Utente 113XXX
Ho 32 anni, M, peso 82Kg alto 1.75

Da circa cinque anni soffro di dolori diffusi in tutto il corpo. In particolar modo i dolori sono iniziati dalle gambe pesanti e dolenti tutte le sere, dopo sono passati alle anche successivamente le braccia e via via per tutto il corpo. In particolar modo sono i tendini a farmi male. La parte sinistra del mio corpo è quella che soffre di più di questa situazione.

Gli altri sintomi che si presentano sono:
- da un anno acufeni 24h su 24h come un fischio continuo che si alterna durante il giorno da forte a molto forte, con abbassamento dell'udito.
- Saltuariamente caviglie, braccia o la parte tra pollice e indice gonfia
- una fortissima astenia
- spesso mi cadono oggetti dalle mani , ho mal di testa frequenti, abbandonante sudorazione fredda in particolar modo quando fa caldo
- non so se c'entra qualcosa ma diciamo diarrea o feci molle da qualche anno

RM CERVELLO
di seguito riporta risultato rm cervello e tronco encefalico senza contrasto (segnata dall'otorino per gli acufeni)
diciamo tutto nella norma a parte Flagosi della mucosa al pavimento del seno mascellare di destra con aspetto di pseudocisti infiammatoria

ANALISI 09/2014
EMOCROMO tutto ok tranne monociti 12.4
uricemia 7.4
bilirubina totale 1.13
controllati valori tiroide tutto ok
esame urine tutti ok

ANALISI SEGNATE DAL REUM. AGOSTO 2015 (tra parentesi i valori risultati fuori norma)
tutti i valori nella norma
leucociti 5.8 eritrociti 5.65 emoglobina 15.9 ematrocito 47.1 vo,lum corp medio 83
contenuto hb 28.2 concent 33.8 rdw 14.5 piastrine 255
neutrofili 57.6 monociti 7.2 linfociti 30.8 eosinofili 3.7 basofili 0.7
glicemia 108 azotemia 32 creatinina 0.94 (trigliceridi 250) (colesterolo totale 207) colesterolo hdl 34 bilirubina totale sierica 0.67 bilirubina diretta sierica 0.20 acido (urico sierico 7.1) lattato deidrogenasi 355 cpk sierico 175 proteina c reattiva 0.6 reuma test 0
triiodiotironina libera 3.0 tiroxina libera 7.9 ormone tireotropo 1.5


Chiedo un consulto per, innanzitutto magari qualcuno avesse avuto un caso del genere e dirmi direttamente cos'ho, ma almeno sapere come muovermi cosa fare per individuare il mio problema.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Le caratteristiche della sintomatologia che lamenta, condizione di dolore diffuso senza evidenze obiettive ne tantomeno laboratoristiche o strumentali di rilievo, inducono a ritenere che si tratti di una sindrome funzionale di tipo fibromialgico. Ma in questo ambito è fondamentale per confermare la diagnosi procedere con una anamnesi ed un esame obiettivo approfonditi. Prenoti perciò una visita specialistica reumatologica per ottenere la conferma di quanto da me supposto. Un saluto cordiale.
Mauro Granata

[#2] dopo  
Utente 113XXX

Prima di effettuare le analisi il reumatolo dopo visita ha sospettato sintomatologia fibromialgica ma ha detto è una cosa molto strana essendo di sesso maschile. Dottore c'è qualche analisi od esame che io posso ancora fare per escludere altro?

[#3] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
La sindrome fibromialgica colpisce con una frequenza maggiore il sesso femminile ma questo non vuole dire che anche gli uomini non ne possano essere affetti. La diagnosi è una diagnosi clinica. Cordialità.
Mauro Granata

[#4] dopo  
Utente 113XXX

Holetto che spesso i fattori scatenanti della Fibromialgia possono essere parassitosi intestinale o altre piuttosto banali cause.
Il reumatologo mi ha detto se gli esami sono ok allora è Fibromialgia e proveremo ad allegerire con antidepressivi.
Possibile devo arrendermi senza nemmeno aver provato a fare un esame parassitologico o escludere altro?

[#5] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Ogni medico decide per i suoi pazienti in scienza e coscienza. Per quanto riguarda la mia personale modalità di comportamento dopo aver interrogato e visitato il paziente procedo sempre con esami personalizzati sul caso particolare per confermare la mia diagnosi. Un caro saluto.
Mauro Granata