Utente 403XXX
Salve,
mi sono sottoposto a femto-lasik 10 mesi fa, per ridurre una miopia di -4 ad entrambi gli occhi. Portavo le lenti a contatto (Oasis usa e getta) da 20 anni, e non ho mai sofferto neanche giorno di congiuntivite in vita mia. All'indomani dell'intervento la vista ha preso poco tempo a recuperare, e direi di aver avuto un percorso post-operatorio regolare. Ho riscontrato un primo problema dopo un mese e mezzo che, sarà stata anche causa del caldo ho sofferto di sintomi da occhio secco, e lieve congiuntivite, curata con Lotemax, e idratato gli occhi con ThelozDuo 4 volte al giorno, e ThealozDuo gel una goccia prima di dormire. Ho fatto la cura per un mese, ma i risultati li ho ottenuti velocemente, ed i fastidi sto rientrati. Dopo oltre due mesi dalla sospensione della cura, mi sono sottoposto alla visita di controllo del sesto mese, e da li sono cominciati i veri problemi. Dato l'episodio estivo mi è stato fatto un nuovo schirmer test, che mi ha generato particolare fastidio, e dal giorno dopo ho risentito l'occhio secco ed irritato. Ricominciando subito la cura con il thealoz duo non ho ottenuto gli stessi risultati, trascinandomi parecchi fastidi per un paio di mesi, nonostante l'uso di lacrime artificiali. Mi rendo conto, cosa più confermata da un nuovo oculista, che i classici sintomi di blefarite (di cui non ne avevo mai sentito parlare in vita mia). Da allora ho cominciato un ciclo di cura mensile di Tobradex e lacrime artificiali Artelac Balance, per poi passare ad una cura di venti giorni di 3 gocce di Lotemax, per poi diluirla al 50% con acqua fisiologica per un mese, e per finire un altro mese ridotta al 30%. Ad oggi, ho la sensazione che l'unica cosa che mi permette di controllare i sintomi di Blefarite siano gli impacchi di acqua calda giornalieri, ma non ho l'impressione che l'irritazione stia davvero regredendo. Ho consultato molti oculisti, e tutti concordano che il mio caso è destinato a risolversi con il continuo processo di recupero post-operatorio che nel mio caso sta prendendo un può più del dovuto.
Ora, mi chiedo, si dice che la blefarite non sia connessa al Lasik, tanto meno a tecniche giù avanzate come Femtolasik, ma basta una piccola ricerca su internet per verificare che non sono il solo ad avere questa complicazione. Ma soprattuto, mi confonde il fatto che apparentemente la blefarite, è un irritazione/infezione molto comunque così come prendere una congiuntivite, mentre altre fonti trattato la blefarite come una malattia grave che non si può curare. Sarà forse la causa che la generata a rendere la Blefarite più o meno grave? Quanto grave sarà per chi ha scatenato la blefarite dopo una femtolasik.

Grazie per qualsiasi commenti e risposta che sarete capaci a darmi.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
SVIZZERA (CH)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
Grazie per qualsiasi commenti e risposta che sarete capaci a darmi?

forse e’ il caso che LEI formuli in maniera diversa le sue domande

evidentemente NON ha frequentato mai questo sito ne’ ne ha mai apprezzato lo stile.

LEI VEROSIMILMENTE ha UN OCCHIO SECCO POST CHIRUURGICO

trovera’ molti articoli su questo SITO.

Le auguro ogni bene

Attenzione: MEDICITALIA.it propone contenuti a solo scopo informativo e che in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante.
Vedi le Linee Guida per l'uso dei consulti online. I contenuti scientifici sono scritti GRATUITAMENTE dai professionisti iscritti. E' vietata la riproduzione e la divulgazione anche parziale senza autorizzazione.
LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 o 0258395333

[#2] dopo  
Utente 403XXX

Grazie della celere risposta. Provo a dettagliare meglio la domanda di questo consulto. Concordo certamente che sto soffrendo una classica secchezza post-operatoria, che è probabilmente in continuo progressivo recupero.Sento che i miei occhi reagiscono all'ambiente esterno, e producano lacrime di conseguenza, ma sono probabilmente acquose e poco nutrienti all'occhio. Il mio ShirmerTest pre-operatorio era 6 e 8, al sesto mese (prima dell'insorgere di questi ultimi problemi), era di 2 e 5 e non mi davano per nulla fastidio, oggi non ho fatto lo shirmer test, ma i vari dottori consultati nn sono allarmati dall'attuale produzione lacrimale del mio occhio.
Ma adesso si è manifestata la blefarite, che da quanto ho capito è un infezione dell'occhio. La domanda è: pensa che debba preoccuparmi della blefarite come infezione permanente con cui convivere, o che questa faccia parte di un processo di recupero post-operatorio destinato a risolversi insieme alla secchezza oculare? Grazie in anticipo per qualsiasi opinione abbiate sull'argomento.

[#3] dopo  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
SVIZZERA (CH)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
sue domande
1)pensa che debba preoccuparmi della blefarite come infezione permanente con cui convivere, o che questa faccia parte di un processo di recupero post-operatorio destinato a risolversi insieme alla secchezza oculare?

risposta
deve curare
BLEFARITE
MEIBONITE
prima
di conseguenza migliorera’ anche Occhio secco

Grazie a LEI


buona serata

LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 o 0258395333