Lenti a contatto e mal di testa esito oct

Buongiorno,

scrivo per mia moglie, 36 anni con forte miopia bilaterale (OD: RB1 7,30 - sfero -13.00 - OS: RB1 7,40 - sfero -9.00). Da un mese circa, come mette le lenti a contatto (e' psicologicamente allergica agli occhiali) ha dolore in particolare all'occhio sinistro che dopo qualche ora sfocia in mal di testa frontale/periorbitale e, talvolta, nausea. Senza lenti a contatto, costretta a portale gli occhiali, i mal di testa e i fastidi diminuiscono sino quasi a scomparire. Eseguita visita oculistica accurata con fundus oculi che non evidenziava nulla di particolare (piccole papule sottopalpebrali curate con antibiotico sino a scomparire) e pressione oculare di 21 (ad entrambi gli occhi).
Da notare che l'epitelio sottopalpebrale risultava screpolato. La pressione era cosi' alta perché gia' riscontrata in precedenza una cornea molto spessa e non destava particolari preoccupazioni all'oculista. L'oculista, scomparse le papule sottopalpebrali dopo l'antibiotico e permanendo il fastidio con le lenti a contatto ha prescritto OCT col seguente esito:
OO: marcato aumento della riflettivita' e dello spessore del complesso EP - coriocapillare. La retina nurosensoriale e' normale per spessore, morfologia e riflettivita' senza alterazioni dell'interfaccia V-R. L'esame morfologico del nervo ottico mostra in OO una papilla dismorfica con riduzione delle fibre nervose peripapillari nei settori superiori ed infero temporali.
Ci sono poi immagini e valori per me non di facile interpretazione.
Essendo l'oculista all'estero e poi in ferie non sappiamo se la situazione merita urgente approfondimento di altra natura o cure particolari. Vi ringrazio anticipatamente se potrete chiarirci eventuali patologie correlate all'esito dell'OCT o soluzioni piu' in generale. Ovviamente ora non sta portando le lenti a contatto e sta usando un collirio antinfiammatorio e lenitivo che pero' le crea fastidio (testualmente: si sente gli occhi "tirare").
[#1]
Dr. Daniele Di Clemente Oculista, Medico estetico 152 4 1
Sulla base di quanto ci scrive ritengo :
-OCT neg, ovvero nessun rischio attuale
-miopia elevata, essa stessa costituisce un intrinseco fattore di rischio, per vari motivi che sarebbe quì troppo lungo descrivere
-tono oculare 21 mmHg, anche con pachimetria elevata ,può rappresentare un potenziale fattore di rischio, se in presenza di miopia elevata e dismorfismo papillare
-comgiuntivire recidivante, palesemente da lenti a contatto.
-sintomatologia soggettiva riferita comprensibile, in rapporto al quadro generale
Consiglio:
- evitare uso di lac
-valutare il tipo di collirio antinfiammatorio , possibilmente evitando colliri steroidei
-esaminare accuratamente la periferia retinica
-sottoporsi ad un esame del campo visivo.
Buon Natale
DDC

Dr. DANIELE DI CLEMENTE

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie dottore,

velocissimo e molto preciso. Al momento mia moglie, in attesa del ritorno del suo collega, sta prendendo xiloial zero tutti i giorni (prescritto per 3 mesi). La cura antibiotica l'ha effettuata con collirio a base di Ciprofloxacina Cloridrato (per 1 sola settimana).
Mi permetto di chiedere a Lei o a chi per Lei se il collirio in questione, a base naturale, è corretto o se sarebbe preferibile qualcosa di più specifico. Infine per quanto riguarda l'esame accurato della periferia retinica: intende con esami specifici o con la semplice visita, magari più accurata?
Il campo visivo, mia moglie, lo ha effettuato nel 2010 con il seguente risultato:
OD: campo normale con difetto fascicolare relativo di grado lieve nell'emicampo superiore; OS: campo normale con riduzione della sensibilità retinica medio-grave pericecale.
Faccio notare che questo esame è stato fatto da mia moglie senza alcun ausilio visivo (ovvero senza LAC o occhiali); da quanto dettoci da altri suoi colleghi e' stato quindi eseguito in maniera del tutto errata.
Infine, per quanto riguarda l'evitare le LAC..... mia moglie quando ho letto la Sua risposta e' rimasta terrorizzata (piangeva)... intendeva momentaneamente, ovvero sino a problema risolto, oppure definitivamente?

Ancora grazie a Auguri di buone Feste

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test