Utente
Gentili dottori, sono una quasi-collega di 24 anni, vi espongo il mio problema.

Premessa: il mio ragazzo più di una settimana fa ha avuto una lesione da herpes tipo 1 al labbro (si presume, dato che ne è portatore) e ci siamo ugualmente baciati (io non ho mai avuto herpes di tipo 1 e/o 2 in vita mia.

Accaduto: quattro giorni fa, appoggiando il mento sulla mano sento dolore a livello della ghiandola sottomandibolare sinistra, faccio un minimo di palpazione per capirne di più e dopo 10-15 minuti la febbre sale a 37.5. Tale febbre serale/notturna, da allora, ha punte di 38.5°C e rapide discese (quindi abbondanti sudorazioni). Inizialmente tutto ciò era accompagnato da un paio di linfonodi prossimi alla mandibola, ingrossati (uno in particolare) e dolorabili [lato sinistro]. Poi, il giorno seguente alla prima manifestazione si è aggiunto dell'altro: numerosi altri linfonodi moderatamente ingrossati e dolorabili un po' in tutto il collo [sempre con predominanza del lato sinistro], gengive [lato sinistro] gonfie a livello dei secondi e terzi molari, dolore ai movimenti oculari in qualsiasi direzione, mal di gola, lingua dolente. Il risultato pratico è che non riesco a mangiare e faccio fatica a parlare con disinvoltura per via della lingua. La mia dottoressa curante mi ha detto di non preoccuparmi, attribuendo il tutto a causa virale temporanea. Il giorno seguente sono andata al pronto soccorso del nostro ospedale perchè la febbre non passava con nulla (sono allergica al paracetamolo) e mi hanno mandata in ORL al San Martino di Genova, la mia città. Lì mi hanno visitato e visto quanto vi ho suddetto, più delle "micro placche" nella bassa faringe. Mi hanno prescritto 5 gg di Rocefin 500mg e 3 gg di Bentelan 1,5 mg, più l'ovvio Lansox e dei risciacqui con blu di metilene. Dopo la prima iniezione di antibiotico, ieri, sono stata punto e a capo: prima di cena la febbre è risalita puntuale ed è rimasta precisa come un orologio a 38°C fino a tarda mattinata. Il cortisone iniettato ad inizio mattina ha impegato 5 ore abbondanti per fare scendere la febbre e dare un seppur lieve effetto analgesico alla gola. Per quanto riguarda gengive e lingua, invece, sempre peggio. La gengivite o presunta tale si è estesa molto, stasera sono comparsi dei piccoli punti bianchi sulle gengive e ciò non mi rincuora sull'efficacia della cura antibiotica, anzi direi che si tratti sicuramente di un virus. Nel frattempo però io non riesco a mangiare, sto perdendo 1 kg al giorno a suon di bere succhi di frutta e yogurt, mi fa male qualsiasi cosa introduca, anche l'acqua. La lingua mi dà grandissimo dolore, ho serie difficoltà a parlare. Non so che cosa fare e a chi rivolgermi, peraltro oggi è festa e non so chi potrei trovare in ospedale. Mi rimanderebbero forse dall'otorinolaringoiatra. Sono disperata.

[#1]  
Dr. Gianpiero Deluzio

24% attività
4% attualità
12% socialità
RUTIGLIANO (BA)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Di primo acchito mi viene da pensare alla mononucleosi infettiva, la cosiddetta malattia del bacio. Ha fatto esami del sangue?
Dr. Gianpiero Deluzio
Odontoiatra

[#2] dopo  
Utente
No, in ospedale non mi hanno fatto nè emocromo nè tampone faringeo. Sarà meglio che ci torni oggi dice?

[#3]  
Dr. Gianpiero Deluzio

24% attività
4% attualità
12% socialità
RUTIGLIANO (BA)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
I risultati non li avrebbe comunque in giornata. Se dovesse trattarsi di mononucleosi si tratta di una malattia autolimitantesi nel giro di qualche settimana e la terapia, salvo casi più gravi, si limita ad una terapia sintomatologia. Gli antibiotici ovviamente non servirebbero trattandosi di malattia virale. Ma ovviamente non sappiamo se di mononucleosi si tratta.
Dr. Gianpiero Deluzio
Odontoiatra

[#4]  
Dr. Cataldo Palomba

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
non possiamo trascurare la premessa del suo racconto e cioè di aver baciato il suo partner mentre erano presenti sul labbro le tipiche lesioni dell' Herpes Labialis, mentre Lei ricorda di non aver mai sofferto di lesioni simili.
Il quadro descritto potrebbe pertanto corrispondere ad una gengivostomatite erpetica, essendosi verificate ampiamente le tipiche modalità di contagio tramite il contatto diretto in corso di reinfezione con le lesioni attive e la saliva in soggetto portatore, si tratterebbe cioè della forma di infezione primaria meno frequente di questo tipo di virus erpetico (dato che nella maggior parte dei casi l'infezione è clinicamente silente) e foriera di un quadro clinico caratterizzato appunto da febbre, linfoadenopatie del collo, lesioni ulcerative delle mucose orali soprattutto a livello gengivale e del dorso della lingua, anche se con meno frequenza, nonchè lesioni a livello del vermiglio delle labbra.
Le lesione caratteristica è la bolla:
sulla mucosa orale tendono a rompersi facilemente quindi possono non essere notare, ma lasciano ulcerazioni dolorose, arrossate e gementi; a livello delle labbra invece compaiono anche le caratteristiche croste.
La modalità di presentazione della febbre del resto sembrano più essere tipiche di un'infezione virale che batterica.
Penso che sia necessario sottoporsi nuovamente a visita medica per ulteriori approfondimenti.
Cordiali Saluti
https://www.facebook.com/dentistarantonline
Risposta ad esclusivo scopo informativo, non costituisce diagnosi, non sostituisce la visita medica.

[#5] dopo  
Utente
Gentili dottori,

sono appena rientrata dall'ospedale, dove mi sono recata in tarda mattinata perchè il dolore alla lingua e alle gengive con conseguente impossibilità di mangiare è diventato tremendo, non di meno perchè stamattina si sono moltiplicati puntini bianchi di cui vi scrivevo e ne sono comparsi a decine sulla lingua. Mi ha vista il primario del reparto di otorinolaringoiatria e ha sostenuto la stessa ipotessi del Dottor Palomba, ovvero che si tratti di lesioni erpetiche. Mi ha fatto un emocromo in urgenza ed andava tutto sommato bene. Mi ha dunque interrotto il Rocefin ed il Bentelan (il quale, peraltro, stamattina, dopo l'iniezione, mi ha dato un vistoso rash cutaneo) e mi ha invece prescritto il Contramal nella speranza che mi possa controllare il dolore linguale e gengivale così da poter mangiare qualcosa, ed un collutorio. Mi ha fatto una richiesta così che domattina andrò a fare un emocromo con formula, VES, ricerca di herpes, cmv, ebv, toxo, elettroforesi. Poi lunedì mattina torno da lui per un controllo. Grazie a tutti, vi farò sapere.