchiature comporta ulteriori conseguenze:

la sedentarietà, con l’associato maggior rischio di obesità già rilevato nelle nuove generazioni, e l’introversione dovuta al continuo, esclusivo e diseducativo rapporto con la realtà virtuale, che si accompagna invariabilmente a una scarsa propensione al contatto con i compagni di gioco e a un’indisponibilità alla relazione interpersonale, non trascurabile elemento del crescere sociale.



Come scoprire se un bambino non vede bene?

Osservare il comportamento generale del bambino:

Se il bimbo avvicina molto le cose al viso per vederle
Se il bimbo strizza gli occhi per vedere: è sospetto di avere un problema visivo
Se il bambino si strofina con una certa frequenza uno o entrambi gli occhi
Se il bambino dopo un po’ che usa la vista da vicino si stanca
Se osservando la pupilla del bambino si noti qualcosa di strano
Se il bambino ha un occhio strabico: va portato immediatamente dal medico oculista; lo strabismo non è solo un problema estetico; è sempre correlato ad un problema visivo e relativa ambliopia (occhio pigro); circa due bambini su cento hanno una qualche forma di strabismo
Se il bimbo tiene una posizione viziata del capo o soffre di torcicollo: avrà verosimilmente un problema visivo
Se gli occhi del bimbo hanno movimenti strani od oscillatori
Se chiudendo prima un occhio e poi l’altro si nota un comportamento diverso fra un occhio e l’altro
Se in famiglia ci sono problemi di vista come miopia ed astigmatismo o ipermetropia; genitori miopi è facile che facciano figli miopi


Proteggiamo i nostri occhi e quelli dei nostri figli dalla luce Blu!

Al giorno d'oggi trascorriamo sempre piu' tempo davanti al PC. Dalla mattina presto sino a sera tardi (ed a volte molto tardi). Secondo vari studi di ricerca condotto su di un campione statisticamente significativo trascorriamo davvero tantissimo tempo davanti ai nostri dispositivi digitali: il 30% di questo campione utilizzava i dispositivi smartphone, i tablet (le magiche tavolette), i computer, almeno 6 ore al di, un altro 14 % oltre 10 ore.

E' oggi assolutamente normale vedere ragazzi in giro, per strada che anche mentre mangiano un panino o passeggiano guardano o chattano con il loro cellullare. La luce blu e' presente naturalmente nello spettro luminoso, nella luce naturale (quella solare), la sua lunghezza d'onda e' simile a quella da raggi ultravioletti ma la luce blu e' anche emessa in maniera molto maggiore ed ARTIFICIALE da tutti i dispositivi LCD e LED di martphone, tablet, TV, e PC, dai sistemi di illuminazione e lampade a basso consumo energetico.

La luce BLU ha una lunghezza d'onda corta e quindi maggior frequenza ed energia. I dispositivi come gli smartphone e tablet emettono sino al 40 % di luce blu e la loro diffusione e' in crescita e cosi' anche gli effetti negativi sul benessere visivo, e sull'occhio.



Le cause del problema sono principalmente due:

- la distanza di utilizzo molto ravvicinata

- l'alta emissione di luce BLU



La luce blu influenza il ciclo sonno - veglia?

Direi proprio di sì... e' come un JET LEG senza il viaggio o la vacanza.

L'esposizione a luce BLU influenza il ciclo circadiano in quando e' in grado di inibire la produzione di MELATONINA, molecola responsabile di un buon equilibrio SONNO - VEGLIA.

L'effetto benefico (a piccole dosi) e' che puo' migliorare i nostri tempi di reazione nelle ore serali e notturne.

L'effetto negativo e' che in altri casi, invece, crea disturbi importanti del sonno.

La sovraesposizione alla luce blu puo' dare insonnia, irritabilita', cali di attenzione, patologie oculare importanti:

dislacrimie
alterazioni qualitative e quantitative del film lacrimale
fotofobia, bruciore , irritazioni
congiuntiviti croniche o ricorrenti
cataratta precoce
degenerazione maculare.
Infine alcuni autori (Bass e Turek 2005 e Haus e Solesnsky 2006) hanno sottolineano che le alterazioni del sonno (indotte da luce Blu) possono portare a Diabete ed Obesità, ma anche alterazioni della postura, lombosciatalgie, cefalea ed emicrania ricorrenti.



Per proteggerci dalla luce blu?

Sicuramente possiamo introdurre nella dieta antiossidanti e prodotti ricchi di pigmenti retinici ed in particolare di Luteina.

Quindi mangiamo frutta e verdura della piu' colorata che ci sia, aumentiamo il carico idrico cosi da avere una buona composizione e sufficiente quantita' del film lacrimale ed un corpo vitreo ben organizzato e trasparente.

Ma cambiare le nostra dieta ed il nostro stile di vita a volte e' molto difficile.

L'alternativa molto valida ed efficace e' ora possibile grazie ad un trattamento BLUE-CONTROL che puo' essere applicato alle comuni lenti da vista.

Gli effetti benefici sono immediati: le lenti trattate con BlueControl hanno effetti rilassanti sugli occhi, grazie ad un aumento del contrasto alla visione, alla riduzione dell'abbagliamento, garantendo una percezine naturale dei colori.

Quindi le lenti Hoya BlueControl costituiscono davvero un fattore di protezione importante per studenti, ragazzi, adulti ed anziani (soprattutto dopo intervento di cataratta se non sono state inserite IOL con trattamento anti luce Blu e ultravioletti).

Per trovare le lenti BlueControl basta cliccare su www.hoya.it





prof. Luigi Marino MD PhD

Consigliere Nazionale AIMO

Associazione Italiana Medici Oculisti

www.oculistiamo.it

Societa' Italiana di Oftalmologia Legale

Societa' Italiana Laser in Oftalmologica
LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 o 0258395333

[#2] dopo  
Utente 348XXX

Da quanto letto intuisco che la causa più probabile sia il troppo tempo passato di fronte ad un monitor.
Devo aggiungere inoltre che fin da piccolo soffro di ipersensibilità alla luce: non so bene se sono fotofobico oppure no, di fatto però da sempre ogni mattina, quando mi sveglio, non riesco a tenere gli occhi aperti alla normale luce del sole per circa 3 minuti, e appunto con il contatto visivo della luce del sole mi provoca una lacrimazione quasi immediata.
Ma a questo "abuso di tecnologia", oltre che la prevenzione, c'è un rimedio? Negli ultimi tempi ho ridotto di molto il tempo passato al computer e al telefono, ma c'è una cura per non vedere più questi aloni luminosi?

[#3] dopo  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
SVIZZERA (CH)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
sue domande

1)Ma a questo "abuso di tecnologia", oltre che la prevenzione, c'è un rimedio?


risposta

FILTRO BLUE CONTROLL HOYA

2) Negli ultimi tempi ho ridotto di molto il tempo passato al computer e al telefono, ma c'è una cura per non vedere più questi aloni luminosi?

risposta

una dieta ricca di frutta e verdura fresche

ma controlli per piacere anche la pressione dell’occhio

buona giornata
LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 o 0258395333

[#4] dopo  
Utente 348XXX

Grazie infinite dr. Marino per avermi dedicato il suo tempo.

[#5] dopo  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
SVIZZERA (CH)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
di nulla ...

da ragazzo andavo al mare a mercatello....
LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 o 0258395333