Utente 556XXX
Salve, mi trovo qui a scrivere per la terza volta in tre mesi ringraziando la mia elevata ipocondria accompagnata da ansia continua.
Sono una ragazza di vent’anni, sono miope.
Porto gli occhiali (e premetto che purtroppo la montatura è stata fatta sui risultati di una visita oculistica di anni e anni fa, quindi ora come ora non sono giusti al 100% perché la vista in 7 anni mi è leggermente peggiorata)
Fin l’altra settimana ero convinta, sempre dall’ipocondria, di avere qualche malattia grave al cervello, dopo aver letto i sintomi su internet ho visto che uno di essi era la perdita parziale o completa della vista.
Da qualche giorno, dopo tanti pensieri negativi e ossessivi (premetto che sto già seguendo un corso di psicoterapia) , sento un fastidio agli occhi, soprattutto all’occhio destro e quando guardo dritto davanti a me mi sembra come se nell’angolo esterno dell’occhio la vista si scurisse leggermente, anche se poi girando lo sguardo di lato vedo perfettamente come ho sempre visto, alle volte questo fastidio è accompagnato da sensazione di occhi pesanti come si ha quando non si dorme e sensazione di secchezza.
Soffro anche di insonnia, quindi dormo poco e male, e dopo un periodo di stress ho avuto un periodo di cefalea tensiva (confermata dal medico di base)
Voi pensate che questo disturbo della vista (che ancora non capisco se sia reale o se sia solo autosuggestione) possa essere sintomo di qualcosa di più grave come un glaucoma o qualcos’altro o puó essere dovuto all’ansia, stress, l’insonnia e la fissazione su pensieri negativi? Non so nemmeno se esista una patologia in cui si ha la sensazione che si oscuri un po’ la vista solo sul lato esterno di solo un occhio
La paura di diventare cieca è una delle mie paure più grandi e non riesco proprio a non pensarci continuamente, anche se, quando non ci penso non sento nessun fastidio.

[#1]  
Dr. Enzo D'Ambrosio

36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Salve,
L'unica cosa che deve fare è esporre i disturbi ad un oculista che verificherà la sussistenza o meno di alterazioni.
Mi piacerebbe poterla aiutare di più, ma un consulto online può essere solo indicativo, non diagnostico, pertanto le sue domande non possono che trovare risposta solamente dopo che uno Specialista l'abbia attentamente ascoltata e visitata. Se successivamente necessita di chiarimenti saremo a disposizione.

Mi faccia sapere eventuali novità.

Cordiali Saluti
Dr. Enzo D'Ambrosio - Centro Mediterraneo Uveiti
Centro Oftalmico D'Ambrosio - Taranto
www.centroftalmicodambrosio.eu - cercaci su Fb!

[#2] dopo  
Utente 556XXX

Grazie per la sua risposta dottore! Ovviamente sono consapevole che non si possa fare una diagnosi attraverso delle parole e sicuramente andró da un’oculista per una visita completa
Ho pensato di andare al pronto soccorso ma non vorrei che fosse solo un esagerazione e mi ritrovassi ad aspettare ore e magari levare il posto a chi ne ha veramente bisogno
Secondo lei di solito, i miei sintomi possono essere legati a qualcosa di grave? Giusto per capire se mi conviene andare in pronto soccorso o se ho il tempo di aspettare di prenotare la visita oculistica