Utente 121XXX

In seguito a visita oculistica è stato diagnosticato a mio marito,46 enne, un esoftalmo con rigonfiamento parietale sx (ha l'occhio che sporge e un gonfiore alla tempia,ma non ha mai avuto dolore o abbassamenti di vista), il medico ha richiesto una Tac ed esami del sangue per la tiroide e l'esito è il seguente:

regolare la pneumatizzazione dei seni frontali e delle celle etmoidali.Modesto ispessimento mucoso parietale della regione etmoidale posteriore e delle pareti anteriori dei seni sfenoidali,con parziale coinvolgimento dei complessi sfeno-etmoidali,non obliterati.
I seni mascellari sono normopneumatizzati,con sottile film mucoso parietale.
A livello orbitario sinistro è presente un rimaneggiamento dell'architettura scheletrica della parete laterale e del tetto,caratterizzato da netto addensamento sclerotico ipertrofico che determina riduzione della capacità della cavità in sede posteriore,con effetto massa sul cono bulbare posteriore ed esoftalmo.L'alterazione si estende a tutto l'osso zigomatico,coinvolgendone il processo frontale ed il pavimento orbitario.
Le cavità nasali sono asimmetriche per una scoliosi destro-convessa del setto caratterizzata da sperone aggettante verso il terzo medio e destra. Simmetrici i turbinati.
Il rimaneggiamento si estende ad interessare anche la squama del temporale,che appare ispessito fino alla regione auricolare.
Non apprezzabili asimmetrie del canale ottico.
Sono presenti rimaneggiamenti delle superfici endocranica e soprattutto extracranica,con aspetto rugoso e polveroso della limitante corticale,che appare caratterizzata da sottili depositi microcalcifici periostali ed extracorticali nelle parti molli della regione zigomatica extracranica al di sopra dell'arcata zigomatica.
I reperti necessitano di approfondimento con risonanza magnetica e paiono compatibili con focolaio di displasia fibrosa,eventualmente da ricercare in altre sedi.
La maggior componente addensante ed i reperti di alterazione periostale extracranica tuttavia necessitano di approfondimenti clinico anamnestici per escludere patologia evolutiva.
Tra qualche giorno farà anche l'esame del sangue, ma in base a tutto l'esito della Tac, ci dobbiamo preoccupare e,soprattutto a quale specialista bisognerà rivolgersi,visto che dalla visita oculistica l'occhio sta bene?

[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
SVIZZERA (CH)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
Buongiorno signora
dovete rivolgervi a un collega otorino o esperto di chirurgia maxillo faciale, è necessario un intervento mini- invasivo

A MILANO
dottor ALBERTO MACCARI
REPARTO OTORINO
OSPEDALE SAN PAOLO

dottor MASSIMILIANO QUATELA
REPARTO OTORINO
OSPEDALE SAN MICHELE
ISTITUTO AUXOLOGICO ITALIANO

ad entrambi si può rivolgere a mio nome

LUIGIMARINO MD PhD

MEDICITALIA.it propone contenuti a solo scopo informativo e che in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita medica specialistica oculistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante.

I contenuti scientifici sono scritti GRATUITAMENTE dai professionisti: medici specialisti, odontoiatri e psicologi. È vietata la riproduzione e la divulgazione anche parziale senza autorizzazione.

Vedi le Linee Guida per l'uso dei consulti online.
LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 o 0258395333

[#2] dopo  
Utente 121XXX

Grazie per la veloce risposta.
Domani ritireremo i risultati degli esami del sangue e porteremo il tutto al medico di base per valutare come proseguire.

[#3] dopo  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
SVIZZERA (CH)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
bene

IN BOCCA AL LUPO
LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 o 0258395333

[#4] dopo  
Utente 121XXX

Buongiorno, alla fine il medico di base non ci capiva molto e ci ha mandato da un'internista che sta facendo fare a mio marito un po' di esami (ECG-raggi al torace,esami del sangue, ecodoppler al collo) e ha preso appuntamento con il neurochirurgo per domani mattina.
L'internista ha parlato di patologia benigna rara, ma non abbiamo capito se questa displasia fibrosa ossea è un tumore o no, la parola tumore non è stata ancora detta.
Mio marito poi dovrà fare anche una scintigrafia ossea, ma l'appuntamento ce l'ha al 19/6 e spero che con il neurochirurgo si possano affrettare i tempi.
Inutile dire che l'ansia mi assale.

[#5] dopo  
Utente 121XXX

Alla fine stamattina ci hanno mandato dal chirurgo maxillo-facciale che farà una biopsia in anestesia generale,prelevando 1,5 cm di osso. Ci ha spiegato che,generalmente, la displasia fibrosa si sviluppa in età puberale e poi si arresta e non è il caso di mio marito,quindi bisogna approfondire bene e poi decidere perchè la zona interessata, per un eventuale intervento, è molto delicata.
Quindi brancoliamo ancora un po' nel buio.