Utente 436XXX

Salve,
vi scrivo per un' opinione. Premetto di essere molto ansioso/ipocondriaco (vado da circa un mese da una psicologa una volta a settimana) e ipertiroideo (solo controlli annuali, mai preso nulla).

Da circa due settimane ho notato di avere difficoltà visive all'occhio sinistro, mi spiego meglio. Già da prima di quel giorno avevo notato di avere strane sensazioni alla testa, soprattutto mentre guardavo la tv, che avevo confuso con la derealizzazione. Quando mi sono accorto di vederci meno con l'occhio sinistro ho capito che probabilmente è solo la disuguaglianza tra la vista di un occhio e l'altro che mi causa queste sensazioni.

Un giorno per caso ho chiuso l'occhio destro e ho notato che col sinistro facevo difficoltà a mettere a fuoco. Più che sfocatura mi sembrava uno sdoppiamento, ho notato che gli oggetti mi sembravano sfocati, invece le forme e le scritte era come se le vedessi doppie o comunque con un'ombreggiatura sotto di esse. Da vicino metto a fuoco bene, mentre da lontano scritte che vedo benissimo col destro, le vedo molto molto sfocate col sinistro. Ovviamente ho anche avuto momenti di giramenti di testa e forte nausea.

Ho fatto la visita oculistica la settimana dopo. Il dottore mi ha da subito messo 3 volte le gocce per dilitare le pupille, senza controllare nulla prima. Dopo la terza volta, mi ha controllato la vista e ha riscontrato solo un lievissimo astigmatismo a tutti e due gli occhi (0,25) e il fondo degli occhi, senza nessun problema.
Premetto che mi prima delle gocce mi ha chiesto di spiegargli solo brevemente il motivo della visita e se avessi mai portato gli occhiali. Gli ho detto di no e che il motivo era che da qualche giorno vedevo sfocato con l'occhio sinistro (ho sbagliato a dire sfocato, anziché spiegare di vedere doppie alcune forme?). Dopo la visita mi ha detto che non avevo bisogno di occhiali. Mi ha chiesto come usassi gli occhi durante la giornata, gli ho spiegato che in quest'ultimo mese ho avuto un periodo molto ansioso e che quindi stando a casa, magari per noia potrei aver abusato del cellulare, che ho comunque sempre usato molto per necessità. Ha attribuito il mio vedere sfocato proprio a questo e mi ha lasciato andare.

Non so perché non mi sono convinto, sono passati 4 giorni dalla visita, il problema non è cambiato (ovviamente il cellulare continuo ad usarlo, ma molto meno). Mi è sembrato di notare che appena sveglio il problema sia minore, dopo un po' comincio a vederci più sfocato. Con tutti e due gli occhi aperti il fastidio visivo è minore.

Due settimane prima avevo fatto anche una visita neurologica e la dottoressa mi ha controllato (senza uso di macchinari) anche gli occhi, ed era tutto perfetto a livello neurologico, mi ha consigliato il Quetidia come integratore per l'ansia, che prendo ogni mattina.

Mi consigliate solo di tranquillizzarmi? Di fare un'altra visita da un altro medico? Di provare degli occhiali da riposo?
Perché comunque il problema persiste.

Grazie per l'aiuto, buona giornata.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
SVIZZERA (CH)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
sue domande
1)Mi consigliate solo di tranquillizzarmi?

risposta
Si CERTO

2)Di fare un’altra visita da un altro medico?

risposta
PERCHE’

3)Di provare degli occhiali da riposo?

risposta
PERCHE’

4)Perché comunque il problema persiste...

risposta
e va affronatato in maniera strategica tutti gli specialisti insiene, non si fa una MEDICINA un cassetto alla volta

buona serata

LUIGI MARINO MD PhD


MEDICITALIA.it propone contenuti a solo scopo informativo e che in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita medica specialistica oculistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. Veda per piacere le nostre Linee Guida per l’uso dei consulti online.
LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 o 0258395333