Utente 298XXX
Un molare in arcata superiore sostituito da un impianto i primi di un anno fa previo ricostituzione ossea a livello seno mascellare non è mai risultato fisso, ma un poco mobile. Dopo vari tentativi nel tempo, sostituzioni del moncone e vari stringimenti di vite di fissaggio, la protesi si muoveva immediatamente alla fine della seduta. Alla fine anche l'odontoiatra ha capitolato ed ha provveduto a togliere l'impianto e mettercene immediatamente un altro, più largo. Passati i tempi occorrenti, con vite di guarigione, si è passati ora a montare un moncone e relativa corona provvisoria. Una misurazione elettronica della stabilità dell’impianto senza il moncone, con una antennina porta un numero 69 che sembra buono.
Ma anche quì il tutto si muove leggermente, lo si sente con le dita stringendo il colletto della corona e lo si sente a livello osseo in quanto arriva un doloretto o irritazione che si irradia verso l'alto.
L'odontoiatra esclude una infiammazione addosso all'impianto, la gengiva è rosea, non dolente e non sanguina. Una endorale mostra che l’osso c’è e c’è un buona adesione al vitone per tutta la sua altezza meno che per una leggera ombra in basso di rarefazione di circa 3 mm di altezza addosso all'impianto con uno spessore di mezzo mm di larghezza. Constatato l’odontoiatra la mobilità ha provveduto ad un' altra stretta alla vite di fissaggio.
Ma nulla è cambiato. Noto la sua delusione dei risultati e forse anche la stanchezza di questa situazione che si perdura…anche io mi sento altrettanto.

Andato a casa, non ci mastico se non con cose morbide altrimenti duole. Quindi non mastico più da quella parte ed attendo cosa succede. Non oso andare a sentire con le dita se si muove per non restarci male. Ormai sono quasi due anni che tutto questo va così.

Vi chiedo per favore, è possibile che nulla facendo, se non una accurata pulizia, l'impianto si possa in modo naturale fissare definitivamente? Grazie

[#1] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Gentile utente, se l'impianto non si è osteointegrato entro i termini fisiologici in cui tale processo si realizza (10-12setttimane) purtroppo la possibilità che avvenga in seguito e' molto molto remota.
Un impianto ben integrato in un osso stabile e sano non duole alla masticazione e non si muove.
Capisco il suo scoramento e la sua delusione, sentimenti questi che come ha capito bene, condivide con lei anche il suo dentista. Non esiste implantologo che non abbia avuto modo di confrontarsi con questi fallimenti. Aver paura di scoprire la verità però non l'aiuterà a risolvere il problema.
Affronti serenamente il discorso con il dentista, insieme troverete il modo migliore per affrontare la situazione. In casi di difficile soluzione come il suo, quando si viene già da due fallimenti, talvolta la cosa migliore da fare e' fermarsi un attimo a riflettere e cercare la soluzione più semplice possibile, anche se spesso questo vuol dire ricominciare dall'inizio.

Cordiali saluti
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra
enzodiiorio@hotmail.it

[#2] dopo  
Utente 298XXX


Cordiali saluti

Gentile Dottore, grazie molte per la esauriente e pronta risposta, aggiorno i dati mancanti alla mia prima richiesta, dunque il secondo impianto e datato fine marzo, sarebbero perciò 7-8 settimane, allora, c’è da sperare in un processo di ulteriore integrazione? Le pongo cortesemente alcune domande, sollecitare con una masticazione leggera può stimolare anch’essa al rimaneggiamento osseo? La misurazione elettronica della stabilità dell’impianto senza il moncone che porta un numero 69 non è indice positivo? Poi, la endorale così come descritta è negativa?

Infine quando dice ricominciare dall’inizio, quale iter si intende? Grazie per la pazienza

[#3] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Il dato più rilevante è la clinica non tanto il valore elettronico (ISQ). Molti studi hanno peraltro rivisto l'importanza di tale valore numerico giudicandolo relativo.
Se l'impianto si muove a 7-8 settimane e' perso, ed in tale ottica anche la dolenzia alla masticazione non e'buon segno.
L'endorale bisognerebbe vederla per giudicarla.
Per ricominciare dall'inizio: intendo rimuovere l'impianto non osteointegrato, aspettare un congruo tempo di guarigione ( sia dei tessuti molli che dell' osso), valutare i volumi ossei disponibili per un nuovo inserimento implantare e regolarsi di conseguenza.
Io al terzo tentativo, dopo 2 fallimenti, non farei di certo un carico immediato e neppure una guarigione transmucosa...ma e' una scelta personale.

Se vuole ci tenga informati su come evolve la situazione.

Cordialità
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra
enzodiiorio@hotmail.it

[#4] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Rileggendo bene quanto ci ha scritto e soffermandomi sulle date qualcosa non mi torna: lei dice che l'impianto è stato messo a fine marzo, però nel suo primo intervento ci diceva:
"Passati i tempi occorrenti, con vite di guarigione, si è passati ora a montare un moncone e relativa corona provvisoria."

Mi chiedo: ma quanto tempo dopo l'inserimento dell'impianto le son stati montati moncone e provvisorio?

Le sue due affermazioni cozzano un pò tra loro e le spiego il perchè.

Provo a far un pò di chiarezza su quelli che son "i tempi occorrenti" per non rischiare di andar a mettere i "bastoni tra le ruote" dei meccanismi biologici di guarigione (poi si può anche decidere scientemente per un qualche motivo di metterli questi bastoni tra le ruote però bisogna sapere come e quando farlo...)

I tempi di guarigione ossea come le dicevo son 10-12 settimane.

Le scelte per una riabilitazione implantoprotesica solitamente 2:

1- si fa il carico immediato montando moncone e provvisorio entro 24-48 ore (qualcuno dice anche 72 ore) dall'inserimento implantare, epoca in cui si può far affidamento ancora sulla stabilità primaria dell'impianto (che ovviamente si dev'esser dimostrata molto elevata al momento dell'inserzione della fixture). La stabilità primaria poi nei giorni e nelle settimane a seguire diminuirà raggiungendo i valori più bassi intorno alla 4-6a settimana, mentre inizierà lentamente ad aumentare la stabilità secondaria dovuta alla neoformazione ossea intorno all'impianto.
Il periodo più critico per l'impianto è alla 4-6a settimana quando la stabilità primaria è al valore minimo e la stabilità secondaria non è ancora buona.

2- si sceglie di protesizzare dopo la guarigione ossea dunque dopo 10-12 settimane.

Più ci si allontana con le date dai tempi indicati dalle soluzioni 1 e 2 (collocandosi nell'intervallo di tempo compreso tra 1 e 2) più potrebbero (uso il condizionale ) aumentare i rischi che qualcosa vada storto.

Naturalmente poi nella soluzione di un caso implatoprotesico bisogna integrare e ragionare oltre che sul dato biologico che le ho fornito anche su altri fattori, quali ad esempio:
-il fatto che l'impianto serva a riabilitare un elemento singolo piuttosto che fungere da pilastro di ponte,
-il fatto che si stia lavorando sulla mascella piuttosto che sulla mandibola
-il fatto che l'antagonista all'impianto sia un elemento nayurale, una protesi fissa o una protesi mobile
-la presenza di parafunzionio (bruxismo)
-la corretta conformazione del provvisorio (e poi del definitivo)
ecc. ecc.
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra
enzodiiorio@hotmail.it

[#5] dopo  
Utente 298XXX

Grazie ancora, l'impianto è stato sostituito nell'ultima settimana di marzo, nessun carico immediato, vite di guarigione ed attesa dei "tempi occorrenti", intendo quelli che ha fatto passare l'odontoiatra fino a ora, fino alla scorsa settimana, 7 settimane circa dopo, quando ha proceduto al montaggio del moncone e corona provvisoria, previo controllo ISQ, ed endorale in finale per controllo del posizionamento tra impianto e moncone. Li ho potuto notare nel monitor quanto ho descritto.
Rimandato alla prossima visita tra 10 giorni ed altre successive per seguire l'andamento.
Come dicevo anche lui sa, per averglielo riferito subito, della leggera mobilità e relativi sintomi, cosa che ha minimizzato, ed ha deciso di vedere e seguire a breve-medio termine.

L'impianto non deve servire come pilastro ma solo come sostituzione di dente mancante a seguito di estrazione per non più possibilità di essere curato, è situato accanto ad un altro unico impianto molare che non ha problemi, nell'arcata superiore dx.Tutti gli altri denti sono presenti ed integri. Non bruxismo.

Come dicevo questo impianto è sfortunato, si protrae da molto tempo, non si vede un futuro certo, non si capisce bene il perchè, e speravo di avere buone notizie nel consulto circa la possibilità di una naturale evoluzione in meglio.



[#6] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Come le ho detto nella mia ultima replica:

"Più ci si allontana con le date dai tempi indicati dalle soluzioni 1 e 2 (collocandosi nell'intervallo di tempo compreso tra 1 e 2) più potrebbero (uso il condizionale ) aumentare i rischi che qualcosa vada storto."

Orbene, 7 settimane circa (forse anche meno?) si colloca nell'intervallo considerato a rischio:
-ancor più dopo un fallimento,
-ancor più se l'impianto è stato reinserito subito dopo aver rimosso quello fallito
-ancor più se si considera che l'impianto va inserito in osso rigenerato (ha parlato di un rialzo di seno mascellare) come nel suo caso...

Io in casi analoghi al suo non metto neanche la vite di guarigione contestualmente all'impianto ma posiziono la vite tappo e faccio guarire sotto-gengiva per riaprire a 4-6 mesi e poi protesizzare.

E' il modo che più mi piace per approcciare il problema, senza pretesa alcuna che sia l'unico modo corretto.
Possibile comunque che sarebbe andata ad ogni modo male...questo non posso dirglielo.

Mi spiace non averle potuto dare le rassicurazioni che ricercava ma credo che se c'è mobilità e dolenzia a 8 settimane non ci si possa illuder più di tanto.

Se ritiene ci tenga informati dell'evoluzione.

In bocca al lupo
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra
enzodiiorio@hotmail.it

[#7] dopo  
Utente 298XXX

"2- si sceglie di protesizzare dopo la guarigione ossea dunque dopo 10-12 settimane".
"Orbene, 7 settimane circa (forse anche meno?) si colloca nell'intervallo considerato a rischio:
-ancor più....ecc."

Invece credo mi dia qualche speranza: visto che è una sola settimana che porto il moncone e corona con nessun trauma, visto che posso andare dal dentista e chiedere di togliermi il moncone e rimettermi la vite di guarigione, quindi tornare ad essere dentro i tempi di attesa 10/12 settimane per il consolidamento osseo e aspettare come se nulla fosse stato fatto, che può succedere di negativo? Nulla.

A suo tempo mi è stato spiegato della evoluzione nella neo formazione ossea nei periodi di scesa e poi di risalita di stabilità, come anche lei mi ha piacevolmente ripetuto.
Perchè non aspettare? Senza carico, dico bene?

[#8] dopo  
Dr. Paolo De Carli

28% attività
4% attualità
16% socialità
MAJANO (UD)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2012

Perchè SE ormai l'impianto non è osteointegrato, non può "tornare indietro" rimettendo la vite di guarigione, biologicamente non funziona così.

Semplicemente non può condizionare la risposta biologica a tentativi, purtroppo.

Inoltre, in caso di rialzo del seno mascellare e con un impianto già fallito, come le è stato già spiegato il carico a circa 7 settimane espone ad un rischio molto, molto più alto rispetto ad una guarigione sommersa con almeno 6 mesi di attesa.

Immagino che il suo dentista l'abbia informata di questo.

Dr. Paolo De Carli
Specialista in Odontostomatologia
www.studiodecarli.com

[#9] dopo  
Utente 298XXX

Buongiorno,
"Inoltre, in caso di rialzo del seno mascellare e con un impianto già fallito, come le è stato già spiegato il carico a circa 7 settimane espone ad un rischio molto, molto più alto rispetto ad una guarigione sommersa con almeno 6 mesi di attesa
Immagino che il suo dentista l'abbia informata di questo".

Non solo non mi ha informato di questo, ma mi ha proprio messo il carico a circa 7 settimane...
come da mia descrizione.

[#10] dopo  
Utente 298XXX

Gentili Odontoiatri, mi pregio postare un aggiornamento e chiedere consiglio:
il mio dentista, convinto della stabilità dell’impianto avuta dal valore elettronico ISQ di 69 ha eseguito varie prove di sostituzione di moncone compreso uno previsto, corredato di una vitina in metallo oro, la quale essendo un metallo malleabile doveva fare corpo con l’impianto stesso senza poi più muoversi. Ma il dolore che accusavo ad ogni manovra degli avvitamenti e svitamenti, sia il portare questo pezzo mobile in bocca fastidioso alla masticazione, pur con cibi teneri, lo ha indotto a fermarsi e rivedere e rivalutare la osteo integrazione e la stabilità dell’impianto, ammettendo anche la possibilità di inaffidabilità dei valori ISQ. Si è consultato con un collega impiantologo.
Il consulto ha dato come risposta la decisione di rimuovere l’impianto compresa una buona asportazione del tessuto fibrotico, attendere 40 giorni, reimpiantare un impianto corto da 12 mm di altezza, e aspettare di nuovo 4 mesi per poi procedere al carico.
A mia richiesta se vi era una infezione attorno all’impianto mi ha risposto di no.

Posso chiedere gentilmente un parere ed eventuale suggerimento su quanto mi è stato prospettato?

[#11] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Io in casi come il suo (2 fallimenti) tolgo l'impianto, aspetto non meno di 8-10settimane e poi inserisco un nuovo impianto che faccio guarire in maniera sommersa 4-6 mesi.

Cordiali saluti
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra
enzodiiorio@hotmail.it

[#12] dopo  
Utente 298XXX

Grazie molte, la sua indicazione la prendo come oro colato. 6-10 settimane e l'impianto sommerso 6 mesi. Provvederò che sia così.
Ho intenzione di chiedere di fare una protesi mobile, con gancetti, del dente mancante, da togliere dopo ogni pasto, per non perdere la masticazione. Migliori saluti

[#13] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Non 6-10 settimane ma 8-10 settimane.

Cordialità
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra
enzodiiorio@hotmail.it

[#14] dopo  
Utente 298XXX

Giusto, 8-10 settimane. Sbagliato a digitare ma in mente erano da 8 a... Grazie ancora.
Al prossimo aggiornamento.

[#15] dopo  
Dr. Paolo De Carli

28% attività
4% attualità
16% socialità
MAJANO (UD)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2012

A quanto ben detto dal Dott. Di Iorio aggiungo che se c'è la disponibilità di spazio osseo verticale di 12 mm, che senso ha aver fatto il rialzo di seno mascellare?

Un impianto di 12 mm NON è un impianto "corto" ma un impianto "normale" ed è più che sufficiente per una riabilitazione semplice come la sua.

Dr. Paolo De Carli
Specialista in Odontostomatologia
www.studiodecarli.com

[#16] dopo  
Utente 298XXX

Il rialzo del seno è avvenuto in concomitanza di intervento di asportazione di una ciste a sole nascente di origine infiammatoria, con essudato purulento, eseguita da un maxillo facciale nello studio del dentista contemporaneamente al posizionamento dell'impianto.
Non so spiegare sui 12 mm proposti ora, per quel che vedo nell' orto panoramica del primo impianto questi sembra lungo 15-16 e sfora di 1 mm nella linea del seno mascellare ma comunque all'interno del rialzo, diametro circa 3-3,5 mm; poi questo impianto è stato rimosso essendo instabile per accogliere contemporaneamente uno nuovo di 6 mm di diametro e, facendo proporzione rispetto alla larghezza, sui 14 mm di lunghezza. Anche questo secondo risulta instabile.

Adesso ho seri problemi di scelta, non capisco perchè dopo il primo fallimento non ha aspettato i tempi ortodossi, non capisco perchè tutte e due le volte ha provato a sostituire più monconi negando l'instabilità per effetto di strumentazione elettronica rispetto a due dita che sentono il vitone muoversi nell'osso.

Non so che devo fare, sono sfiduciato, per ora sto fermo, ho l'impianto senza moncone ma con vite di guarigione, e attendo una ispirazione di decisione.

[#17] dopo  
Dr. Paolo De Carli

28% attività
4% attualità
16% socialità
MAJANO (UD)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2012

Non possiamo conoscere on-line la situazione del tessuto osseo al momento del primo intervento e quello allo stato attuale.

Personalmente in un sito vicino ad essudato purulento, non avrei inserito contestualmente all'intervento di asportazione della cisti anche l'impianto, ma avrei prudenzialmente atteso almeno due-tre mesi.

Tenga presente che il successo implantare dipende da svariati motivi tra cui la mano, l'esperienza e la testa "sapiens" dell'operatore: non è solo una questione di diametri e lunghezze e sono comunque personalmente convinto che la fixture debba essere scelta solo tra quelle che presentano dati scientifici seri in studi internazionali multicentrici e pubblicati su riviste conosciute.






Dr. Paolo De Carli
Specialista in Odontostomatologia
www.studiodecarli.com

[#18] dopo  
Utente 298XXX

Più che mai giusto, ma come può il paziente appurare che la fixture abbia questi requisiti?

[#19] dopo  
Dr. Paolo De Carli

28% attività
4% attualità
16% socialità
MAJANO (UD)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2012

Posto che la scelta del tipo di impianto da utilizzare per il singolo caso clinico deve essere fatta dal medico, compito di questi è quello di informare il paziente prima dell'intervento comunicando (personalmente lo faccio) la scelta effettuata.

Il paziente può informarsi su internet, come sta facendo lei su questo portale, ma alla fine deve decidere se fidarsi del professionista (non scegliere la terapia) e decidere se accettare la proposta terapeutica.

Ovviamente la cosa più importante è la scelta del medico che va fatta in modo accurato e non frettoloso, appunto con fiducia, per esempio sulla base del tempo che viene impiegato ad un'attenta visita clinica, alla spiegazione del percorso terapeutico, alle eventuali controindicazioni, alle alternative.

Alla fine ritengo corretto che il paziente conosca tutti questi dati (anche il tipo di impianto utilizzato) così come lei probabilmente conosce la marca dei suoi occhiali, oppure sa la differenza tra un farmaco "di marca" e uno "equivalente" e poi sceglie.

Alcuni operatori sostengono che la scelta del tipo di impianto debba essere fatta solo al momento dell'intervento sulla base delle situazione clinica che si troveranno ad affrontare, oggi però una accurata analisi pre-operatoria anche con eventuale TAC Cone Beam, permette di sapere in anticipo tutti i dati indispensabili senza alcuna sorpresa al momento della chirurgia.

Inoltre deve considerare che come tutto, in medicina, anche gli impianti non possono avere il 100% di successo, ma alcuni impianti si avvicinano molto altri un po' meno.

Il fatto comunque più importante rimane sempre la scelta di un dentista/medico competente, assolutamente la cosa fondamentale che lei è chiamato a fare.



Dr. Paolo De Carli
Specialista in Odontostomatologia
www.studiodecarli.com

[#20] dopo  
Utente 298XXX

Ancora molte grazie, il suo aiuto e consiglio mi è veramente molto utile. Cercherò di procedere al meglio. Mi pregerò ad un aggiornamento.

[#21] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
L'UNICO requisito (e sottolineo l'UNICO) che deve avere una fixure è la certificazione CE.
E ce l'hanno tutti quelli messi in commercio.

Precisato questo, ritengo come il collega che la scelta del tipo di impianto spetta all'implantologo in rapporto alle specifiche situazioni cliniche.
Non esiste un tempo codificato per rifare l'intervento implantare.
Dipende dalle varie situazioni cliniche.
Spesso lo rifaccio contestualmente alla rimozione dell'impianto preesistente, se vi sono le condizioni cliniche e ossee.
Altre volte aspetto 3-4 settimane.
Altre volte 3-4 mesi.
Ogni volta è diverso perchè la situazione è diversa.

La mano, l'esperienza e la testa dell'operatore: ha detto bene il collega e amico dr. Paolo De Carli.
Solo questo è fondamentale.

L'impianto con la vite di guarigione o è fermo, e allora va caricato, o da fastidio quando lo si tucca, e allora va rimosso e sostituito.
L'unica cosa da non fare è lasciarlo li in atttesa di un intervento divino.


www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#22] dopo  
Utente 298XXX

"L'unica cosa da non fare è lasciarlo li in attesa di un intervento divino", molto esplicativo e sollecitante: Messaggio ricevuto! Grazie anche a lei Prof. Formentelli.

Finora gli impianti installati e rimossi per instabilità, stando al passport consegnatomi, hanno la marca Tigerdue 4.3x14 sostituito con un 6.0x14 posizione 16.

[#23] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
E' un valido impianto italiano, della Idi-evolution.
Non è la marca implantare il problema.

www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#24] dopo  
Dr. Armando Ponzi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2011
Gentile paziente,
solo una osservazione integrativa a quanto detto dai colleghi.
Lei parla di rialzo di seno mascellare: questa procedura prevede dei tempi di attesa pre-impianto e post impianto molto più lunghi di un impianto messo nel proprio osso non rigenerato.
Una conebeam è necessaria per valutare l'entità tridimensionale della rigenerazione e la sua consistenza.
L'impianto in rigenerazione ossea può prevedere un carico progressivo, ma primariamente, va compresa la qualità primaria dell'osso rigenerato: se inadeguata il margine di successo si ridurrà di molto.
Cordiali saluti.
Dr. Armando Ponzi
www.sgfmedical.it

[#25] dopo  
Utente 298XXX

Grazie dr. Ponzi, il cone bean dovrebbe essere un dentalscan, da eseguire.
Comunque per ora non posso fare altro che rimuovere l'impianto e far riposare l'osso, anche come sopra mi è stato consigliato dai gentilissimi odontoiatri intervenuti.
Un reimpianto contestuale è già stato eseguito ed anche questo è fallito. Quindi 10 settimane prima di ritentare, previo cone bean di valutazione

[#26] dopo  
Utente 298XXX

Buongiorno, eravamo rimasti che il consiglio gentilmente avuto era che dopo l'estrazione dell'impianto non stabile era ottimale aspettare 8-10 settimane, prima di impiantare un nuovo impiatnto, tenerlo poi sotto gengiva per 6 mesi.

Ebbene l'estrazione dell'impianto è avvenuta lunedi dell'ultima settimana di giugno e il nuovo impianto avverrà a fine settembre, pari a 14 settimane, domanda, sono troppe? Grazie

[#27] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Vanno bene 0, 3, 8, 14, 30 settimane.
Dipende da caso a caso.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#28] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
A 3 mesi il sito dove è stato rimosso l'impianto dovrebbe esser guarito con osso già mineralizzato, dunque si è in una condizione in cui, in presenza di volumi ossei adeguati,solitamente la chirurgia implantare risulta più semplice.
In bocca al lupo.

Cordialità
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra
enzodiiorio@hotmail.it

[#29] dopo  
Utente 298XXX

Bene, grazie per gli interventi, sono più tranquillo. Arrivederci al prossimo aggiornamento.

[#30] dopo  
Utente 298XXX

Buongiorno a tutti.
Il consiglio avuto che a me sembrava più giusto era che in casi come il mio, 2 fallimenti, fosse di rimuovere l'impianto, aspettare non meno di 8-10 settimane e poi inserire un nuovo impianto da far guarire in maniera sommersa 4-6 mesi.

Mi pregio fare l’aggiornamento ad oggi, dopo 3 mesi dalla rimozione dell'impianto instabile, il tessuto osseo si è normalmente mineralizzato, mi è stato installato un impianto di 6 mm diametro e circa 12 altezza (poi avrò i dati in cartellino da conservare), con una vite di guarigione a chiusura. Da prendere antibiotici per 3 giorni e cloroxidina gel.
Quindi l’impianto non è in maniera sommersa sotto gengiva e non sembra si debba attendere 4-6 mesi ma, a 8 settimane verrà avvitato il moncone con corona.
Chiesto se era il caso di aspettare, mi è stato risposto che 2 mesi sono sufficienti. L'odontoiatra sembra molto sicuro di se. Che dire, e che fare?

[#31] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
"Quindi l’impianto non è in maniera sommersa sotto gengiva e non sembra si debba attendere 4-6 mesi ma, a 8 settimane verrà avvitato il moncone con corona.
Chiesto se era il caso di aspettare, mi è stato risposto che 2 mesi sono sufficienti. L'odontoiatra sembra molto sicuro di se. Che dire, e che fare? "

Le abbiamo già dato, concordi, il nostro parere.

Non ho, personalmente, mutato opinione.

IO aspetto in genere 6 mesi per il superiore; dato che ci sono di mezzo fallimenti precedenti probabilmente da tempo di osteointegrazione insufficiente e 75 anni, aspetterei anche di più.

Ogni dentista può fare diverso, prendendosi ovviamente gli onori e le rogne eventuali.

www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#32] dopo  
Utente 298XXX

"IO aspetto in genere 6 mesi per il superiore; dato che ci sono di mezzo fallimenti precedenti probabilmente da tempo di osteointegrazione insufficiente e 75 anni, aspetterei anche di più"

Giustissimo, grazie ancora. Provvederò al rinvio fino al sesto mese.
Di nuovo al prossimo aggiornamento.

[#33] dopo  
Utente 298XXX

Mi pregio aggiornare, sono due mesi dal posizionamento del nuovo impianto. Una endorale di due settimane fa mostrava un buon esito della riformazione ossea.
Visita odierna di controllo, è stata svitata la vite di guarigione e si è sentito un cattivissimo odore come di putrefazione. Ha spinto lateralmente con il dito sulla gengiva, in pratica spremendo, ha riferito che non vi era nessuna fuoriuscita di materiale infetto.
Ha eseguito la misurazione della stabilità con apparecchio elettronico su antennina infilata nell'impianto, valori 65 e 75 nel range della accettabilità.
Ha pulito la vite, applicato del disinfettante è l'ha riavvitata. Controllo prossimo a tre settimane.

Mia domanda, per favore, è normale quel cattivo odore alla rimozione della vite di guarigione? Mi debbo preoccupare?

[#34] dopo  
Dr. Armando Ponzi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2011
Gentile paziente,
il cattivo odore ci può stare ed è interno all'impianto. Il collega le ha messo un disinfettante prima di rimettere la vite e dovrebbe andare meglio al prossimo incontro. Per come racconta, l'impianto apparirebbe integrato correttamente.
Cordiali saluti
Dr. Armando Ponzi
www.sgfmedical.it

[#35] dopo  
Utente 298XXX

Grazie mille Dr. Ponzi.