Utente 481XXX
Scrivo nuovamente per la mia compagna. Dopo l'ultimo consulto, ha finalmente deciso di procedere alle piccole cure necessarie (qualche carie e l'estrazione di un molare - del giudizio) dopo anni e anni di mancate visite dal dentista. Il primo passo è stato naturalmente l'igiene, compresa di curettage gengivale.

Non so se il curettage è previsto o necessario nella igiene odierna, fatto sta che nel caso in questione è stata particolarmente deleteria, in termini di dolori e sintomi. Dopo l'igiene M. ha cominciato ad avvertire forti dolori gengivali, fino ad arrivare ad una fase acuta durata mezza giornata di dolore (cito) insopportabile. Il dolore è stato trattato il giorno prima con Efferalgan (poco utile), poi con Synflex (poco utile), Gengigel (inutile), un colluttorio a base di clorexidina e infine con Oki colluttorio, che parrebbe l'unico ad aver avuto effetto. Il tutto coadiuvato da igiene massima, continui sciacqui con colluttorio, pulizia con spazzolino e filo interdentale e quant'altro per scongiurare che residui di cibo infastidissero le gengive.

Contattato il dentista, ci ha semplicemente detto che è un dolore "necessario" e inevitabile, fondamentalmente un "resisti finchè non passa". Ci ha spiegato che dopo l'igiene si sono create delle tasche gengivali e che il cibo, entrandoci, causa dolore. Tasche particolarmente grandi perchè l'igiene non era stata fatta per molto tempo.

Aggiungo una foto della parte dolorante:

Le nostre domande:
- è normale questa fase di dolore dopo una semplice igiene?
- il curettage è fondamentale o accessorio?
- queste "tasche" sono destinate a rimarginarsi velocemente?
- nella foto ho indicato un punto che sembra anomalo, come una lacerazione: può essere qualcosa di importante?
- quali altri medicinali possono combattere il dolore di questo tipo?

Vi ringrazio come sempre in anticipo per le vostre risposte.

[#1] dopo  
Dr.ssa Laura Anna Melone

24% attività
0% attualità
12% socialità
ALPIGNANO (TO)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
non so per quale ragione ma la foto in questione che lei cita non riesco a visualizzarla. Comunque è di poca importanza in quanto una diagnosi, a posteriori senza una visita specialistica non è possibile.
Rispondo alle sue domande:
-si, dopo il curettage gengivale sono nella norma i sintomi presentati dalla sua compagna. Il dolore, l'ipersensibilità dentale, il sanguinamento, il gonfiore il rossore e l'edema gengivale sono una conseguenza del trattamento subito.
-il curettage è necessario in alcuni casi, e perciò non è da ritenersi accessorio in quanto parte di una terapia ben precisa mirata ad eliminare placca, tartaro e batteri dalle tasche gengivali nonchè la parte infiammata ed edematosa della tasca stessa
-le tasche non si rimarginano ma possono ridursi notevolmente in seguito al curettage. La sua compagna dovrà entrare in uno specifico programma di controllo, igiene e manutenzione delle tasche gengivali. Il controllo periodico (ogni 3-4 mesi circa) viene effettuato mediante misurazione della profondità di tasca e indice di sanguinamento nonchè ulteriori sedute di igiene qualora lo si ritenesse necessario
-come le dicevo la foto non la vedo, ma posso immginare che il punto che indica come lacerato, sia semplicemente una parte di gengiva leggermente sfibrata dal curettaggio
-i medicinali sono dei banali antinfiammatori o colluttori che però mi sembra lei abbia già utilizzato con scarsi risultati. Sono piccole ferite chirurgiche che nel giro di una settimana vanno incontro a guarigione spontanea. Bisogna avere un pò di pazienza e magari utlizzare gli antinfiammatori non solo al bisogno (ovvero non solo quando ha male) ma per 3-4 giorni.
Spero di esserle stata utile.
Rimango a disposizione per eventuali chiarimenti.
Cordiali Saluti
Dott.ssa Melone Laura Anna
Perfezionata in Odontoiatria Pediatrica
Perfezionata in Ortodonzia Intercettiva
Perfezionata in Innovazioni Tecnologiche in Ortognatodonzia

[#2] dopo  
Utente 481XXX

E' stata utilissima ed esaustiva, e ringrazio nuovamente.

La foto devo essermela dimenticata, è questa:

http://img511.imageshack.us/img511/4449/dentameiu2.jpg

Mi pare di capire che le tasche sono una cosa da portarsi dietro per la vita. Non ho invece capito se è una situazione normale (ovvero, tutti hanno le tasche?) o di natura patologica o causate da poca igiene.

Chiedevo se il curettage fosse necessario perchè anch'io devo procedere all'igiene prossimamente e volevo evitare il calvario che sta passando la mia compagna. Se è necessario comunque, si fa.

Mi permetto una domanda totalmente fuori tema, per non aprire un altro consulto: dopo l'estrazione del dente del giudizio (superiore), è lecito aspettarsi dolori post-intervento dello stesso tipo, o addirittura peggiori? Almeno ci mettiamo l'anima in pace, il dentista è reticente su questo aspetto!

[#3] dopo  
Dr.ssa Laura Anna Melone

24% attività
0% attualità
12% socialità
ALPIGNANO (TO)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
ciò che vedo è proprio una piccola lesione da curettaggio, nel giro di 1 settimana si risolverà spontaneamente.
Le tasche gengivali hanno natura prettamente patologica e per questo, non tutti i pazienti hanno bisogno di effettuare il curettage. Le cause sono molteplici e sono di origine multifattoriale. Al primo posto sicuramente una scarsa igiene ma vi è anche una predisposizione su base genetica, su base sistemica (es.diabete,ipertensione,etc), abitudini viziate come il fumo, etc. Per queste ragioni le ribadisco che il curettaggio sottogengivale non è necessario a tutti i pazienti ma solo nei pazienti a richio e in quelli realmente affetti da quella che noi chiamiamo parodontopatia (brutto termine ma per capirci è la piorrea).
Per quanto riguarda la domanda fuori tema, sì l'estrazione del dente del guidizio può avere un decorso clinico simile. Bisogna comunque sottoporsi a controlli per assicurarsi che non vi siano sovrainfezioni dell'alveolo. Se nota gonfiori anomali o dolori troppo acuti lo faccia presente al suo odontoiatra che saprà sicuramente consigliarla sul da farsi.
In bocca al lupo!
Dott.ssa Melone Laura Anna
Perfezionata in Odontoiatria Pediatrica
Perfezionata in Ortodonzia Intercettiva
Perfezionata in Innovazioni Tecnologiche in Ortognatodonzia

[#4] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
4% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Dopo un curettage è normale avvertire un senso di fastidio alle gengive (prurito con leggero bruciore, dolenzia diffusa ma leggera), ma niente di più. Se il dolore è forte, le gengive arrossate e dolenti, significa che la manovra è stata un pò cruenta. Le consiglio di continuare col colluttorio antiinfiammatorio (Oki). Nel giro di una settimana dovrebbe migliorare tutto.
Il dolore post-traumatico ha tre alimentazioni:
1)difficoltà intrinseca dell'intervento
2)mano dell'operatore
3)risposta dell'ospite
Per cui capisce bene che a priori non si può stabilire se una estrazione fara' male e per quanti giorni, possiamo solo dire che in genere per una normale estrazione i postumi durano 36/48 ore.
A presto
Dr.Oscar G.ppe Muraca

La risposta ha carattere puramente informativo.

[#5] dopo  
Utente 481XXX

Il dolore alle gengive è ormai un (brutto) ricordo. Speriamo in un post-intervento più clemente con la prossima estrazione, altrimenti dovrò chiedere un consulto in psicologia per imparare a sopportare i suoi lamenti!

Vi ringrazio nuovamente per i vostri pareri, in questo caso utili e soprattutto rassicuranti. Sopportare il dolore con la certezza che sia un "giusto" dolore è più facile. Grazie.