Utente 255XXX
Buongiorno,

un mese fa dopo una piccola rottura al dente 27 (già otturato diversi anni fa), il mio dentista è intervenuto con una nuova otturazione e ricostruzione del dente. Nei giorni a seguire il dente ha cominciato a intervalli non regolari a procurarmi un lieve dolore sviluppatosi per tutto il lato sx della dentatura, che ha durate irregolari. Oltre questo, il dente in questione è divenuto più sensibile degli altri. Non riscontro problemi nella masticazione, se non rare volte, ma niente di preoccupante. Col il passare del tempo questo dolore, oltre a riproporsi svariate volte nell'arco della giornata, ha iniziato a procurarmi delle fitte alla testa, sempre stesso lato sx e sempre localizzate nella stessa zona. Possono presentarsi insieme al mal di denti che singolarmente. Entrambi i dolori non sono lancinanti ne paragonabili ad un mal di denti vero e proprio, ma prolungandosi nel tempo iniziano ad essere fastidiosi. Ieri sono tornata in visita dal dentista, che dopo aver provveduto ad una limatura e al mettere "a riposo" il dente, mi ha proposto di procedere alla devitalizzazione del dente se il dolore continuerà, anche se il dente è vivo e risponde ai test di caldo/freddo. Oggi sembra non essere cambiato niente: il dente resta sensibile, mi procura dolori a tutta l'arcata (a volte anche lato dx, sempre superiore, mai inferiore) e solito fastidio alla testa.
Ora, probabile avere a distanza di 30gg questo tipo di problema? C'è modo di evitare la devitalizzazione? O magari la risposta è da ricercare altrove? In questi ultimi 15gg ho avuto un malessere costante fisico, culminato domenica scorsa in uno svenimento dopo dolori lancinanti a stomaco e pancia, che mi hanno lasciato debilitata, spossata e con dolori articolari. non vorrei magari che le risposte vadano cercate al di fuori di uno studio dentistico. Il medico curante ha ridotto il tutto ad un periodo di particolare stanchezza e debilitazione. Mi ha prescritto analisi del sangue per indagare meglio. Ho le risposte venerdì. In quel momento non ho riferito al medico curante del dolore ai denti, pensando non potessero essere correlati. Ma ora mi sorge il dubbio che magari tutti i sintomi assieme, possano condurre ad un'unica diagnosi.
C'è la possibilità? O sono due diagnosi che corrono su binari diversi?

Vi ringrazio per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr.ssa Giulia Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
SANDRIGO (VI)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2014
Buongiorno.
Il comportamento del Collega é corretto: probabilmente l'otturazione si é dovuta avvicinare molto alla polpa , e in questi casi solo il tempo, e controlli periodici, potranno dirci se l'irritazione si risolverà o se sarà necessaria la devitalizzazione.
per gli altri sintomi, la cefalea é a volte legata a disturbi occlusali (veda l'articolo linkato) Per gli altri sintomi un ipotetico nesso di causalità è mlto più sfumato.
Cordiali saluti.

http://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/934-cefalea-viene-bocca.html

www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf
N.B.: dopo aver aperto il link, si deve clikkare su: "continua e apri il sito.."

Dr.ssa Giulia Bernkopf-Vicenza-Roma.
Odontoiatra, Specialista in Ortognatodonzia.Gnatologa
www.studiober.com
giuliabernkopf@bettega-bernkopf.it