Utente 373XXX
Salve, avendo il sospetto di avere un forte serraggio dei denti e soffrendo anche di ernie cervicali e acufene mi sono recato da un dentista-gnatologo che, dopo avermi visitato, ha preso le impronte dei miei denti per far realizzare un bite.
Tra visita e realizzazione dell'oggetto spenderò circa 1200 euro (400 già versati come anticipo). Ho appreso che in farmacia il costo di un simile oggetto è di circa 50 euro ma ovviamente non può raggiungere la precisione di un qualcosa fatto su misura. Ciò premesso, mi rivolgo a voi specialisti per sapere se a vostro giudizio il costo è elevato o congruo. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2010
Se parliamo di gnatologia i bite venduti in farmacia non servono praticamente a nulla, quand'anche non sono addirittura deleteri per l'apparato stomatognatico: essendo infatti di materiale morbido favoriscono il perpetrarsi della parafunzione (in pratica favoriscono l'accentuarsi del bruxismo).
Se lei mette una gomma da masticare in bocca innesca un processo che attiva i muscoli masticatori, stessa cosa con un bite morbido.
Al limite possono essere utilizzati come paradenti durante le attività sportive che comportano contatto fisico e rischio di traumi maxillo-facciali.
Lei dallo gnatologo non sta acquistando un prodotto (il cui prezzo per quanto più elevato di quello venduto in farmacia non rappresenta la componente sostanziale della parcella), sta "acquistando" il tempo e il ragionamento diagnostico -terapeutico del professionista che farà realizzare da un laboratorio un bite conforme alle sue esigenze e necessità e lo adatterà man mano che questo si renderà necessario.

Cordiali saluti
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra specialista
enzodiiorio@hotmail.it

[#2] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
I bite morbidi automodellanti spesso peggiorano il bruxismo e non possono essere terapeutiche per le altre patologie di tipo gnatologico.

Un bite rigido è un presidio terapeutico individualizzato.
Lei ci parla di bruxismo nella variante serramento, ma probabilmente non è l'unica patologia di cui lei soffre a livello gnatologico.
Il professionista che la segue ne è invece a conoscenza.

Tenga inoltre conto che il bruxismo a carattere serramento è determinato per lo più dalla gestione dell'ansia, dello stress e della rabbia, e il bite, oltre alla funzione terapeutica per le altre patologie connesse, ha l'importante funzione protettiva della dentatura.

Altre info sul bruxismo qui:
www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1363-bruxismo-diagnosi-terapia.html
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Urciuolo

20% attività
0% attualità
0% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2011
Concordo con il collega, inoltre è sempre difficile giudicare l'onorario di un professionista, soprattutto se specialista in un settore specifico.
L'importante è l'instaurarsi di un rapporto di fiducia tra lei e il professionista.
Cordiali Saluti
Dr. Vincenzo  Urciuolo

[#4] dopo  
Utente 373XXX

Dottor Formentelli, io ho parlato al mio dentista di problemi cervicali (ernie), dolori estesi a tutta la parte sinistra della testa e di un sospetto serraggio eccessivo durante la notte (anche se tendo ad avere un serraggio forte anche di giorno).
Dotto Urciuolo, bene, la ringrazio, non intendevo mettere in discussione l'onorario del suo collega, ma solo farmi un'idea perché personalmente sono del tutto ignorante in materia! Grazie

[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Urciuolo

20% attività
0% attualità
0% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2011
Gentile utente, puó consultare sul web il Tariffario Andi, associazione nazionale dentisti italiani, non è aggiornato, ma è un punto di riferimento. Quando fu formulato scatenó polemiche perchè stabiliva un riferimento massimo, non applicabile secondo molti ad una professione intellettuale,
È sempre difficile parlare di tariffe perchè dipendono da svariati fattori, esperienza e professionalità, Regione e posizione dello studio, ad esempio.
Cordiali Saluti
Dr. Vincenzo  Urciuolo

[#6] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
il tariffario ANDI a cui fa riferimento il collega è disponibile qui:
www.studioformentelli.it/upload/43/ANDI_Tariffario_2008.pdf

Mentre nelle altre sezioni ì dati sono generalmente attendibile e indicativi, nella sezione gnatologia è purtroppo tutto sbagliato.
E' stato infatti redatto su una inchiesta fra i soci ANDI generalisti, non specificatamente fra i soci che si dedicano alla gnatologia.

Personalmente contesto l'incompetenza sull'argomento gnatologico dei due colleghi che l'hanno redatto (uno lo conosco personalmente ed è un mio carissimo amico, non particolarmente ferrato in gnatologia).

Dire "bite" è come dire "pillola".
Nel nomenclatore vengono ridotti a due semplici categorie:
"Nite guard" tempo medio 30', range di costo 300-500 euro,
"Bite funzionalizzato" tempo medio 90', range di costo 400-800 euro.
Tali tempi di esecuzione sono semplicemente ridicoli.

Un "nite guard", dispositivo di protezione dei denti dalle conseguenze del bruxismo da digrignamento (usura eccessiva dei denti, dolori cervicali, mal di testa) è facilmente realizzabile da ogni dentista, e il costo indicato è adeguato (il tempo di realizzazione decisamente meno).
Noti che ho parlato di "protezione dalle conseguenze del bruxismo da digrignamento", NON di riduzione del bruxismo.




"Io ho parlato al mio dentista di problemi cervicali (ernie), dolori estesi a tutta la parte sinistra della testa e di un sospetto serraggio eccessivo durante la notte (anche se tendo ad avere un serraggio forte anche di giorno)."

Questo è corretto.



Sulla base delle informazioni da lei fornite (si chiama anamnesi, in termini tecnici) lo gnatologo la visita (e comprende quella parte che, in termini tecnici, si chiama esame obiettivo) e mettendo insieme tutti i pezzi del puzzle cerca di arrivare ad una diagnosi.

Questa diagnosi complessiva e il motivo che ha spinto lo gnatologo all'allestimento di un bite, e le sue specifiche costruttive, ci sono al momento ignoti.
L'obiettivo era solo proteggere i denti dal bruxismo?
Da quale bruxismo: serramento, digrignamento o forma mista?
Come interagiscono le altre patologie concomitanti, ernie, malfunzionamenti complessivi della bocca?

Da quello che le ho descritto è facile capire perchè, sulla base delle informazioni fornite, è impossibile dare una risposta alle sue domande.


www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)