Utente 393XXX
Gentilissimi dottori,sono una donna di 33 anni,e da circa tre giorni presento un problema all'occhio sinistro (solo a quello),premetto che non fumo,non soffro di ipertensione,non ho il diabete ed altre patologie,presento ipermetropia ed astigmatismo di grado non imponente,tranquillamente corretti con occhiali appropriati,non assumo contraccettivi orali e non sono sotto alcuna terapia.Da tre giorni,al risveglio ho la percezione di lampi luminosi al lato esterno dell'occhio sinistro,quadro che si risolve poco dopo essermi alzata,e che non si ripropone(almeno stanti ad oggi)fino al mattino seguente.Mi sono recata dal mio medico di base che mi ha prescritto una visita oculistica,con esame del fondo dell'occhio.La visita ha prodotto questo referto:Papilla a margini netti,macula indenne,albero vascolare normo conformato,ZONA DI ASSOTTIGLIAMENTO RETINICO IN SETTORE SUPERO TEMPORALE,retina aderente a 360° ,no regmi allo stato attuale.
MI è stato già dato un appuntamento per visita di controllo per valutare l'evoluzione del quadro.
Non scrivo in quanto insoddisfatta della diagnosi,ma per avere,se possibile alcuni chiarimenti in merito:Sono una studentessa,passo quindi molto tempo sui libri,al pc,o comunque a scrivere,ci sono degli accorgimenti che posso adottare per non stancare un occhio che ha già qualche cosa che non va?Ci sono cose che dovrei evitare,integratori che potrei prendere?E soprattutto,a cosa potrebbe essere imputabile questa situazione?
Aggiungo anche che questi bafliori sono localizzati unicamente all'angolo esterno dell'occhio,non ho un calo del visus,hanno,come dire,una sorta di pulsatilità,a gruppetti di tre o quattro,poi per ore intere non si ripresentano,e comunque scompaiono nel corso della mattinata,mi sembra che siano associati al movimento del bulbo oculare,ma non potrei giurarci.Chiedo scusa per la mia prolissità,ringrazio in anticipo per la cortesia.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
SVIZZERA (CH)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
le degenerazioni , le distrofie e gli assottigliamenti retinici sono lesioni potenzialmente REGMATOGENE
cioe’ che possono dare distacco di retina
in questi casi il medico oculista consiglia in genere trattamenti laser fotocoagulativi.

nel suo caso il suo medico oculista e’ stato molto scrupoloso e non ha dato queste indicazioni


eviti gli sforzi fisici

una dieta ricca di frutta e verdura fresche la aiuteranno

sue domande
1)...passo quindi molto tempo sui libri,al pc,o comunque a scrivere,ci sono degli accorgimenti che posso adottare per non stancare un occhio che ha già qualche cosa che non va?

le rispondo con un mio articolo che trova su Medicitalia

Proteggliamo i nostri occhi e quelli dei nostri figli dalla luce Blu.

Al giorno d'oggi trascorriamo sempre piu' tempo davanti al PC.
Dalla mattina presto sino a sera tardi (ed a volte molto tardi).
Secondo un recente lavoro di ricerca condotto su di un campione statisticamente significativo trascorriamo davvero tantissimo tempo davanti ai nostri dispositivi digitali: il 30% di questo campione utilizzava i dispositivi smartphone, i tablet (le magiche tavolette), i computer, almeno 6 ore al di, un altro 14 % oltre 10 ore.

E' normale vedere ragazzi in giro, per strada che anche mentre mangiano un panino o passeggiano guardano o chattano con il loro cellullare.

La luce blu e' presente naturalmente nello spettro luminoso , nella luce naturale, (quella solare), la sua lunghezza d'onda e' simile a quella da raggi ultravioletti ma la luce blu e' anche emessa in maniera molto maggiore ed ARTIFICIALE da tutti i dispositivi LCD e LED di smartphone, tablet, TV, e PC, dai sistemi di illuminazione e lampade a basso consumo eneergetico.

La luce BLU ha una lunghezza d'onda corta e quindi maggior frequenza ed energia.

I dispositivi come gli smartphone e tablet emettono sino al 40 % di luce blu e la loro diffusione e' in crescita e cosi' anche gli effetti negativi sul benessere visivo, e sull'occhio.

Le cause del problema sono principalmente due:

la distanza di utilizzo molto ravvicinata
l’alta emissione di luce BLU

La luce blu influenza il ciclo sonno - veglia?

Direi proprio di sì... e' come un JET LEG senza il viaggio o la vacanza.

L'esposizione a luce BLU influenza il ciclo circadiano in quando e' in grado di inibire la produzione di MELATONINA, molecola responsabile di un buon equilibrio SONNO - VEGLIA.

L'effetto benefico (a piccole dosi) e' che puo' migliorare i nostri tempi di reazione nelle ore serali e notturne.

L'effetto negativo e' che in altri casi, invece, crea disturbi importanti del sonno.

La sovraesposizione alla luce blu puo' dare insonnia, irritabilita', cali di attenzione, patologie oculare importanti:

dislacrimie,
alterazioni qualitative e quantitative del film lacrimale
fotofobia, bruciore , irritazioni
congiuntiviti croniche o ricorrenti
cataratta precoce
degenerazione maculare.
Infine alcuni autori hanno sottolineano che le alterazioni del sonno (indotte da luce Blu) possono portare a Diabete ed Obesita', ma anche alterazioni della postura , lombosciatalgie, cefalea ed emicrania ricorrenti.

Per proteggerci dalla luce blu?

Sicuramente possiamo introdurre nella dieta antiossidanti e prodotti ricchi di pigmenti retinici ed in particolare di Luteina.

Quindi mangiamo frutta e verdura della piu' colorata che ci sia, aumentiamo il carico idrico cosi da avere una buona composizione e sufficiente quantita' del film lacrimale ed un corpo vitreo ben organizzato e trasparente.

Ma cambiare le nostra dieta ed il nostro stile di vita a volte e' molto difficile.

L'alternativa molto valida ed efficace e' ora possibile grazie ad un trattamento BLUE -CONTROL presentato in Italia da HOYA che puo' essere applicato alle comuni lenti da vista.

Gli effetti benefici sono immediati: le lenti trattate con BlueControl hanno effetti rilassanti sugli occhi, grazie ad un aumento del contrasto alla visione , alla riduzione dell'abbagliamento , garantendo una percezine naturale dei colori.

Quindi le lenti Hoya BlueControl costituiscono davvero un fattore di protezione importante per studenti, ragazzi, adulti ed anziani (soprattutto dopo intervento di cataratta se non sono state inserite IOL con trattamento anti luce Blu e ultravioletti).



2)Ci sono cose che dovrei evitare?

risposta
sollevare grossi pesi

3)integratori che potrei prendere?

risposta
NESSUNO

4)a cosa potrebbe essere imputabile questa situazione?


risposta
a nulla
e’ fatto cosi il suo occhio o ha fatto sforzi fisici recentemente (palestra- pesi...)


buona serata
LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 o 0258395333