Utente 201XXX
Buongiorno dottori,

vorrei avere un parere in merito alla situazione di mia madre. Donna, 56 anni, casalinga, nessun caso precedente di disturbo oculare serio (ad eccezione di una miopia). A seguito di un controllo di routine (Novembre 2014), avvenuto a causa di un fastidio continuo/pungente all'occhio destro le è stato diagnosticata una congiuntivite trattata con cortisone.

Nel Giugno 2015, essendo ancora presente il fastidio, ha ripetuto la visita nel corso della quale le sono stati trovati alterati i valori della pressione oculare.

Pressione Occhio Dx 24
PRessione Occhio Sx 21

Il medico ha proposto una serie di accertamenti (fondo oculare, oct, campo visivo):

- Fondo oculare:
nervo ottico leggermente pallido.

- Oct:
regolare (nessun danno evidente).

- Campo visivo:
ombre/macchie rosse (accennate), occhio Dx.

Le è stato prescritto Travatan da instillare 1/die. L'ultimo controllo (07/07/2015) a distanza di 15 gg dall'inizio della cura ha restituito:

Pressione Occhio Dx 21
Pressione Occhio Sx 14

Dall'analisi di questi sintomi / trattamenti e relativa, cosa suggerite?

- Si tratta di una sintomatologia grave?
- E' necessario effettuare un controllo/trattamento periodico e costante e vi sono seri rischi di cecità o patologie gravi?
- E' sufficiente monitorare la pressione oculare per prevenire il peggiormaneto della patologia?
- Ci sono ulteriori trattamenti consigliati?
- C'è possibilità di un peggioramento pur seguendo il trattamento?
- Dato che il fastidio pugente all'occhio destro persiste, può esserci qualche correlazione con i valori della pressione alterati e relativi danni? C'è qualche possibilità che non si tratti di glaucoma oculare?

Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Ferdinando Munno

28% attività
20% attualità
12% socialità
SIRACUSA (SR)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2015
Prenota una visita specialistica
Salve,
il glaucoma è una patologia neurodegenerativa, ovvero viene danneggiato il nervo ottico e può essere accompagnata da un aumento della pressione ocualre. Ma non sempre.
Detto questo i suoi valori sembrano di poco sopra i limiti e comunque alquanto compensati con trattamento farmacologico. Vale la pena eseguire anche una pachimetria corneale ovvero la misurazione dello spessore della sua cornea. Infatti se lo spessore è molto elevato, la macchina che rileva la pressione potrebbe sovrastimarla. Cioè dire il suo 24 potrebbe essere 18 e quindi rientrare nei valori di normalità.
Per questi e altri dettagli vale la pena parlarne col suo oculista che sicuramente saprà ben spiegarle la patologia. Consideri che è una malattia cronica e progressiva e se non correttamente trattata può anche portare a cecità.
Dr. Ferdinando Munno - Medico Chirurgo
Specialista in Oftalmologia
www.studiocarbonemunno.it

[#2] dopo  
Utente 201XXX

Salve e grazie mille per la sua cortese risposta,

il nostro oculista ci ha comunicato che non ritiene necessaria per il momento la pachimetria corneale in quanto, considerando i valori della pressione e i danni (seppur minimi) emersi dall'OCT, la diagnosi sembrerebbe essere chiara.

Lei ritiene sia opportuno rivolgerci ad un altro specialista? Siamo consapevoli dei gravi rischi ed è per questo che vorrei avere la certezza che le operazioni, gli esami e la terapia che stiamo effettuando siano corrette.

Grazie ancora per la disponibilità.

[#3] dopo  
Dr. Ferdinando Munno

28% attività
20% attualità
12% socialità
SIRACUSA (SR)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2015
No non è necessario, semplicemente parlatene insieme e vedrà che troverete una soluzione assieme al problema.
Dr. Ferdinando Munno - Medico Chirurgo
Specialista in Oftalmologia
www.studiocarbonemunno.it