Utente 366XXX
Buongiorno Dottori.
Se possibile vorrei gentilmente una informazione su quanto sotto riportato.
Ho 37 anni e sono fortemente miope ad entrambi gli occhi, specialmente al sinistro che presenta una miopia di circa 16 diottrie mentre il destro siamo a circa 10 diottrie.
Circa 13 anni fa dopo che mi era stata riscontrata cataratta in OS ho eseguito cataratta con correzione della miopia a questo occhio e a destra intervento laser. Il tutto ha permesso di diminuire la gradazioni degli occhiali a circa 3 diottrie che mi hanno permesso comunque di eliminare gli occhiali durante la lettura.
Due anni fa è sopraggiunta la cataratta anche nell’occhio destro. Il medico ha colto l’occasione per diminuire la correzione dell’occhiale in OD che attualmente è di circa +0.5.
Questo ha comportato una correzione con occhiale differente tra i due occhi (in OS circa 4 diottrie in OD circa 0.5) che comunque mi permette, per limitati periodi, di stare bene anche senza occhiali da lontano e da vicino (da lontano uso OD e da vicino uso OS senza occhiali)
Il medico che mi ha in cura mi ha preannunciato che ci sarebbe la possibilità di eliminare questa differenza tra i due occhi procedendo ad un intervento laser in OS, ma che questo comporterebbe la perdita della visione da vicino che attualmente in OS è buona anche senza occhiali.
Fermo restando che nella vita la perfezione non va cercata con ogni mezzo , ma a volte bisogna anche accontentarsi dei risultati raggiunti ed evitare complicazioni, volevo chiedervi se possibile: piuttosto che eseguire il laser in OS, quali impedimenti ci sarebbero a sostituire il cristallino artificiale che mi è stato inserito 13 anni fa con un cristallino più forte che mi permetterebbe di eliminare anche le diottrie che attualmente correggo con occhiale?
La sostituzione di un cristallino artificiale con un altro è una prassi più difficoltosa rispetto alla operazione di cataratta di routine nella quale si elimina il cristallino naturale?
Non sarebbe preferibile questa opzione piuttosto che intervenire con laser e diminuire lo spessore della cornea?
Quanto sopra anche in considerazione che i cristallini di adesso, se non sbaglio, permetterebbero di eliminare quei difetti di curvatura che seppur leggeri a volte sono un po’ fastidiosi che avverto in OS piuttosto che in OD (forse dovuto a cristallini piu evoluti)
Grazie mille.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
SVIZZERA (CH)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
domande interessanti le sue

1)Quali impedimenti ci sarebbero a sostituire il cristallino artificiale che mi è stato inserito 13 anni fa con un cristallino più forte che mi permetterebbe di eliminare anche le diottrie che attualmente correggo con occhiale?

risposta
l’occhio non e’ un pezzo di vetro o di plastica
in 13 anni si saranno create aderenze tra piedine del cristallino artificiale IOL e residui capsulari del cristallino...si puo’ fare ma il gioco non vale la candela


2)La sostituzione di un cristallino artificiale con un altro è una prassi più difficoltosa rispetto alla operazione di cataratta di routine nella quale si elimina il cristallino naturale?

risposta
a volte siamo costretti
ma deve passare una settimana , al massimo 1 mese dal primo intervento


3)Non sarebbe preferibile questa opzione piuttosto che intervenire con laser e diminuire lo spessore della cornea?

risposta
assolutamente NO
aprire un occhio senza motivo piuttosto che fare 30 secondi di laser...


sia gentile e lasci fare a noi il nostro lavoro


LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 o 0258395333