Utente 133XXX
Gentile dottore le scrivo per avere un suo parere. Ho 36 anni e circa 15 giorni fa ho avvertito u8n forte dolore aalla parte destra della bocca, accompagnata da gonfiore di tutta la parte interessata. Dopo un cura abtibiotica e antidolorifica mi9 sono recata dal mio dentista il quale, dopo aver individuato dei denti da curare, mi ha consigliato una panoramica. Il gonfiore e il dolore alle gengive sono ricomparsi. L'esito della panoramica è il seguente: "Non si documentano alterazioni granulomatose apicali. Parodontosi diffusa" Nell'attesa di far visionare la panoramica al mio dentista ho cercato di reperire informazioni in merito alla parodontite e ho visto che può causare la caduta dei denti a seguito del ritirarsi dell'osso. Così, mi sono preoccupata. Vorrei capire se la parodontosi e la parodoontite sono la stessa cosa e se dunque, rischio di perdere i denti. Inoltre vorrei sapere se c'è qualcosa che posso fare per evitare questo processo di caduta. A chi posso rivolgermi? Devo davvero preoccuparmi? Nell'attesa di una vostra risposta, la ringrazio anticipatamente e le porgo distinti saluti

[#1] dopo  
Dr. Marcello Fantini

28% attività
4% attualità
12% socialità
LANCIANO (CH)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Parodontite e paradentosi sono la stessa cosa ed, in breve, è caratterizzata dalla perdita di attacco attorno alle radici dei denti. Il rischio di perdere i denti è direttamente correlato alla gravità di progressione della malattia, allo stato attuale della stessa, alla lunghezza delle radici e ad altri fattori più o meno importanti (fumo etc.). E' chiaro che non ci è possibile definire statisticamente il rischio nel suo caso. La presenza dell' ascesso mi fa pensare che vi sia una perdita di attacco di alcuni millimetri, tuttavia la cosa migliore è rivolgersi presso uno studio dentistico dove si tratti a regola d' arte la malattia parodontale con un sondaggio delle tasche mirato, e un piano di trattamento adeguato. Saluti.
Dr. Marcello Fantini

www.studiofantini.jimdo.com

[#2] dopo  
Dr. Sandro Compagni

24% attività
0% attualità
12% socialità
LATINA (LT)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Il parodontologo è lo specialista che riguarda il suo problema.
Segua i suoi consigli insieme all'igienista che dovrà seguirla per mantenere un'igiene adeguata.

Saluti
Dr. Sandro Compagni
Parodontologo
s.compagni@libero.it
www.studiocompagni.com

[#3] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
12% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
paradontite è la patologia in fase acuta ed ovviamente non può essere una diagnosi radiologica ma solo clinica, dopo una visita quindi.
il radiologo vede una retrazione osseea e quindi parla di parodontosi per "fotografare" la situazionesenza sapere se è in fase attiva o cronica
per lei sostanzialmente le cose non cambiano soprattutto in virtù della giovane età, meglio affrettarsi e farsi visitare da un parodontologo
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#4] dopo  
Dr. Orazio Ischia

32% attività
0% attualità
16% socialità
LIPARI (ME)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
In presenza di fattori di rischio,fumo,diabete,ereditarietà,scarsa attidudine al mantenimento dell'igiene orale la parodontite è la principale causa di perdita di elementi dentari nell'uomo sopra i trentacinque anni.Alla sua età una forma di parodontosi diffusa deve essere motivo di giusta preoccupazione,tuttavia esistono specialisti nela materia capaci di minimizzare i rischi di acutizzazioni della malattia. Saluti
Dr. orazio ischia odontoiatra
perfezionato in chirurgia orale,implantare,parodontale ,endodonzia,protesi,medicina orale, in odontologia forense,