Utente 296XXX
Salve, devo sottopormi all'estrazione di un dente del giudizio ma sono preoccupata che gli ansiolitici che prendo giornalmente, il Sereupin prescrittomi dallo psichiatra,possa influenzare in qualche modo l'effetto dell'anestesia locale. L'operazione è fra un mese circa, non voglio arrivare lì col dubbio.
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
4% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Stia tranquilla, anzi le dirò che in alcuni casi e nei pazienti particolarmente "agitabili" si prescrive l'assunzione di ansiolitici prima dell'intervento. La dose di anestesia locale non interferisce in modo preoccupante con l'effetto del farmaco che assume. In tutti i modi, credo che il suo odontoiatra sappia della sua situazione e dei farmaci che assume, quindi potrà gestire tutta la situazione.
Cordiali saluti
Dr.Oscar G.ppe Muraca

La risposta ha carattere puramente informativo.

[#2] dopo  
Dr. Alessandro Francini

28% attività
4% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
il Sereupin è un antidepressivo, non un ansiolitico.

C'è una bella differenza.

Innanzitutto, non essendo appunto un ansiolitico, non viene mai usato per la cosiddetta "premedicazione" anestetica,procedura quest'ultima che consiste nella somministrazione di un ansiolitico mezz'ora - un'ora prima dell'anestesia prima dell'estrazione, nei casi in cui il paziente in questione sia particolarmente ansioso.

Inoltre, come succede per gli altri farmaci antidepressivi, praticando l'anestesia locale a un paziente che assuma il farmaco di cui parliamo ci si deve aspettare un potenziamento dell'effetto dell'anestetico.
Questa è l'interazione.
In via cautelativa sarebbe quindi opportuno ridurre un poco la dose dell'anestetico stesso.
Queste almeno sono le vedute correnti in materia.

D'altro canto,se può tranquillizzarla, personalmente non ho mai ridotto la dose di anestetico in pazienti in cura con antidepressivi, e non mi sono mai capitate reazioni indesiderate.
E' pur vero che abitualmente, a prescindere dal paziente, già di mio uso dosi abbastanza limitate. Ma anche ciò considerato, mi sembra di poter dire che nel suo caso non ci dovrebbero essere particolari problemi relativamente all'estrazione a cui dovrà sottoporsi.

E' comunque opportuno che il dentista sia al corrente del fatto che lei assume il Sereupin. Spetterà a lui poi regolarsi come più ritiene opportuno.

Cordiali saluti

Dr. Alessandro Francini
Messina
Risposta a carattere informativo, non diagnostico nè terapeutico

[#3] dopo  
Utente 296XXX

Ringrazio entrambi ,non sapevo che si utilizzassero ansiolitici in casi particolari.
Dr. Francini lo psichiatra mi ha prescritto il Sereupin per l'ansia,nello specifico il disturbo di eritrofobia, ma in effetti come lei ha puntualizzato è un antidepressivo, è meglio specificarlo al dentista che probabilmente non conosce le proprietà del farmaco,grazie.
Se foste così gentili potreste togliermi un'ulteriore dubbio? Il dentista deve scriverlo nella cartella che prendo il Sereupin, e se sì questa informazione rimane riservata?
E' che i miei non sanno che ho fatto la cura e non voglio che lo sappiano. Grazie mille.

[#4] dopo  
Dr. Paolo De Carli

28% attività
4% attualità
16% socialità
MAJANO (UD)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2012
Cosa c'entrano i suoi genitori?

Lei è maggiorenne, i dati raccolti nella sua personale cartella clinica rimangono ovviamente riservati, per motivi di privacy e di deontologia professionale.

A meno che il dentista che effettua l'intervento non sia uno dei suoi genitori...
Dr. Paolo De Carli
Specialista in Odontostomatologia
www.studiodecarli.com

[#5] dopo  
Dr. Alessandro Francini

28% attività
4% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
E' bene specificare che l'obbligo legale di tenuta della cartella clinica negli studi dentistici non esiste, perciò non è detto che esista una sua cartella clinica.

Comunque è mia opinione che sia sempre buona norma compilarla.

Certamente il fatto che lei assuma il sereupin può essere annotato in cartella clinica, ma ancora meglio se specificato nel modulo di raccolta dei dati anamnestici, firmato dal paziente e controfirmato dal dentista.
Questa è la prassi per quanto mi riguarda.

Come ha già detto il collega De Carli, essendo lei maggiorenne i dati sensibili raccolti dal suo dentista rimangono segreti per tutti, genitori compresi. Quindi non ha motivo di preoccuparsi.

Cordiali saluti
Dr. Alessandro Francini
Messina
Risposta a carattere informativo, non diagnostico nè terapeutico

[#6] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
4% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Ritornando al problema della domanda iniziale, senza oltrepassare i limiti di altre specialità, torniamo a ripetere che può TRANQUILLAMENTE eseguire anestesia dentale ed estrazione.
Cordialmente
Dr.Oscar G.ppe Muraca

La risposta ha carattere puramente informativo.

[#7] dopo  
Dr. Alessandro Francini

28% attività
4% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Ritornando al problema della domanda iniziale, ribadisco che gli antidepressivi possono influenzare l'effetto dell'anestesia locale. Tale effetto si concretizza , o si può concretizzare, in un potenziamento dell'effetto dell'anestetico.

E' fuor di dubbio che lei possa sottoporsi all'anestesia locale e all'estrazione, CON LE DOVUTE CAUTELE, che consistono essenzialmente nel tenere conto dell'interazione tra antidepressivo e anestetico, e di conseguenza modulare opportunamente le dosi di quest'ultimo.

Che poi nella pratica vuol dire: A MENO CHE NON SI ESAGERI con le dosi di anestetico, non ci dovrebbero essere problemi.


Tenere conto delle possibili interazioni tra farmaci non costituisce sconfinamento in discipline diverse dall'odontoiatria, perchè le conoscenze sull'argomento dovrebbero far parte del bagaglio culturale di qualsiasi odontoiatra.Non per niente tra le materie del corso di laurea in odontoiatria c'è anche farmacologia.

Cordiali saluti
Dr. Alessandro Francini
Messina
Risposta a carattere informativo, non diagnostico nè terapeutico