Utente 559XXX
Buongiorno, da una lastra ortopantomografica mi sono stati individuati due granulomi: uno sulla radice di un dente che purtroppo avevo nettamente spaccato in due mordendo (ahimè) un osso di oliva. L'altro è sul dente n° 46 (?) lato dx molare inferiore.Il primo ho dovuto toglierlo , il secondo è devitalizzato e incapsulato, ma probabilmente il dentista precedente lo aveva devitalizzato con poca cura e quindi.....mi sono ritrovata un granuloma. Ora l'attuale dentista ha aperto la capsula, i canali e con uno strumento ( degli aghi) ha ripulito i canali da una gomma che era stata inserita ed a suo dire aveva creato "gas": la prima volta tutto è filato liscio, non ho avuto dolore postumo(il dente era devitalizzato e comunque avevo richiesto l'anestesia). La seconda volta invece all'apertura di un terzo canale quando mi è stato inserito un ago che sciogleva la gomma, ho avvertito un dolore lancinante sull'osso (avevo sempre richiesto l'anestesia). Il dentista perplesso mi ha fatto subito una radiogafia ed ha scoperto che un canale è rotto. Disinfettata, inserito pasta antibiotica e chiuso con il seguente referto " signora sarà da togliere visto che ilcanale è danneggiato. Se vuole la mando a fare una terapia canalare, ma ilcosto è lo stesso. Ora è passato un giorno ed io ho gonfio in prossimità del dente, se chiudo la masticazione ho dolori così pure anche al tatto o solo muovendo la bocca e, dopo aver contattato i dentista, sto prendendo l'antibiotico VECLAM 500 1 al giorno (è giusto questo antibiotico????)in attesa dell'estrazione. Il mio dubbio è che il canale lo possa avere rotto lui(?) E comunque è giusta questa terapia o quanto mi ha detto. Vi ringrazio e resto in attesa.

[#1]  
Dr. Gualtiero Costi

24% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Gentile paziente, i granulomi se asintomatici e piccoli possono anche essere tenuti sotto controllo per intervenire quando diano segno di sè :un' alternativa a bucare la capsula è intervenire con un' apicectomia ,cioè con un piccolo intervento volto ad eliminare chirurgicamente il granuloma ed un piccolo pezzo della radice del dente che poi andrà otturata per via retrograda(dalla punta del dente)questo per risparmiarle il rifacimento della corona.E'chiaro che ifattori che intervengono nella valutazione del metodo migliore sono molteplici, ad es. vetustà della corona, realizzazione incongrua ecc. e non sono valutabili in questa sede.La sintomatologia che riferisce di avere avuto potrebbe essere in effetti stata causata dal suo dentista perforando una radice nel tentativo di curarla, ma anche questo non è valutabile on-line.Per quello she riguarda la terapia canalare,lei la sta già facendo, la devitalizzazione si esegue solo su denti vitali!Purtroppo se così fosse il rischio di estrazione è elevato ;occorre valutare dalla radiografia se è possibile intervenire chirurgicamente. Sarà il suo dentista a consigliarla.Stia bene
Dr. Gualtiero Costi

[#2]  
64156

Cancellato nel 2012
Gentile signora,
forse non si è espressa bene: anzichè "canale rotto",forse voleva dire "strumento canalare rotto"? O forse intendeva una "falsa strada", cioè una perforazione della radice con furiuscita dello strumento al di fuori della radice stessa. Se è così, bisogna vedere qual'è il livello della perforazione per decidere se si può recuperare ancora il dente ( ci sono varie possibilità ).
Poi non ho capito cosa intendeva dire il suo dentista quando le ha detto:" se vuole la mando a fare una terapia canalare ma il costo è lo stesso", lo stesso di che cosa? Forse dell' estrazione e della sostituzione del dente con una protesi?
Se è così allora, a parte il costo economico, io guarderei anche al costo biologico. Una cosa è avere un impianto con una capsula ( ammesso che ci sia l' osso per inserirlo ),o un ponte con due denti limati sotto, e un' altra cosa sarebbe avere ancora il proprio dente funzionante, anche per un periodo inferiore alla norma. A parte il fatto che una terapia canalare anche perfetta non credo che possa mai costare come una sostituzione protesica.
Riguardo all' antibiotico, il Veclam è un ottimo prodotto, ma non esiste un antibiotico che vada bene in tutti i casi e per tutti i pazienti, questo, per esempio, si prescrive di solito ai pazienti allergici alle penicilline e può funzionare bene se i batteri coinvolti nell' infezione sono di un certo tipo, e questo non lo possiamo sapere; se non dovesse avere effetti, si può cambiare.

Distinti saluti.

[#3] dopo  
Utente 559XXX

Ringrazio i due medici che mi hanno risposto. Purtroppo Venerdì ho dovuto estrarre il dente perchè la zona era molto infiammata: infatti attaccato alla radice è fuoriuscito anche il granuloma.
Grazie nuovamente sia per i consigli che per il tempo dedicatomi. Buon lavoro!!